"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La vecchia Europa si avvia verso la decadenza (Old Europe Going Decay)

Il vice presidente degli Stati Uniti Joe Biden in visita in Lituania

di Vladimir Sedov

Da oltre 20 anni l’Europa occidentale e la Russia si erano cautamente e gradualmente riavvicinate a vicenda, un progresso raggiunto nel promuovere la cooperazione reciprocamente vantaggiosa. Non è più il così da un po’ di tempo.  E’ emerso qualcosa di marcio nel tracciare una linea di partizione tra l’Occidente e l’Oriente del continente eurasiatico. Le parti sono divise da una trincea piena di veleno anglosassone. La Russia ha elaborato almeno un qualche tipo di immunità.

L’Europa continentale è invece molto più vulnerabile. L’Europa si trova  ancora sotto l’illusione di un qualche cosa denominata “solidarietà Atlantica”. Tanto meno si rende conto che gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sono ostili ad essa come alla Russia.

La corsa alla concorrenza per le risorse minerarie e sui mercati tra gli Stati Uniti, l’Unione Europea, il Giappone e le economie emergenti del BRICS è un fatto inconfutabile. La Russia è un fattore che può far pendere la bilancia del futuro – a decidere se l’alleanza anglo-sassone (Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Australia e Nuova Zelanda) continuerà a dominare il mondo o l’impresa potrà essere multipolare, quando il lancio di un la guerra diventa una cosa rischiosa per chiunque.

Washington e Londra si rendono conto bene che la cooperazione reciprocamente vantaggiosa tra l’Unione Europea e l’Unione economica eurasiatica, a cui in futuro potrebbe essere aggiunta la Cina, l’India e altri paesi asiatici, diminuirà gli interessi europei nei confronti del rapporto con gli Stati Uniti e potrebbe minare la cosiddetta “solidarietà Atlantica ».

Con nessuna minaccia visibile in Oriente, gli europei difficilmente vorranno prendere parte alle avventure militari di Washington e Londra condotte in Africa e Asia. Ecco perché anglosassoni cercano di insinuare un cuneo tra l’Unione europea e la Russia, per indebolire lo Stato russo e nell’idea di ottenerne la disintegrazione e porre le mani sulle ricchezze minerarie russe. In altre parole, vogliono avere una Russia lontana dalla grande scacchiera per avere l’Europa dipendente che debba giocare secondo le loro regole.

Una domanda si pone : perché gli europei sono così arrendevoli? Perché lasciano che gli anglosassoni possano trascinarli nella rottura con la Russia a causa del conflitto interno in Ucraina? La crisi in Ucraina è iniziata e si è trasformata in una guerra civile su istruzioni di Washington supportata dai suoi satelliti europei – Polonia e gli Stati baltici.

Supponiamo che i capi esteri di Germania e Francia fossero stati sinceri nel mettere la loro firma sul contratto che prevedeva di risolvere pacificamente la crisi di Maidan e un assetto determinato da elezioni presidenziali anticipate in Ucraina. Quindi, in questo caso, Washington li ha semplicemente ingannati. Il giorno dopo gli USA hanno armato bande neonazista del Pravj Sector e le unità di autodifesa di Maidan, mettendo in scena un colpo di stato armato, mettendo Parigi e Berlino in una situazione imbarazzante.

Dopo aver concordato con i risultati del colpo di stato e lasciato da parte l’idea di restare irremovibili per richiedere l’applicazione delle disposizioni immaginate dagli accordi del 21 febbraio , le principali potenze dell’Unione europea hanno effettivamente ammesso la loro impotenza e l’incapacità di influenzare gli eventi in Ucraina di fronte l’interferenza Stati Uniti.  Allora perché dovrebbero gli europei opporsi al fatto che la Russia non è rimasta inattiva e ha preso provvedimenti per fermare l’aggressione in prossimità dei suoi confini? I «vecchi» europei certamente capiscono che la Russia ha i suoi interessi in Ucraina che devono essere protetti.

Dal momento che l’Unione Sovietica è stata suddivisa in carie parti, gli Stati Uniti non hanno nemmeno provato a nascondere il fatto che l’Ucraina è stata vista come uno «spoiler», un «demolitore», che non è abbastanza forte per essere un giocatore indipendente sulla scena mondiale, ma può complicare le cose per gli altri, mentre serve gli interessi di Washington, il «partner strategico», secondo la visione di Kiev del mondo. Gli europei possono vedere chiaramente le implicazioni di tale partenariato.  Gli anglo-Sassoni hanno preso sotto il loro controllo il territorio tra il Baltico e il Mar Nero che è importante per gli scambi tra l’Unione europea e l’Unione eurasiatica.

In realtà Kiev ha invitato ,come consulenti e consiglieri, gli americani ed i polacchi e questi sono liberi di fare quello che vogliono in tutti i ministeri e nelle agenzie ucraine si comportano come padroni. Non esiste più una cosa come la politica ucraina indipendente : Kiev è obbediente e lo fa come si dice verso l’oltreoceano. Si applica alla questione delle forniture di gas russo verso l’Europa, la prosecuzione “dell’operazione punitiva» in Donbass, non importa di tutti i tentativi intrapresi da Mosca, Berlino, Parigi e gli altri a trovare una soluzione pacifica.

