"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Spagna in violenta deflazione. Cosa ci raccontava Draghi?

RIUNIONE BCE

di Marco Mori

Il 24 settembre, Mario Draghi, governatore di BCE e primo artefice delle politiche volte allo smantellamento della democrazia in Europa, dichiarava quanto segue: “In Eurozona non c’è rischio deflazione”.

A pronta smentita della sua assurda profezia pubblicavo questo articolo che vi invito a rileggere. Vedi: Draghi dice che in Europa non c’è rischio deflazione e intanto Renzi agisce per abbattere i salari.

Draghi, ancora tre mesi fa, dunque negava apertamente l’evidenza ed, in manifesta malafede, ribadiva che l’austerità non avrebbe portato l’Europa in deflazione. In realtà è ovvio, come era ovvio tre mesi fa, che la deflazione arriverà ovunque in Europa e, dove già c’è, aumenterà esponenzialmente. Siamo, infatti, in una situazione di palese rarefazione monetaria, causata dalle politiche recessive che vengono imposte ad oltranza alle nazioni (si tassa più di quanto si spende). Manca moneta (che ricordiamolo: si crea dal nulla senza alcuna contropartita), serve più spesa, ma invece che immetterla si fa l’esatto opposto. Questo per l’ormai acclarato disegno criminoso di utilizzare la crisi come leva per cancellare le sovranità nazionali di ogni singolo paese UE.

Proprio nella giornata di ieri abbiamo avuto la più clamorosa delle conferme della piena e totale veridicità di quanto andiamo affermando da tempo (quando uso il plurale mi riferisco in particolare agli amici di www.riscossaitaliana.it ed a tutti i critici di questa dittatura finanziaria). Per arrivare a queste conclusioni non serviva un genio economico, serviva semplicemente buona fede. Ebbene a quale notizia mi riferisco? Quella sul dato della deflazione in Spagna, rappresentata come qualcosa di stupefacente dai media, quando che era largamente prevedibile alla luce delle misure economiche contrarie agli interessi nazionali prese dal paese. A dicembre l’inflazione è calata ancora più violentemente che nei mesi precedenti, stavolta arrivando addirittura ad una contrazione del 1,1%.

La deflazione in Spagna è anche la diretta e più prevedibile delle conseguenze causate dalle riforme del mercato del lavoro imposte dalla Troika nel paese che ovviamente avevano, dietro la facciata di creare occupazione, il solo ed unico scopo di svalutare i salari. L’hanno chiamata deregolamentazione del mercato del lavoro presupponendo (meglio raccontandoci di presupporre) che la disoccupazione fosse la conseguenza della rigidità del mercato del lavoro quando è la conseguenza della distruzione della domanda interna.

A questo punto posso lanciarmi in una profezia incredibile, dopo la riforma del lavoro di Renzi, anche l’Italia vivrà una violentissima spinta deflattiva. Appena accadrà non considerate chi scrive un mago, ma prendetevela con la malafede del nostro Governo, è molto più realistico.

Per uscire da questa incredibile situazione di crisi economica, e conseguentemente di crisi occupazionale, servirebbe molta più inflazione e dunque è manifesto che a noi come alla Spagna servirebbe più moneta in circolazione con conseguente aumento della domanda interna. In definitiva l’adozione di politiche espansive e non di austerità. E non chiedetevi da dove prendere i soldi? Quelli si stampano! In deflazione si devono stampare!

Insomma quando Draghi ci rassicura falsamente, come faceva tre mesi or sono, è solo ed esclusivamente per prendere tempo in attesa che la catastrofe si compia e la democrazia soccomba ai nuovi rapporti di forza internazionali.

Speriamo che anche in Spagna qualcuno si cominci a svegliare. Hanno seguito la Troika e la situazione è peggiorata. Avevamo già visto gli effetti dell’austerità espansiva in Grecia: da quando hanno salvato il paese ogni dato macroeconomico è peggiorato. Bel salvataggio…

Questo primo articolo del 2015 non è incoraggiante, ma è l’ideale per iniziare un nuovo anno all’insegna del risveglio. Dipende solo da noi. Se ci prendono in giro è solo perché lo permettiamo.

Andiamo avanti buon 2015! Buona liberazione.

Fonte:  studiolegalemarcomori.it

*

code

  1. nessuno 2 anni fa

    ci vuole una guerra, e come cantava De Gregori “fa che non sia cattiva”, le cose hanno preso una tale piega negativa, che è impossibile farle diventare migliori, ci vuole un cambiamento radicale a cominciare dai criminali che ci governano, e ribadendo che non sono stati eletti da nessuno, solo un cambiamento totale ci salverä,non serve a niente rimpiazzare uno qua uno lä, rimpastare una poltiglia marcia,ci saranno sacrifici per tutti ma almeno un barlume di speranza e forse quella luce in fondo al tunnel tanto decantata diventerä realtä.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vincenzo 2 anni fa

    analisi esatta e profezia facile.
    solo due osservazioni.
    a) se per uscire dalla deflazione ci facciamo addebitare il costo (in termini di beni reali) della nuova emissione monetaria, non ne veniamo più fuori:
    b) in quanto la “moneta” null’altro è che una tratta cambiaria (stricto sensu) destinata per mutuo consenso a regolare i rapporti di debito / credito di beni e servizi reali (o realizzabili) esistenti all’interno di una comunità “chiusa”, non può di necessità esistere, nè una moneta mondiale, nè tantomeno una moneta “nazionale” (tenuto conto che la nazione è un’invenzione “liberale” creata proprio per espropriare il reale potere di scambio e la normale emissione monetaria: per un esempio controfattuale al riguardo vedere la storia delle fedi di credito delle banche del regno di napoli).

    Rispondi Mi piace Non mi piace