"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’Amministrazione Obama finanzia il terrorismo in M.O.

Al Nursa terroristas

 

di Luciano Lago

Il leader della denominata Coalizione Nazionale Siriana (CNS) che rappresenta l’insieme dei gruppi ribelli che combattono in Siria, Ahmad Yarba, si è recato a Washington per perorare la causa di una aumento degli stanziamenti da parte del governo Statunitense a favore dei gruppi di ribelli che combattono per rovesciare il regime di Assad. In particolare Yarba ha richiesto al governo USA un aumento delle forniture d’armi (oltre a quelle che già ricevute) che permetterebbe, a suo dire, di mutare l’equilibrio delle forze sul campo.
Nel corso di una intervista al New York Times, Yarba ha confermato che l’opposizione armata in Siria ha iniziato a ricevere i missili anticarro modello TOW di produzione americana e che ha richiesto anche la fornitura di missili antiaerei per poter respingere gli attacchi dell’Esercito siriano.


Lo scorso Lunedì, Washington aveva annunciato la sua decisione di riconoscere agli uffici della CNS presenti nel paese lo status di “missione diplomatica straniera” così come la decisione di fornire altri 27 milioni di dollari aggiuntivi per “migliorare le capacità logistiche “ dei gruppi armati in Siria.
Da notare che il governo siriano accusa da tempo gli Stati Uniti e gli altri paesi occidentali (la Francia in particolare) e regionali, come Arabia Saudita, di offrire ampia assistenza finanziaria, logistica e di armamenti alle bande armate dei terroristi che combattono in Siria da tre anni contro il Governo di Damasco.

Per l’Amministrazione Obama risulta del tutto indifferente il fatto che in Siria operino per la maggior parte gruppi armati integralisti islamici e fanatici, collegati ad Al Qaeda, formati in maggioranza da mercenari stranieri di varie nazionalità, i quali utilizzano i metodi degli attacchi indiscriminati contro obiettivi civili, incluso scuole come avvenuto la scorsa settimana a Damasco, con largo impiego di autobombe, di colpi di mortaio contro abitazioni residenziali, tanto meno l’Amministrazione Obama si preoccupa del fatto che questi gruppi hanno proceduto al taglio della testa e sgozzamento di persone innocenti per il solo fatto di considerarli “infedeli”, come avvenuto con i cristiani e gli alawiti.
Il terrorismo da combattere per il sig. Obama, “premio nobel per la pace”, è soltanto quello dei paesi ostili agli interessi americani, per tutti gli altri paesi è accettabile quando questo terrorismo serve a rovesciare regimi considerati “non graditi” dalla Casa Bianca, come avvenuto anche per la Libia ed oggi avviene in Siria.
La popolazione siriana, vittima della complicità con il terrorismo e del cinismo della politica estera americana, saprà serbare buona memoria di tutto questo.
Nel frattempo in Siria lotta fratricida tra gruppi integralisti

Risulta che ultimamente i membri del gruppo più forte e più fanatico, quello del Fronte “Al Nusra” stanno procedendo anche alle esecuzioni capitali dei miliziani del gruppo rivale, quello dello Stato Islamico dell’Irak e del Levante (EIL), come si vede da un video dove un gruppo di miliziani dell’EIL, inginocchiati e con le mani legati, vengono uccisi tutti nel corso di una esecuzione di massa.  Vedi: Hispantv.com
I miliziani assassinati sembra che siano quasi tutti di nazionalità tunisina, accusati di essere stati infedeli ai precetti della legge islamica, così come di essere seguaci di Abu Bakr al-Bagdadi, il leader del gruppo EIL:
Lo stesso capo di AL-Qaeda, Ayman al-Zawaheri, venerdì scorso, in un proclama ha ordinato al leader del gruppo terrorista EIL, Abu Bakr al-Bagdadi , di uscire dalla Siria e di dedicarsi all’Iraq, dove, come ha affermato, occorre un grande sforzo.
Questi dunque gli “affidabili” alleati dell’Amministrazione Obama in Siria.

Fonti: Al Manar         Hispantv

 

*

code