L’Ucraina è diventata uno strumento  permanente per mantenere le tensioni nelle relazioni tra Europa e Russia o, se necessario, uno strumento per provocare azioni anti-russe di grandi dimensioni …

L’Europa occidentale viene sempre più trascinata nell’obbligo di assumersi un ingombrante fardello militare. Lo stazionamento permanente di forze della NATO ai confini con la Russia e la Bielorussia (su richiesta dei satelliti americani) alla fine per rovinare il clima di fiducia che era iniziato a plasmare tra l’Unione europea e il Collective Security Treaty Organization.

Per l’Europa sarà difficile sottrarsi alle conseguenze negative di azioni di politica estera spontanee intraprese sotto la pressione del «partenariato Atlantico ». L’improvviso crollo dell’economia ucraina farà stringere le cinture non gli americani e gli inglesi, ma piuttosto i contribuenti dell’Unione europea che vivono in Europa continentale. Guenther  Oettinger, commissario europeo per l’Energia della Commissione europea, dice che una rinascita economica dell’Ucraina richiede molto di più di quello che l’Unione europea ha speso per la Grecia. La prospettiva sarà difficile che possa fare gli europei molto felici.

L’Unione europea è sorprendentemente irremovibile sul suo modo di distruggere l’economia ucraina a causa della politica di associazione alla UE per privare l’Europa dei profitti di esportare merci verso questo paese a causa degli standard di vita che vanno giù.

La disoccupazione in Ucraina ha forme palesi e occulte. Nel periodo da gennaio fino ad aprile 2014 il 20% ha perso posti di lavoro in corso con congedo non retribuito o sono stati impiegati parzialmente. Gli stipendi e altri pagamenti sono bloccati sullo sfondo di blocco alla alta inflazione. Le piccole e medie imprese stanno andando in bancarotta. Nel primo trimestre del 2014 l’export è sceso del 7, 3%, mentre l’importazione ridotto del 21, 1%. L’importazione dalla Germania è sceso del 26%, dalla Francia – dal 24, 5%, Polonia – calo del 22, 4%, l’Italia – in calo del 15, 2%. (1) esportazione e dei servizi le importazioni sono diminuite del 10%. (2)

Il mercato ucraino rimasto ristretto per gli europei. La tendenza è di continuare. Ora, che cosa conclude l’Unione europea nell’ottenere di aver firmato l’accordo di associazione? La risposta è appesa in aria. Questa è il tipo di corrosione della mentalità europea. Cosa c’è di buono per gli Stati Uniti e la Gran Bretagna non necessariamente soddisfa gli interessi degli altri Stati membri dell’UE. Possono non capirlo ? È senilità o demenza? Provo pietà per il vecchio Granma Europa.

Qualunque cosa sia, c’è ancora una possibilità. L’indebolimento di Washington degli sforzi pacifici esercitati da Francia e Germania in Ucraina, le linee di  spionaggio quando i servizi speciali degli Stati Uniti intercettato i telefoni ed e-mail di alti funzionari e dirigenti degli Stati europei dell’Unione Europea, la recente rivelazione di attività di spionaggio degli Stati Uniti in Germania – tutto sommato, questi fattori sollevano grandi dubbi sulla fedeltà degli  anglosassonial l’idea di un «partenariato Atlantico» … tutto inizia a fare vedere agli europei le cose in una luce diversa.

Il “Der Tagesspiege”l del 6 marzo 2014 ha condotto un sondaggio che era incredibile per il governo della Germania. Hanno rilevato anche in fretta i risultati, tenendo lontano dalle pagine dei giornali: a 9.420 intervistati sono state poste domande circa gli eventi in Crimea (era ancora ucraina al momento). Solo il 4% ha sostenuto un intervento militare della NATO in Ucraina. Il 78% ha detto il Segretario di Stato americano John Kerry e il cancelliere Angela Merkel sono stati chiamati ipocriti mentre la Russia era vista come uno stato che vuole tutelare i propri diritti legali. (3)

La società TNS ha inoltre condotto un’indagine ancora più rappresentativo per Der Spiegel, secondo un nuovo sondaggio condotto per conto di Spiegel dal sondaggista TNS Forschung, la maggioranza dei tedeschi crede che il paese dovrebbe dipendere meno dagli Stati Uniti. Il 57% ha sostenuto questo punto di vista, mentre il 60% ha detto che hanno perso la fiducia verso l’alleato nordamericano. Il 50% ha sostenuto posizione più indipendente della Germania verso la Russia, il 40% ritiene che la Germania dovrebbe cooperare con la Russia più da vicino. (4)

Questo è qualcosa che fa pensare sia per Berlino, così come per Kiev.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago