"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Russia ha appena mollato i petrodollari

Rubli Russia

di Tyler Durden

A novembre, prima di capire quanto grave fosse il crollo del greggio (e di quanto sarebbero diventate enormi le implicazioni), scrivemmo “Come i petrodollari morirono senza che nessuno lo notasse“, perché per la prima volta in quasi vent’anni i Paesi esportatori di energia si ritireranno dal mercato mondiale dei “petrodollari” nel 2015. La morte empirica dei petrodollari segue anni di fortuna per esportatori di petrolio come Russia, Angola, Arabia Saudita e Nigeria. Gran parte di quel denaro finì nei mercati finanziari, contribuendo alla spinta dei prezzi delle attività e mantenendo basso il costo del denaro, riciclando i cosiddetti petrodollari. Aggiungemmo che nel 2014 “i produttori di petrolio effettivamente importeranno capitali per 7,6 miliardi di dollari. In confronto ne hanno esportato 60 miliardi nel 2013 e 248 miliardi nel 2012, secondo il grafico della BNP Paribas“:

petrodollar20chart

Il problema è aggravato dal ciclo di feedback positivo: l’ultima settimana ha vividamente dimostrato che il crollo del petrolio porterebbe ad un’ulteriore liquidazione delle riserve in valuta degli esportatori di petrolio, precipitatisi a preservarle, portando ad ancora maggiori riduzioni del petrolio quando i principali produttori aumentarono l’estrazione di greggio nel tentativo di escludere i produttori più deboli dal mercato, schiacciandone la produzione marginale. Chiamatela teoria del gioco impazzita o bruta. Ironia della sorte, quando il prezzo del greggio ha iniziato a precipitare ulteriormente, la morte ricercata avrebbe colpito i protagonisti dei petrodollari, come parrebbe in questo caso, venendo trascinati al mattatoio scalciando e urlando.

Ciò sarebbe accaduto in un Paese che secondo molti, inizialmente, avrebbe fatto tutto il possibile per restare vicino ai petrodollari e il cui divorzio dai dollari USA è divenuto rapidamente una questione assai disordinata, con urla e tiri occasionali. Come riporta Bloomberg, la Russia “aprirebbe il fondo di riserva di 88 miliardi e convertirebbe in rubli alcuni asset in valuta estera, l’ultimo passo del governo per sostenere un’economia nella peggiore crisi dal 2009“. Si tratta di dollari che la Russia avrebbe riciclato in attività denominate in dollari. Invece, la Russia acquisterà ancor più rubli e ne utilizzerà i proventi per la stabilizzazione economica e il FX. “Insieme con la Banca centrale, vendiamo parte delle nostre riserve di valuta estera“, ha detto il ministro delle Finanze Anton Siluanov, a Mosca oggi. “Avremo rubli e li depositeremo nelle banche, dando liquidità all’economia“. Chiamatelo divorzio poco amichevole, o come volete: la Russia abbandona bruscamente i Paesi che scambiano greggio con la carta degli Stati Uniti. Inoltre: “la Russia può convertire 500 miliardi di rubli da uno dei due fondi sovrani del governo, sostenendo la moneta nazionale, ha detto Siluanov, definendo il rublo “sottovalutato”.

Il Ministero delle Finanze il mese scorso ha iniziato a vendere la valuta estera rimasta sui conti del Tesoro. Tutti o parte dei 500 miliardi di rubli saranno convertiti a gennaio-febbraio dalla Banca centrale, secondo il viceministro delle Finanze Aleksej Mojseev. La banca di Russia determinerà tempistica e metodo dell’operazione. Il rublo, la peggior performance valutaria al mondo dell’anno scorso, sìè indebolito per il quarto giorno perdendo l’1,3 per cento a 66,0775 rubli per dollaro alle 15:21, ora di Mosca. Ha perso fino al 2 per cento dopo i commenti di Siluanov. Il continuo crollo del rublo quest’anno sottolinea la fragilità delle misure coordinate da governo e Banca centrale della Russia, che hanno diretto la ripresa del rublo dal ribasso record da 80,10 del 16 dicembre. OAO Gazprom e quattro altri esportatori controllati dallo Stato, il mese scorso hanno avuto l’ordine di ridurre la valuta estera delle aziende entro il 1 marzo, a livelli non superiori a quelli del 1 ottobre. La Banca centrale cercava di facilitare alle banche l’accesso a dollari ed euro alzando il tasso al 17 per cento, e adottava misure d’emergenza il mese scorso per arrestare il crollo del rublo. L’annuncio di oggi “sembra sostenere il rublo, mentre le aziende statali dell’esportazione supporterebbero il FX sul mercato”, ha detto Dmitrij Polevoj, economista capo per la Russia e la Comunità degli Stati indipendenti di ING Groep NV di Mosca. “Inoltre, sarà utile per le banche mentre ci potrebbero essere alcuni effetti negativi legati alla fornitura di denaro extra e ai rischi di utilizzare parte del denaro sul mercato FX per speculazioni a breve termine”.”

