"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’Algeria lancia dure accuse contro l’Arabia Saudita e gli USA per le aggressioni contro i paesi arabi

Prima o poi qualcuno dei paesi arabi doveva reagire alle spudorate menzogne  ed alle accuse lanciate da Trump nel corso della sua visita a Rijad per omaggiare i monarchi sauditi e firmare contratti miliardari di forniture di armi.

Questa reazione è arrivata dall’Algeria, paese arabo sunnita ma per niente disposto a chinare la testa di fronte all’arroganza dell’Arabia S. protetta dal suo fido alleato USA.

Il presidente dell’Assemblea Nazionale Algerina, Abdul Qadir Bin Saleh, incaricato di rappresentare l’Algeria al vertice tenutosi a Rijad, ha sfidato il presidente USA ed il suo anfitrione saudita per la catastrofica situazione determinatasi nei paesi come la Siria lo Yemen e la Libia dove sono stati effettuati gli interventi militari USA e sauditi.

Inoltre Bin Saleh, con l’occasione,  ha manifestato decisamente la posizione del suo paese davanti alle crisi che attanagliano lo Yemen, la Sira e la Libia ed ha condannato apertamente l’intervento militare del regime saudita contro il suo vicino  Yemen, non mancando di sottolineare  che a questo intervento si deve la catastrofica situazione umanitaria determinatasi nello Yemen con le migliaia di vittime civili ed anche il flagello del colera sviluppatosi nel paese per la mancanza di generi alimentari, di medicinali e di acqua potabile per causa del blocco aeronavale imposto da Arabia Saudita e d USA al paese arabo.

Abdul Qadir bin Saleh presidente Assemblea algerina con premier iraniano

Il rappresentante algerino ha fatto rilevare l’inutilità degli interventi militari esterni per risolvere le crisi di questi paesi ed ha messo in rilievo come le situazioni siano peggiorate fino a sfociare in un disastro umanitario che si deve considerare il peggiore di questo secolo da poco iniziato.

Il rappresentante algerino, a conferma delle sue accuse, ha citato la guerra in Siria causata dagli interventi esterni a sostegno dei gruppi terroristi ed in particolare dell’ISIS, che hanno determinato centinaia di migliaia di vittime e milioni di profughi che adesso si sono riversati nei paesi vicini ed anche verso l’Europa.

“Tutti siamo ormai convinti che la soluzione delle crisi di questi paesi fratelli è quella di una uscita negoziata con tutte le parti in causa, senza escludere nessuno”, ha dichiarato Bin Saleh. Il rappresentante algerino ha criticato inoltre le sanzioni contro la Siria e l’esclusione di questo paese dalla Lega Araba ed ancora di più gli attacchi militari effettuati dagli USA contro l’Esercito siriano  senza alcuna autorizzazione.

In altra parte del suo discorso il rappresentante algerino ha ricordato che l’abbattimento delle tensioni e la pace in Medio Oriente non potrà essere mai portate a compimento se non si accetterà la costituzione di uno Stato della Palestina con Al Quds (Gerusalemme) come sua capitale.

Inoltre Bin Saleh ha ricordato che lui stesso è intervenuto al vertice soltanto per un senso di responsabilità di voler contribuire alla soluzione delle crisi che hanno colpito questi paesi arabi, lo Yemen, la Siria e la Libia, in modo che questi popoli si possano liberare dalla guerra, dalle distruzioni e dalle atrocità causate dal terrorismo e dai bombardamenti. L’Algeria è un paese orgoglioso di essersi liberato a suo tempo dal dominio coloniale e mai accetterà di piegarsi agli interessi delle grandi potenze, ha concluso orgogliosamente il rappresentante algerino.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code

  1. Maxilib 1 mese fa

    Ogni tanto qualcuno si sveglia ,come sempre sto dicendo è tutto relativamente semplice ,quando un ragionamento diventa eccessivamente complicato di solito è o di parte o è falso,se io fornisco un bastone ad uno che dice si quattro venti che vuole bastonare un altro potrei risultare complice o essere accusato di favoreggiamento ,se invece uno stato fornisce armi ad un altro stato che minaccia o fa guerra ad un altro in realtà commercia.Mi ritornano in mente le parole lette da qualche parte che dicevano che se io con la mia nave razzio un villaggio sulla costa sono un pirata,se invece uno stato con la sua flotta arriva sulla costa e prende possesso di tutti i villaggi,fa questo per il vostro bene .Continuo a rimanere basito e inorridito della stupidità umana come dalla menzogna e della falsità che spradoneggia ovunque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Anonimo 1 mese fa

    Ho letto i giornali dell Algeria e non trovo nessun accuse dure a trumpe ni riazione da parte di ben salah il representante dell Algeria . e mi chiedo da dove sono arrivato queste informazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Redazione 1 mese fa

      La notizia è stata riportata da Hispan TV http://www.hispantv.com/noticias/africa/342215/argelia-arabia-saudi-opcion-militar-crisis-yemen-siria-libia-eeuu e da Press Tv, che hanno riportato l’intervento del rappresentante algerino al vertice di Rijad.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Abou yahya 1 mese fa

    Hypocrizia schifuza dalla parte di un représentante di un regimo millitario totalitario algerino … E schiacciamente chiaro simplicimente dal fatto che questo regimo, chi pretende la ” neutralita” e canta incessamente il su vecchio brano di non interferere nelle affari interni di altre paese, e da quaranta anni che arma e supporta con tutti i mezzi diplomatici e finanzieri il movimento separatista di Polisario che pretende strappare al Marocco i sui territori del sud .. il suo caro Sahara .. e da quaranta anni che il regimo algerino spreca millioni e millioni di dolllari a dosso del popolo algerino ..Mandando valigette pieni di soldi a presidenti e politici africani e sudamericani corruti per avere il loro supporto diplomatico internazionale al suo figlio basfardo, e ultimamente successo sfortunatamente anche con deputati europei…E tutti questo per lo scopo di impedire al Marocco vicino di non decollare economicamente e recuperare la sua glorioza grandezza d”una volta…Se non rechiedere i sui territori del est strappati dalla Francia ex colonialista e annesse alla mappa algerina…Per questo e tantaltro .. L’algeria non potrà mai dare lezione di poltica a nessun’altra stato al mondo … Tocca prima ai sui vecchii generali di uscire co’loro modo di pensare del epoca della guerra fredda…Scusati la lunghezza …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Walter 1 mese fa

      Se i bugiardi si smentiscono uno con l’altro e le bestie si azzannano tra loro, tanto meglio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mardunolbo 1 mese fa

      Grazie Abou, sembra tutto chiaro ! Consoliamoci perchè se lì c’è corruzione a valigie di dollari, in Italia non è meno ed in più abbiamo dei politici ridicoli e senza dignità…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Carlos 1 mese fa

    Abou YAHYA sei un hypocrita che io sappia l’Algeria ha conquistato il suo territorio con grande sacrificio e sangue.e tu vieni oggi a parlare di terra del Marocco devi eravate quando l’Algeria ha cacciato la Francia, eravate a ballare con il Re . Le Algerino hanno strappato il loro territorio con la forza,e voi state lì a piangere com’un donna sfortuna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Anonimo 1 mese fa

    Bene Algeria leader di Paese Arabi

    Rispondi Mi piace Non mi piace