"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’Amministrazione USA inventa una nuova “storia di Hollywood” per mettere sotto accusa il Governo di Damasco

di  Luciano Lago

Non contenti di aver inventato la grande “bufala” dell’attacco chimico (per la seconda volta) con tanto di sceneggiata recitata dal gruppo dei “caschi bianchi” ( un gruppo collegato ai terroristi di Al Nusra e finanziato dalla CIA e dal M16), come pretesto per scatenare un attacco missilistico contro la Siria, adesso l’Amministrazione USA lancia una nuova campagna di false accuse contro la Siria di Bashar al-Assad, accusata di nascondere “forni crematori” nel carcere di Sednaya dove vengono bruciati i corpi dei prigionieri.

La campagna propagandistica viene ripresa massicciamente da tutti i media occidentali, dalla CNN alla BBC , ABC, CBS, Sky News, ecc.., con quelli italiani naturalmente in prima linea come notizia di apertura di tutti i telegiornali in modo da presentare l’immagine di Al-Assad come il “nuovo Hitler” del Medio Oriente, per suscitare una ondata di indignazione e giustificare quindi una aggressione militare diretta contro la Siria.

Si tratta di un copione ormai sperimentato dagli strateghi e “spin doctors” di Washington: criminalizzare l’avversario che non si piega agli interessi degli USA, presentarlo in una veste del “perfido tiranno” e giustificare una azione militare, naturalmente diretta a “riportare la democrazia”.
Un copione già visto dalla ex Yugoslavia contro Milosevic, all’Iraq contro Saddam Hussein (con le fantomatiche “armi di distruzione di massa), contro Mohamad Gheddafi (“bombarda il suo popolo” dicevano) ed infine contro Bashar al-Assad e contro la Siria che da oltre sei anni combatte e non si arrende agli USA ed all’Arabia Saudita che vogliono smembrare il paese e creare il “califfato islamico a Damasco, con la complicità dei paesi europei, vassalli di Washington.

Non fa testo il fatto che le bufale abbiano poi le gambe corte, come dimostra la vicenda dell’attacco chimico smentito da vari esperti, fra cui lo stesso prestigioso Mit di Boston che ha accertato di dover escludere che un attacco con il gas sarin o altre sostanze velenose sia mai avvenuto nella zona di Idlib. Le accuse vengono pubblicizzate al massimo livello e le smentite non vengono mai pubblicate dai media al servizio di Washington, Londra e di Rijad. Vedi: Tempi.it    Vedi: Non è stato Assad

Bisogna dire che la macchina della propaganda occidentale necessitava della storia di un nuovo “olocausto”, una nuova sceneggiatura  prefabbricata ad Hollywood da lanciare come arma possente di propaganda per ottenere i propri fini di criminalizzare un piccolo paese arabo, che ha il torto di non essersi piegato all’arroganza dell’Impero USA.
Non viene perdonato ad Assad ed alla Siria di non essersi arresi di fronte allla continua aggressione di quell’esercito di mercenari provenienti da oltre 90 paesi che si è infiltrato in Siria con la complicità di Turchia, USA ed Arabia Saudita e che è stato addestrato ed armato in buona parte dagli statunitensi e britannici per compiere tutta una serie di attacchi e di atrocità contro la popolazione civile siriana che sono stati accuratamente nascosti all’opinione pubblica e denunciati da poche voci isolate al di fuori dei media ufficiali.

I “pupari” sauditi controla Siria

La chiamavano inizialmente una “primavera araba” salvo poi denominarla come “guerra civile” quella che in realtà era ed è una guerra per procura che vede coinvolte tutte le maggori potenze mondiali dagli USA alla gran Bretagna, all’Arabia Saudita, alla Turchia, ed i vari stati della Regione.

