"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Siria denuncia la continua aggressione turca contro il proprio territorio

La Repubblica Araba di Siria ha denunciato energicamente all’ONU le continue aggressioni dell’Esercito turco contro la  popolazione  siriana e la propria sovranità.

Con due lettere inviate separatamente al segretario generale delle Nazioni Unite ed al presidente del Consiglio di Sicurezza ONU (CSNU), si è riferito alle ultime offensive delle forze del regime turco nel nord del paese.

Queste azioni, ha assicurato la cancelleria, sono parte della sistematica aggressione iniziata più di cinque anni fa dal regime turco contro la Siria, mediante appoggio strategico, di armamento, logistico ai gruppi terroristi e facilitazione nell’ingresso nel territorio della Siria.

Il Ministero degli Esteri sirianoi ha richiesto al CSNU di assumere le sue responsabilità di mantenere pace e sicurezza al livello internazionale.

Inoltre ha reclamato di porre fine alle fraganti violazioni ed ai crimini commessi da parte del regime turco contro il popolo siriano e di obbligare Ankara nel ritirare le proprie truppe che hanno invaso il territorio siriano e di rispettare le risoluzioni internazionali che riguardano la lotta al terrorismo.

L’aggressione della Turchia presuppone di voler fermare i progressi fatto dall’Esercito siriano e dei suoi alleati nella guerra contro i gruppi terroristi ed i loro associati.

La Turchia ha condotto operazioni militari (scudo dell’Eufrate) nel nord della Siria, ufficialmente per combattere l’ISIS ed i combattenti curdi. Inoltre la Turchia ha appoggiato il gruppo filo turco dell’Esercito libero siriano (ELS) che ha occupato la città siriana di Al-Bab. Ankara ha dichiarato di voler occupare e prendere il controllo anche della città di Manbiy, dove è arrivato anche un contingente di truppe USA.

L’Esercito turco in concreto ha dichiarato più volte che il suo obiettivo era quello di ripulire la zona nord della Siria dai combattenti curdi che hanno occupato la città di Manbiy, bastione nella provincia nord di Aleppo dei curdi siriani che ricevono appoggio militare e logistico dagli Stati Uniti.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: J.Manuel de Silva

*

code

  1. Giorgio 8 mesi fa

    L’ONU è stata costituita solo per difendere l’interessi d’Israele, ogni altra mozione non viene presa in considerazione a meno che non sia presentata dagli yankee.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Anonimo 8 mesi fa

    la gente deve tornare ad incontrarsi nelle fattorie dove consacrare il lavoro con la terra. l esodo si deve invertire. gli avvocati e i laureandi delle piazze della citta’, devono covare la cultura al servizio della ruralita’. e’ li’ che si deve tornare. e’ il concetto di citta’ che deve essere smantellato. cio’ che luccica abolito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tania 8 mesi fa

    Il palazzo dell’ONU è stato PAGATO DA ROCHEFELLER, dovrebbe essere una “donazione”… Che schifo! Che truffa al mondo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace