"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Lavrov a Roma sulla Siria: quasi tutti i gruppi armati di Aleppo est obbediscono ad Al Nusra

Quasi tutti i gruppi terroristi che si trovano ad Aleppo est ricevono ordini dal Fronte Al Nusra (attualmente autodenominatosi in Fatah al Sham), ha dichiarato il ministro degli Esteri russo, Serguéi Lavrov.
Inoltre Lavrov ha segnalato che “secondo i nostri dati, che sono oltremodo affidabili, quasi tutti i gruppi dei miliziani che operano ad Aleppo obbediscono ad Al Nusra”.

Secondo il cancelliere russo, la possibile creazione di un esercito di Aleppo è soltanto un tentativo di cambiare il marchio del Fronte Al Nusra. “Se adesso viene annunciata la creazione di un esercito in Aleppo, allora non si può scartare che sia anche questo un cambiamento di marchio del Fronte Al Nusra e con il nuovo nome fare in modo di evitare il castigo che meritano”, ha dichiarato il ministro.

Negli ultimi mesi ad Aleppo e nei dintorni le forze siriane hanno scatenato intensi combattimenti con i gruppi armati collegati con il Fronte Al Nusra (Nureddin al Zinki y Ahrar al Sham), Secondo la forza aereospaziale russa, negli ultimi giorni l’Esercito siriano ha liberato dai terroristi 16 quartieri nella zona est della città, permettendo l’uscita di 18.000 civili dalle zone controllate dai terrorristi.

Ministro russo Lavrov
Ministro russo Lavrov

In questa stessa settimana, il Centro Russo per la Riconciliazione in Siria ha annunciato la liberazione di un totale di 90.000 civili in più del 40% dei quartieri di Aleppo est.

I paesi occidentali cercano di salvare i terroristi accerchiati ad Aleppo

Il portavoce del Ministero della Difesa russo, Ígor Konashénkov, ha affermato questo venerdì che l’ONU ancora non propone di inviare aiuti umanitari per gli abitanti dei quartieri liberati di Aleppo. Anzi accade che i paesi occidentali stanno cercando di imporre sanzioni contro la Russia dopo che 80.000 civili sono stati liberati ad Aleppo.

Lo stesso portavoce russo ha riferito che, nei giorni scorsi, l’Esercito siriano ha potuto liberare quasi la metà dell’Est di Aleppo, come ha segnalato il sito Al Masdar News. “Adesso con il risultato di aver liberato circa 80.000 civili che venivano trattenuti come ostaggi e come scudi umani dai miliziani armati, sembra che questo non era il piano dei Ministeri degli Esteri del Regno Unito, della Francia, del Dipartimento di Stato USA e del Bundestag tedesco. Loro avevano richiesto anche di emettere sanzioni per questo”, ha dichiarato il portavoce russo. Ci sono anche decine di migliaia di bambini nelle aree liberate, come confermato dalle autorità.

Molti di questi civili hanno ricevuto per la prima volta alimenti, acqua potabile, assistenza medica nei centri umanitari predisposti dalla Russia. Negli anni scorsi, questi abitanti di Aleppo sono stati utilizzati come scudi umani dai terroristi di ogni risma ad Aleppo.

Era per questi civili che le fonti politiche occidentali apparentemente esprimevono preoccupazioni ma evidentemente questo era solo un pretesto.

Ancora fino a pochi giorni fa, il Ministro della Difesa francese, Jean-Yves Le Drian, aveva richiesto una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU per trattare degli avvenimenti in Aleppo dove l’Esercito siriano procedeva a liberare quartiere per quartiere. La riunione veniva richiesta “per motivi umanitari” a protezione della popolazione ad Aleppo ma questo argomento non è credibile nel momento che migliaia di civili siriani stanno ricevendo, per la prima volta dopo anni , aiuti umanitari, assistenza medica, alimenti ed alloggio sicuro dalle autorità siriane e russe , mentre le potenze europee sono state totalemte assenti, salvo inviare armamenti e munizioni in quantità ai terroristi.

Si è visto che le potenze europee, la Francia ed il Regno Unito in particolare, hanno fin dall’inizio appoggiato i terroristi che impedivano alla popolazione civile di uscire dai quartieri sotto il loro controllo e che i media occidentali hanno nascosto questo e gli episodi in cui i terroristi hanno trucidato alcuni dei civili che cercavano di fugggire. Nonostante tali fatti, i governi occidentali hanno utilizzato il pretesto dei “motivi umanitari” per poter fermare la liberazione della città da parte dell’Esercito siriano e salvare i terroristi da loro protetti e sponsorizzati.

Il veto opposto dalla Russia all’ONU ed l’atteggiamento risoluto dimostrato dalle autorità militari russe e siriane ha fatto fallire il tentativo francese di salvare in extremis i terroristi.

Fonti: Hispan Tv

Sputnik Mundo

Traduzione e sintesi: Manuel de Silva

 

*

code