Il sommario sull’economia statunitense di Bloomberg è generalmente puntuale, aspettandosi infine che una qualche nazione finalmente lasci, volontariamente o meno, la morsa della moneta di riserva globale. Bloomberg non è riuscito a spiegare cosa succederà nel resto del mondo dei petrodollari. Ecco ciò che abbiamo detto l’ultima volta: “Oltre l’impatto economico interno nell’ambito degli EM, dovuto allo shock del ribasso petrolifero, crediamo che le implicazioni per la liquidità del mercato finanziario dovute al ridotto riciclaggio di petrodollari, non dovrebbero essere sottovalutate. Perché gli esportatori di energia non investono tutti i proventi dell’esportazione, ‘salvando’ efficacemente una considerevole parte della loro rendita, tali fondi in eccedenza finiscono nei depositi bancari (alimentando il mercato dei prestiti) così come nei mercati finanziari e altre attività.

Questo capitale allevia il debito di fondo degli importatori, contribuendo alla crescita complessiva, nonché ad altre condizioni di liquidità dei mercati finanziari… Quest’anno, ci aspettiamo che l’incrementale di liquidità in genere fornito da tali flussi riciclati sia notevolmente ridotto, stimando che flussi diretti ed altri dai capitali degli esportatori di energia diminuiscano a 235 miliardi di dollari USA annuali. Naturalmente, tali economie riceveranno capitali dall’interno, quindi su base netta, il capitale supplementare fornito esternamente è assai inferiore. Quest’anno ci aspettiamo che i flussi netti di capitale siano negativi per EM, avendo un primo afflusso netto di capitali (8 miliardi) per la prima volta in diciotto anni. Ciò va confrontato ai 60 miliardi dell’anno scorso, a sua volta scesi dai 248 miliardi nel 2012. Al relativo picco, gli EM di petrodollari riciclati ammontavano a 511 miliardi nel 2006. I ribassi visti dal 2006 non solo riflettono il mutato ambiente globale, ma anche la propensione degli esportatori ad iniziare ad investire sul piano nazionale piuttosto che a risparmiare. Le implicazioni per la liquidità dei mercati finanziari, per non parlare della correlata pressione al ribasso sui rendimenti del Tesoro degli Stati Uniti, sono negative”.

Considerando le mosse selvagge che abbiamo visto finora sul mercato, si conferma a sufficienza che è rimasta poca liquidità sul mercato e, naturalmente, il collasso assoluto dei rendimenti del tesoro, con il livello più basso in 30 anni, è una previsione avvalorata proprio come previsto. E adesso ci aspettiamo di vedere quale altro Paese seguirà la Russia mollando i petrodollari, e l’impatto che tale volontà avrà non solo sulla moneta di riserva mondiale, ma anche sui tassi del Tesoro USA e sul prodotto più finanzializzato, come il grafico qui illustra…
…ma una cosa è più importante per i pianificatori centrali del mondo sviluppato: i prezzi degli asset, e in particolare cosa succede quando i venditori escono da ciò che rapidamente si preannuncia essere il mercato meno liquido della storia.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Fonte: Zero Hedge

*

code

  1. vincenzo 2 anni fa

    sarebbe molto bello …
    solo che la testa della “piovra” non è negli usa, in nord america.
    la “piovra” non ha nessuna nazionalità (ammesso che gli americani costituiscano una “nazione”), e la sua testa non si trova affatto negli usa, ma in europa.
    non a caso washington originariamente si chiamava “nuova roma”, wall street non vuol dire altro che “via del muro”, e le banche fondatrici dell’attuale FED erano di fatto “europee” (praticamente “veneziane”).
    che gli usa recitino da poco più di 50 anni il ruolo di “gendarme” del mondo non ha, in quest’ottica”, alcun pratico significato.
    anche i romani facevano spesso uso della guerra per procura (lo fecero, solo per es. nel 210 contro la macedonia, e per l’impero romano di oriente, quando le cose si misero male, questa era addirittura la regola).
    la mia grande paura è che ci stiano facendo scivolare verso l’imposizione di una nuova valuta (di scambio e/o di riserva) internazionale, o più esattamente “mondiale”.
    con il chè, per noi, le cose peggiorerebbero, o, nella migliore delle ipotesi, rimarrebbero invariate.
    non mi farei perciò tanto commuovere dal revirement di ortodossia cristiana di Putin.

    Rispondi Mi piace Non mi piace