Per la Rai, per la 7 e per la Fininvest quella siriana deve denominarsi come una “guerra civile” come se non ci fossero miliziani provenienti da ogni angolo del globo, arruolati per combattere sotto le insegne dell’ISIS o di Al Nusra. Una “strana” guerra civile.
Quelli che diffondono le menzogne e denunciano i “crimini” di Assad sono gli stessi media che nascondono i veri genocidi in corso nella regione, come quello che sta avvenendo nello Yemen dove migliaia di civili, donne e bambini, vengono massacrati dai bombardamenti indiscriminati fatti dall’aviazione della coalizione saudita e statunitense, con milioni di persone allo stremo per fame e malattie (infuria anche il colera) per causa del blocco aeronavale imposto da USA e Arabia Saudita sul paese. Vedi: Petroldollari sauditi per il silenzio del mondo sulla guerra in Yemen

I crimini dei dominanti devono essere oscurati e nascosti all’opinione pubblica per non incrinare l’immagine dei “liberatori” , come hanno ben capito i vescovi di Aleppo e della Siria che hanno denunciato invano i massacri a cui la popolazione siriana è stata sottoposta per anni dai terroristi armati dall’Occidente. Quegli appelli sono sempre rimasti lettera morta ed accuratamente nascosti dai media europei.

Propaganda contro la Siria

Il Governo siriano ha risposto indignato alle accuse di Washington negando e smentendo l’esistenza di questa pretesa “fabbrica della morte” e dei forni crematori inventati dalla propaganda occidentale ed ha affermato che “il Governo USA sta operando come aveva fatto in precedenza, fabbricando menzogne e pretesti per giustificare le sue politiche aggressive e di interventi contro stati sovrani”.
Non sorprende che questa nuova campagna di menzogne arrivi all’indomani degli accordi di pace conclusi ad Astana, fra Russia, Turchia ed Iran, da cui gli USA erano stati esclusi, e risulta ovvio ritenere che si è scelto questo momento per sabotare e far fallire questi accordi.

La macchina della propaganda “made in USA” è instancabile nel costruire e diffondere menzogne ad uso e consumo degli interessi dei dominatori e può contare sulla abituale complicità dei vassalli europei e del grande apparato mediatico. Hollywood, da molti decenni, riesce a costruire la sua realtà immaginaria, divide i “cattivi” dai “buoni” e cattura le menti deboli degli spettatori.

*

code

  1. Giorgio 4 mesi fa

    Hanno iniziato con l’allunaggio e continuano…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Manente 4 mesi fa

    Nulla di nuovo, è dal 1789 che la cabala sionista mistifica la Storia e giustifica i crimini più disgustosi, dall’assassinio del filosofo Giovanni Gentile il 15 aprile del 1944 a Firenze, a quello dell’on. Aldo Moro ed a molti altri crimini rimasti impuniti. La tecnica della mistificazione sistematica della realtà ha avuto successo per troppo tempo, e dopo la distruzione premeditata di intere Nazioni e gli assassini di leader ed oppositori politici, l’impero della menzogna anglo-sionista che ora arriva ad inventare i “campi di sterminio di Assad, mostra segni di cedimento e non ci sarebbe da meravigliarsi se due solerti sicari della cabala mondialista come Napolitano e la Boldrina propongano di estendere il reato di “negazionismo” anche a coloro che metteranno in dubbio le bufale di Repubblica sull’olocausto di Assad !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Renè 4 mesi fa

    Gli USA mentono da sempre, dalle guerre contro i pellerossa, il Messico, poi come massimo sfregio verso la stupida creduloneria degl’americani, i “burattinai” iniziarono con gli autoattentati: dal Maine, all’11 Settembre.
    Ma arrivati ad oggi hanno prosciugato la loro vena creativa, così riciclano…
    Però si guardano bene dal citare un paio di cose turpi, mostruose, che “ci starebbero bene” in un articolo propagandistico contro Assad ad esempio: il commercio d’organi umani, ebbene su questa mostruosità antiumana la propaganda Israele-USA non accusa ne i russi, ne Assad, nemmeno un trafiletto, quasi non si volesse alzare la polvere, casomai a qualche lettore curioso, venisse in mente di cercare con google “USA Rabbis Israel Traffic In Human Organs”, oppure “syria child human organ harvest”.
    Ultimamente stanno mettendo le mani avanti e c’è qualche articolo di propaganda (reuters) che accusa i libanesi e non nega il traffico d’organi da parte di siriani adulti consenzienti, perchè probabilmente il “giro” è diventato enorme e c’è troppa gente coinvolta, qualcosa sta trapelando (cuore, fegato… “donati” volontariamente?!) e devono confondere le acque, ma senza agitarle troppo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mardunolbo 4 mesi fa

    Ohibò, forse abbiamo sbagliato….(noi ameri-cani):
    https://southfront.org/

    Rispondi Mi piace Non mi piace