"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Lavrov: la Turchia sta trattando segretamente con l’ISIS

La Turchia sta conducendo trattative segrete con lo stato islamico, rivelazioni del  ministro russo Lavrov.

La Turchia sta trattando segretamente con l’ISIS per trovare nuove rotte per il contrabbando di petrolio, lo ha riferito il ministro degli Esteri russo Lavrov nel corso di una intervista al giornale “Moskovski Komsomolets”.
“Dalle nostre informazioni risulta che le autorità’ turche hanno mantenuto i loro contatti segreti con l’ISIS e stanno pianificando la possibilità’ di variare i percorsi del petrolio
che  arriva di contrabbando, visto che questo traffico, nelle attuali circostanze, e’ stato fortemente compromesso per causa dei bombardamenti russi”, ha detto Lavrov.

“Siamo preoccupati per il fatto che le autorità’ turche stanno cercando di appropriarsi di una parte del territorio della Siria con il pretesto di creare una enclave dove far stazionare i profughi che si dirigono verso il confine, impedendo a questi di accedere ai campi in Turchia, dove sostengono che non ci sia più’ posto”.

“La Turchia continua a discutere di creare una zona franca in Siria all’interno del territorio libero dallo Stato Islamico”, ha aggiunto Lavrov.
“Tutti capiscono che si tratta di un territorio vicino alla frontiera che costituisce una enclave fra le due zone curde, il cui collegamento viene considerato inaccettabile dalla Turchia , dato che questo renderebbe impossibile per la Turchia far passare i rifornimenti , i miliziani e ricevere il petrolio dalle zone controllate dall’ISIS”, ha dichiarato Lavrov.
Secondo le informazioni russe le autorità’ turche starebbero gia’ discutendo con la NATO della possibilità’ di creare questa zona franca nel territorio della Siria.

Fonte: RT Actualidad

Nota: non a caso vi è’ stata in questi giorni la visita in Turchia della Merkel a cui Erdogan ha richiesto che sia la UE a finanziare la creazione di questa zona dove verrebbero creati campi di accoglienza per i profughi  siriani sotto il controllo militare turco ,con la possibilità’ di realizzare una partecipazione della NATO alle operazioni dirette contro l’Esercito siriano e contro i curdi che si oppongono ad una occupazione militare turca del loro territorio. Sarà’ inevitabile per i turchi farsi scudo dei profughi per evitare gli attacchi dell’aviazione russa sulla zona.  Se la Merkel non dovesse accettare il piano, i turchi  minacciano di sospingere verso L’Europa un milione e mezzo di profughi.

Traduzione è nota: Luciano Lago

*

code

  1. Nicola 12 mesi fa

    Il governo siriano, con l’aiuto della Russia, dovrebbe alletstire dei campi profughi all’interno della stessa Siria nell’attesa che l’esercito riporti l’ordine!

    Rispondi Mi piace Non mi piace