"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La UE esamina la domanda di ingresso della Turchia di Erdogan e mette sotto speciale sorveglianza l’Ungheria di Orban

La Commissione Europea sta valutando in questi giorni la richiesta di ingresso nella UE della Turchia, dietro indicazione della Angela Merkel che si è raccomandata per concedere una procedura abbreviata di ingresso per il paese ottomano, vista la collaborazione che le autorità turche stanno assicurando all’Europa sulla questione dei migranti e considerato il ruolo svolto da questo paese nella NATO.

Si sa che la Turchia di Erdogan si incarica di attuare tutte le provocazioni  contro la Russia (vedi abbattimento dell’aereo russo) ed assicura il “lavoro sporco”  in Siria con l’appoggio fornito ai gruppi jihadisti per rovesciare il governo siriano di Bashar al-Assad. Un ruolo considerato insostituibile per attuare i piani di Washington e della NATO in Siria ed in Iraq.
Nello stesso tempo le autorità europee mettono “sotto sorveglianza” l’Ungheria di Viktor Orban, un presidente considerato “pericoloso”per la sue inclinazioni nazionalistiche e per le sue contestazioni alle direttive europee su immigrazione e finanza.

Orban risulta un premier democraticamente eletto che gode di ampia maggioranza e popolarità fra i suoi cittadini ma viene considerato un “populista” non in linea con i parametri europei, al contrario del turco che invece sta mettendo rapidamente in linea la Turchia con le direttive europee, anzi le anticipa (carcerazione per giornalisti dissidenti e chiusura delle reti TV sgradite alla linea del governo).

Il Parlamento Europeo, con una maggioranza limitata, 327 sì, 293 no e 61 astensioni, ha approvato oggi una risoluzione in cui chiede alle istituzioni comunitarie di mettere sotto sorveglianza l’Ungheria per “le minacce portate alla democrazia ed ai diritti fondamentali” dal governo del popolare Viktor Orban, in particolare perché rifiuta l’invasione degli immigrati e la tutela del FMI che il presidente ungherese ha messo fuori dal paese.
Secondo il testo votato dagli eurodeputati, la Commissione Ue dovrebbe valutare l’effetto delle misure del governo che, a loro dire, avrebbero portato ad un “deterioramento sistematico” dei valori e Com’è l’Unione Europea? delle prassi democratiche che, in caso di inoperosità da parte comunitaria, potrebbero portare ad un effetto contagio in altri Paesi Ue ( fonte ANSA). Nessuna censura invece per le misure adottate dal Governo turco, considerando che questo governo gode anche della fiducia di Washington ed è membro attivo della NATO.

Nel frattempo è giunta notizia di un complotto contro Orban. Non si sa se i sicari dei servizi siano già all’opera, non ci sarebbe da meravigliarsene, visto che il premier ungherese è già sfuggito ad un tentativo di assassinio. Al momento  risulta sventato e scoperto per tempo  un complotto per uccidere il premier ungherese Viktor Orban. Vedi: Sventato un complotto per uccidere il premier ungherese

Come si poteva capire da molto tempo l’Unione Europea risulta sempre più simile alla vecchia Unione Sovietica, lo sosteneva da tempo il dissidente russo Bukovsky e la sua previsione si sta rapidamente avverando. Vedi: Com’è l’Unione Europea? Peggio dell’Unione Sovietica.

Fonte: ANSA

*

code

  1. Nicola 2 anni fa

    Nell’elencare i “pregi” della Turchia la Redazione ha dimenticato il gas Sarin fornito all’ISIS: in vostro precedente articolo sembrava che l’episodio si riferisse esclusivamente al 2013… invece gli USA recentemente hanno chiesto ufficialmente aiuto alla Russia per sventare un concreto attacco al Sarin: http://www.informarexresistere.fr/2015/12/17/europa-avvisata-di-un-possibile-attacco-al-sarin-di-isis-gli-stati-uniti-chiedono-aiuto-ai-russi-per-individuare-il-gruppo-terrorista-a-pochi-giorni-dallevento/

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. giannetto 2 anni fa

    Benvenuti anche mamma-li-turchi, nell’Eurogulag fascio-globalista, googlemente gestito. Dàghela avanti un passo, e l’anno prossimo diventano comunitari anche sauditi e qatarioti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco 2 anni fa

    Fermiamo questa pazza sciamannata!

    Rispondi Mi piace Non mi piace