"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’allarme di Brzezinski sul risveglio sociale

di Felica Capretta

La presa di consapevolezza collettiva e i social network sono una minaccia per lo sviluppo dell’agenda globale… Durante un recente discorso in Polonia, l’ex Consigliere per la Sicurezza Nazionale Zbigniew Brzezinski e massimo guru del “Nuovo Ordine Mondiale” e della necessità di “drogare i popoli con il tittainment” (succhiare latte dalle mammelle), una versione moderna della massima imperiale romana “ludi et circenses” per soffocare le istanze dei popoli -ha avvertito i colleghi elitisti che un movimento mondiale di “resistenza” al “controllo esterno” guidata da “attivismo populista” sta minacciando di far deragliare la transizione verso un nuovo ordine mondiale.

Definendo l’idea che il 21 ° secolo è il secolo americano “una disillusione condivisa”, Brzezinski ha dichiarato che il dominio americano non è più possibile a causa dell’accelerazione del cambiamento sociale guidato da “comunicazioni di massa istantanee come la radio, la televisione e Internet”, che hanno stimolato un crescente “risveglio universale della coscienza politica di massa.”

L’ex Consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti ha aggiunto che questo “aumento in tutto il mondo dell’attivismo populista sta dimostrando ostile alla dominazione esterna del tipo che ha prevalso nell’età del colonialismo e dell’imperialismo.”
Brzezinski ha concluso che “la resistenza populista persistente e fortemente motivata di coscienza politica e dei popoli risvegliati e storicamente avversi al controllo esterno ha dimostrato di essere sempre più difficile da eliminare.”

Anche se Brzezinski ha commentato in tono neutro, il contesto in cui ha parlato, unitamente alle sue precedenti dichiarazioni, indicherebbe che questa non è una celebrazione della “resistenza populista”, ma una perplessità per l’impatto che questo sta avendo sul tipo di “controllo esterno” che Brzezinski ha sostenuto più volte.
Queste considerazioni sono state effettuate a un evento per il Forum europeo per le nuove idee (EFNI), un’organizzazione che sosterrebbe la trasformazione dell’Unione europea in un anti-democratico federale superstato, il tipo stesso di “controllo esterno” a cui messa in pericolo è stata sottolineata da Brzezinski durante il suo speech.

In questo ambito, bisogna comprendere che l’argomentazione di Brzezinski sulla “resistenza populista” di notevole ostacolo per l’imposizione di un nuovo ordine mondiale è da interpretare più come un avvertimento che come riconoscimento/celebrazione.
Tieni anche in considerazione ciò che Brzezinski ha scritto nel suo libro Between Two Ages: il ruolo dell’America nell’era tecno-digitale, in cui ha sostenuto il controllo delle popolazioni da parte di una classe politica tramite la manipolazione digitale.

“L’era digitale comporta la comparsa graduale di una società più controllata. Una tale società sarebbe dominata da una élite, libera da valori tradizionali. Presto sarà possibile esercitare una sorveglianza quasi continua su tutti i cittadini e mantenere file completi ed aggiornati che contengono anche le informazioni più personali di ogni cittadino. Questi file potranno essere accessibili in realtime da parte delle autorità “, ha scritto Brzezinski.
“Nella società digitale la tendenza sembra essere verso l’aggregazione dei supporti individuali di milioni di cittadini non coordinati, facilmente alla portata di personalità magnetiche ed attraenti che sfruttano le più recenti tecniche di comunicazione per manipolare le emozioni e controllare le decisioni”, ha scritto nello stesso libro. La preoccupazione improvvisa di Brzezinski per l’impatto di una popolazione politicamente risvegliata globale non è figlia dell’idea che Brzezinski si identifichi con la stessa causa. Brzezinski è il fondatore della potente Commissione Trilaterale, un luminare del Council on Foreign Relations ed un partecipante regolare del Bilderberg. Una volta è stato descritto dal presidente Barack Obama come “uno dei nostri pensatori più importanti”. Questa non è affatto la prima volta che Brzezinski ha lamentato la crescita di una opposizione populista alla dominazione da parte di una piccola elite.

