"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Siria risponderà all’aggressione USA in coordinamento con la Russia

Gli Stati Uniti avevano preso la decisione di attaccare la Siria già prima della strage con armi chimiche di Idlib.
A sostenerlo è il ministero degli Esteri russo che ritiene l’attacco di questa notte effettuato intenzionalmente con un pretesto.
“E ‘chiaro a qualsiasi esperto che la decisione di colpire è stata decisa da Washington prima degli eventi di Idlib, che sono stati utilizzati semplicemente come scusa per una dimostrazione di forza”, ha detto il ministero in un comunicato. (Sputnik News)

Le dichiarazioni di Lavrov confermano quella che era già l’impressione di molti osservatori: tutto era già deciso in anticipo e si è prefabbricata la sceneggiata dell’attacco chimico per mettere sotto accusa il Governo di Bashar al-Assad e giustificare l’intervento.

Lavrov ha dichiarato anche che “l’azione USA costituisce un atto di aggressione contro la Siria in violazione di ogni normna internazionale”.

Nota: assistiamo ad una replica di quanto accaduto nel 2011 in Libia quando gli USA accusarono il Governo libico di “bombardare la sua popolazione” e crearono la campagna mediatica di propaganda (con falsificazione dei fatti) per giustificare l’aggressione alla Libia. Unica differenza: in Siria sono presenti forze russe ed iraniane.

Nel frattempo il portavoce del Governo siriano ha dichiarato che” la Siria prenderà la decisione di una risposta militare all’attacco USA in coordinamento con la Russia”.

Si vedranno presto le conseguenze dell’azione di forza decisa dagli USA.

Fonte: Sputnik News

RT Actualidad

Traduzione e nota: L.Lago

*

code

  1. Idea3online 5 mesi fa

    Eccoci giunti alla fase geopolitica che inizia a trasformasi in geomilitare ed geofinanziaria. E Putin nell’arte della guerra tiene faccia a tutti in questa Terra. Probabilmente vedremo il lato brutto di Putin a tratti. Non avere capito che l’Occidente dovrà scontrarsi con la Storia è non volere credere in Dio. L’Oriente non può subire declino perchè Daniele 11:29,30 è il prossimo livello. La Russia e la Cina sono i Re dell’Oriente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mimmo 5 mesi fa

    “Unica differenza: in Siria sono presenti forze russe ed iraniane.”

    e questa volta toccherà agli states di mostrarsi saggi e “intelligenti” come Kruscev nel 1962…
    diciamo pure che scommetto che il bluff farà un ploff assordante…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca 5 mesi fa

      Kruscev il traditore.. che ha reso vana la morte di migliaia di persone che si sono battute per libertà e giustizia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco 5 mesi fa

    Che pezzi di merda .. Bush Obama Tramp .. nulla cambia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mardunolbo 5 mesi fa

    la risposta ? un bel massacro notturno di soldati americojons, poi addossato all’Isis !
    Sarebbe una sonora rivincita per le forze siriane e forse non troppo difficile vista la presenza , indesiderata, di marines in suolo siriano.
    Oh, che peccato, sono morti dei marines uccisi da Isis….Forza, è il momento !
    Ormai chi ci perde sono gli Usa. Dopo ? Grande sgomento e rabbia…ma come loro ? (come a dire, li abbiamo appena salvati!).Quindi analisi su analisi che le mosse militari portano ad escalation militare …
    Grande confusione mentre Assad può fortificare la sua posizione contro i terroristi.
    Ma bisogna preparare bene la messinscena ,meglio di come i vermi l’hanno preparata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 5 mesi fa

      Sicché lei vorrebbe utilizzare la stessa odiosa e menzognera logica con cui l’avversario insanguina il pianeta, e al contempo mantenere credibilità e autorevolezza morale (peraltro appena dopo l’inverecondo pretesto del uso dei gas)? Così, tanto per capire…
      Sarebbe piuttosto una sonora vergogna proprio per l’esercito siriano, che si è battuto con valore per difendere la propria terra, e non abbisogna di simili bassezze per dare ulteriore prova delle sue capacità.
      (e per intenderci: se sono costretto a tirare un cazzotto, lo mollo al volto dove fa più male, abbatte, e lascia un segno più profondo e pulito, cosicché si vedano bene quanti denti mancano e come sono stati rotti naso e zigomi: non mi abbasso a colpire alle spalle, o a montare macabre messinscene – proprio come fanno i White Helmets citati e deprecati in precedenza – e come fanno i deboli: lascerei piuttosto questa infame metodica ai vari Juncker e Netanyahu)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giorgio 5 mesi fa

    Ormai è diventato un ritornello: perché invece di lanciare 60 missili no ne lanciano uno solo con le insegne della Corea del Nord, Putin ed Assad, ed affondano in un colpo le navi yankee che stazionano nel Mediterraneo orientale con riflessi anche su Israele?

    Rispondi Mi piace Non mi piace