"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Turchia addestra mercenari da infiltrare in Crimea

Istruttori militari dell’esercito turco si sono stabiliti in una zona nel sud dell’Ucraina che confina con la Crimea per addestrare mercenari.
Gli istruttori militari turchi, che hanno lo scopo di addestrare un gruppo di mercenari, hanno preso posizione e creato un campo di addestramento nella regione meridionale di Jerson, nelle immediate vicinanze della Crimea, in accordo con quanto dichiarato da  Ruslan Balbek, il vice primo ministro di tale penisola.

“Disponiamo di informazioni affidabili sul fatto che un gran numero di istruttori militari sono arrivati dalla Turchia e si sono stabiliti nella regione di Jerson. Stanno cercando di creare una base per l’addestramento di mercenari per combattere in campo aperto e nelle zone urbanizzate”, ha informato Balbek.


Secondo l’esponente della Crimea, le esercitazioni avranno l’appoggio della organizzazione Majis che raggruppa i tartari di Crimea (unico organo esecutivo dei tartari di Crimea) che, di fatto, si oppone all’integrazione della Crimea nel territorio russo.

Balbek ha denunciato la “condotta polemica e provocatoria” del governo di Ankara che, a suo giudizio, cerca di destabilizzare la situazione politica in Ucraina e la cosa peggiore è che opera in forma indipendente e senza la conoscenza delle autorità di Kiev.
“Riteniamo”, aggiunge il vice primo ministro, “che arriveranno a Jerson gruppi estremisti provenienti dalla Turchia così come i terroristi che combattono nelle file dei gruppi takfiri dell’ISIS,  in alcuni paesi del Medio Oriente, inclusi Siria ed Iraq”.

Inoltre si prevede la possibilità che questi gruppi estremisti, una volta nella zona, possano condurre attacchi diretti contro le stesse autorità ucraine e possano sgomberare il percorso verso un nuovo colpo di Stato.
In un primo momento, il leader autoproclamato dei tartari di Crimea, Lenur Islyamov , ha informato che il Ministero della Difesa della Turchia stava fornendo aiuti per la formazione di un bataglione tartaro per attaccare la penisola.

Lenur Islyamov- leader dei tartari
Lenur Islyamov- leader dei tartari

Le relazioni tra la Russia e la Turchia attraversano il peggiore momento per causa dell’abbattimento di un aereo russo sul confine siriano da parte dell’aviazione turca che appoggiava i gruppi terroristi che operano in Siria.

Nota: Non ci sarebbe da meravigliarsi se la Turchia di Erdogan, colui che si sente il “neo sultano ottomano”, dovesse creare delle provocazioni ai confini della Federazione Russa cercando di far infiltrare terroristi e mercenari nella penisola di Crimea allo scopo di destabilizzare la regione, esattamente la stessa tecnica adoperata dalla Turchia in Siria.

Non è chiaro se la Turchia, paese NATO, opera di propria iniziativa o con l’avallo della NATO e di Washington. Di sicuro il gioco di Ankara potrebbe rivelarsi molto pericoloso.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code