Era stato nel corso di un meeting del CFR del 2010 che Brzezinski aveva avvertito i colleghi globalisti colleghi che un “risveglio politico globale”, in combinazione con lotte interne tra le élite, minacciava di far deragliare la transizione verso un governo mondiale.
Nota caprina: e noi, allora, ne avevamo parlato. Perchè quando Brzezinki parla, è sempre opportuno ascoltare con attenzione.

Fonte: Disinformazione.it

*

code

  1. Eugenio Orso 1 mese fa

    Se guardo all’Italia e alla situazione in cui versa la sua popolazione, il “risveglio” anti-elitista temuto da Zbigniew Brzezinski non lo noto proprio …
    Anzi, sta andando in onda, in questi giorni e in queste ore, la finta “resa dei conti” interna all’infamissimo piddì, che potrebbe preludere alla nascita di un’ennesima FO (falsa opposizione), questa volta dichiaratamente sinistroide, atta a spostare eventuali (ma purtroppo remote) proteste popolari sul solito binario morto, costituendo un comodo serbatoio di voti, da utilizzare, all’occorrenza, per sostenere le controriforme elitiste.
    Molto pericolosa e ingannevole è la figura di Emiliano, improvvisamente emersa, mediaticamente e propagandisticamente, come “volto umano” all’interno del piddì, per ingannare il popolo.
    Mentre Emiliano e gli altri (Speranza e Rossi) si ergono a paladini del “popolo di sinistra” e, addirittura, delle classi povere vessate dai renziani per c/ troika, gli stessi vogliono tenere in piedi il governo-Quisling Renzi-bis/Gentiloni fino al 2018 … Non pare, questa, una contraddizione?
    Evidentemente no, perché gli italiani – e soprattutto quella morchia idiotizzata che è il “popolo di sinistra” – ci cascheranno in pieno!

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 1 mese fa

      Ciò che mi diverte/terrorizza di più è la comparsa di nuovi comici che battono Grillo per ko tecnico e cioè Storace e Alemanno che si definiscono la nuova destra, ah ah ah.
      E’ da quando ho l’uso della ragione che vado ripetendo che in Italia la destra non esiste, infatti Benito era un socialista che si è trasformato in un diverso di sinistra, quindi a parole abbiamo solamente la “SINISTRA”.
      Artare secondo la propria volontà l’etimologia dei termini è invalsa in modo prepotente in forza dell’imbecillità media degli italiani che si bevono ogni fiaba.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Salvatore Penzone 1 mese fa

    Il Risveglio c’è, ne è testimonianza la diffusione dei movimenti sovranisti e l’alleanza di gruppi di nazioni che si oppongono alle politiche mondialiste. Anche le lotte interne tra le élite sono presenti e sono sempre più forti come testimonia l’opposizione alla presidenza Trump. Il loro governo mondiale non è solo minacciato, sembra siano arrivati al capolinea a meno di pericolosi colpi di coda. Sono stati costretti ad accelerare quel processo di destabilizzazione delle sovranità nazionali, sotto la spinta dell’alleanza russo-cinese, dei BRICS, dell’abbandono del dollaro negli scambi commerciali, della creazione di una banca che finanzia lo sviluppo dei paesi emergenti e soprattutto sotto la spinta della possibile sconfitta definitiva del terrorismo e la conseguente creazione di alleanze impensabili fino a poco tempo fa con Iran, Siria, Iraq, Egitto, il Libano di Hezbollah, la Libia del generale Khalifa Haftar e con la possibile aggregazione della Giordania. A causa di quest’accelerazione non hanno avuto il tempo necessario per modellare la coscienza delle popolazioni europee in modo che accettassero le loro guerre e i flussi di rifugiati che da queste fuggono, il che ha procurato quel risveglio che tanto temono e che difficilmente riusciranno a domare con i loro bavagli. Per quanto riguarda la politica italiana, sono d’accordo sul fatto che è formata da gente senza nessuna credibilità. Siamo una colonia la cui classe politica da Mani Pulite in poi è modellata completamente secondo gli interessi e le direttive dei padroni d’oltre oceano.
    Forse per una classe politica vera dovremo aspettare l’uscita dalla NATO, anche se si è venuto a creare un movimento sovranista deideologizzato che abbraccia sotterraneamente tutte le categorie sociali e tutto l’arco dei partiti. Esso è formato da personalità politicamente consapevoli e di un certo spessore tecnico e scientifico per quanto riguarda il centro focale di tutte le contraddizioni dell’attuale quadro nazionale e internazionale, che è l’economia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tania 1 mese fa

    Vado completamente fuori tema, più che altro dirò di un pensiero sul mio povero paese.
    L’Italia nasce nel dopoguerra come colonia americana guidata dalla DC. Qualunque partito si sia aggiunto alla DC era come la DC, se prima non lo era, lo diventava, gli italiani in un benessere generalizzato hanno alzato la cresta, i nostri padroni sono intervenuti, e con tangentopoli hanno tolto di mezzo il vecchio regime ufficiale e hanno messo il nuovo, cioè sempre i democristiani di prima, ma da veri imperialisti quali sono non hanno fatto mettere in piedi una nuova DC, hanno messo i democristiani dentro il partito della classe lavoratrice, un forte partito, dato che la Costituzione italiana recita che siamo una Repubblica fondata sul lavoro, e quindi diventa logico che i lavoratori avessero messo in piedi un partito grosso, erano tanti! Questa cosa è riuscita con il tradimento dell’intera vecchia classe dirigente del partito dei lavoratori che, ma va, è ancora dentro il “nuovo partito democristiano”, ovvero il PD, che quando sento uno di destra parlare male del PD, Poltrone&Divani, davvero trasecolo.
    E mi è venuto in mente un giorno al lavoro, entra il capo con questo tipo, un pezzo grosso della COOP (sei tu..) mentre faccio il mio lavoro il capo gli chiede per il pagamento, solite cose, un acconto, poi la 1° fattura, poi la2°, bla bla, io non riesco a stare zitta, “che strano, quando vengo alla Coop a fare la spesa li volete subito” E li ho capito che mi ero giocata un buon posto di lavoro, invece mi tennero, e seppi pure che fummo ben pagati e velocemente, ma questo mi ha fatto capire come funziona l’Italia, ci sono 2 Italie, una che produce, che manda avanti la baracca, e una altra parassita, ma parassita proprio che senza la prima morirebbe, per forza, è parassita. E ho pensato al governo peggio della Coop, che quella almeno paga, il governo non paga. Ma non è vero. Il governo ci dice altro, il governo ogni giorno ci fa l’elenco preciso dei mafiosi e dei concussi, il governo paga puntualmente, e non paga mai, basta guardare chi sono quelli pagati puntualmente e quelli che si suicidano perché il governo non li ha pagati, i primi sono mafiosi, i secondi no. I concussi stanno in mezzo alle 2 categorie.
    Ebbene, anche questa ormai è storia vecchia, oggi le cose i nostri padroni le hanno ulteriormente cambiate, oggi l’Italia è ufficialmente una Repubblica senza lavoro e lavoratori, oggi è una Repubblica antidemocratica basata su una massa di zombie finti-allegri, che ancora non sono ai livelli ottocenteschi perché hanno genitori e nonni che erano formichine e hanno saputo e potuto mettere da parte i risparmi. I nostri padroni le provano tutte per depredarceli, non perché abbiano bisogno dei nostri risparmi, no, infatti li lasciano rubare ai loro sottoposti, vogliono noi, la nostra testa, pare che ci abbiano creati perché avevano bisogno di schiavi, non è che i nostri creatori sono ancora qua in incognito? Il dubbio viene, per me sono cretinate, sono altri come me che mi vogliono schiava, altro che storie.
    Scusate il fuori tema. Ne approfitto per salutare il padrone, buongiorno USA, oggi quanti esseri umani hai intenzione di ammazzare per il suo bene?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 1 mese fa

      Correggo :
      Ne approfitto per salutare il padrone, buongiorno USA, oggi quanti esseri umani hai intenzione di ammazzare per il loro bene?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tania 1 mese fa

    Il popolo americano.
    Il popolo americano è grato. Vive di sogni e gratitudine per l’opportunità che i razziatori della terra dei nativi americani gli ha dato, che la nuova Terra è la Terra promessa. Hai un problema? Ma cosa vuoi risolvere! Vai nel nuovo mondo, troverai te stesso…
    Potrebbe fin sembrare una minaccia…
    Ed eccolo il popolo americano , in un paese dove il governo non da niente, niente di niente, non è il loro governo, non hanno un governo che ha dei doveri verso i suoi cittadini, è solo un governo di addestratori militari dove i soldati oltretutto non hanno nemmeno il rancio gratis, tutto in USA è guerra, i telefilm, i film, i giochi per bambini, tutto, è guerra, riassumendo, il popolo americano fa tutto per avere in cambio dal suo governo sogni miseria e mutilati garantiti…
    Io vado al negozio e compro 1 etto di prosciutto, prendo il mio pacchetto, pago, ed esco, è un dare-avere, tutto è un dare-avere, poi c’era Madre Teresa di Calcutta, ma quelle sono altre storie, noi siamo in generale per il dare-avere, ebbene, stupore, il popolo americano con il suo governo è Madre Teresa di Calcutta! Se il portavoce dei padroni degli USA, ovvero il presidente americano, si alza e dice oggi invadiamo l’Italia, o qualunque altro paese del pianeta Terra, gli americani con parenti in quel paese non faranno una piega, invaderanno ed uccideranno fin i loro parenti se gli viene chiesto, in cambio di cosa? NIENTE. Un sogno…
    Sognare è bello, ma se i sogni sono belli, e comunque poi ci si deve svegliare, altrimenti bisogna chiamare il medico…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 1 mese fa

      Ho letto il mio commento a mio marito, e gli ho chiesto
      Sono così gli americani?
      Si, e forse sono anche peggio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tania 1 mese fa

    La mia ignoranza è cosmica, la mia cultura fa schifo, mi limito ad osservare il mondo, mi piace osservare le persone, e i paesi, anche se lo faccio attraverso i media, quindi limitata nelle informazioni, i media non sembra ma dicono tutto, poi noi rimuoviamo quello che non ci piace sentire, teniamo solo quello che ci piace, ma stando attenti i media ci dicono tutto, chi si ricorda la mattina dell’incidente della Costa Concordia? Nessuno, ci scommetto.
    Stavo ascoltando la radio, la notizia : una nave da crociera ha avuto una collisione con un sommergibile americano, ora si sta dirigendo verso la costa più vicina per permettere un migliore soccorso. Sentita una volta e mai più, ma una volta è stata detta… E questo accade per ogni cosa succede, solo che noi non ascoltiamo.
    La mia ignoranza non mi permette di disquisire di questioni internazionali, solo vedo Paesi, e persone, e governi.
    Non penso proprio che i russi siano migliori degli americani, o dei tedeschi, non sono santarellini, e so che non esiste un solo governo al mondo che stende tappeti rossi e lancia rose al passaggio dei suoi dissidenti, non ho mai visto un potere trattare bene i suoi dissidenti, men che meno nei cosiddetti “paesi democratici”, noi abbiamo avuto le BR, ognuno ha le sue rogne…
    Sentire le critiche di chi sopprime i propri dissidenti ad altri che sopprimono i propri dissidenti è tipico degli abitanti di questo pianeta.
    Ma in una cosa la Russia è diversa dalla super potenza USA, la Russia sa tirarsi indietro. E’ fantastica questa sua QUALITA’, inoltre la Russia è l’unica super potenza che ha cambiato pelle varie volte mentre i “paesi liberi” occidentali non sanno nemmeno cosa vuole dire. Io amo la Russia, mi si dirà chi se ne fotte, vabbè, sentivo il bisogno di manifestare il mio affetto per questo immenso in tutti i sensi paese europeo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace