"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Russia emette un avviso: potremo utilizzare armi nucleari per difendere i nostri alleati

La cancelleria del Cremlino ha ricordato la sua dottrina militare che permette l’utilizzo di armi nucleari per difendere il territorio russo, se minacciato, ed i propri alleati.
“Questo può avvenire come risposta all’utilizzo di armi nucleari o altro tipo di armi di distruzione di massa contro la Russia o i suoi alleati”.

Il primo dei due casi in cui la dottrina strategica russa riserva al Cremlino il diritto di utilizzare il suo arsenale nucleare, lo ha dichiarato il direttore del Dipartimento di non Proliferazione e Controllo degli armamenti della Cancelleria russa, Mijail Ulianov.

Il secondo caso può essere quello di una aggressione con armi convenzionali ,se dovesse essere minacciata l’esistenza della nazione russa.


Ulyanov ha definito queste condizioni di natura strettamente difensiva, visto che presuppongono una semplice avvertenza al possibile aggressore, nelle dichiarazioni rilasciate all’agenzia russa Interfax, citata il Lunedì dal sito web Value Walk.
La dottrina attuale era stata adottata dalla Russia alla fine del 2014, di fronte al crescente pericolo per la sua sicurezza rappresentato dall’espansionismo bellicista della NATO che ha realizzato basi militari vicino ai confini della Federazione russa.

Dal momento dell’adesione della Crimea, avvenuta dopo il referendum del 17 Marzo del 2014, Mosca ha rivendicato il suo diritto a schierare armi nucleari sul territorio della Crimea, qualora fosse necessario.
Alla fine di Giugno la Russia ha sperimentato un nuovo missile supersonico strategico lo Yu-71 capace di trasportare ogive nucleari ed anche di neutralizzare le difese aeree di un eventuale nemico.

Le relazioni della Russia con i paesi occidentali si sono molto deteriorate a causa della crisi dell’Ucraina e dell’ingerenza avvenuta in questo paese da parte degli USA e le successive grandi manovre della NATO vicino ai confini russi, nel Baltico e nel Mar Nero, con trasferimento nell’Europa dell’Est di grandi quantità di armamenti e di uomini direttamente dagli USA.

La Russia ha preso molto sul serio queste manovre e si prepara quindi alla possibilità di un conflitto con la NATO.

Nello stesso tempo la Russia ha rinsaldato le sue relazioni con la Cina, paese con cui ha effettuato di recente esercitazioni congiunte nel Mediterraneo. Lo stesso è avvenuto con l’Iran, a cui ha per la prima volta annunciato di voler fornire il suo sistema missilistico anti aereo S-300, e il sistema Antey 2500, ancora più avanzato, oltre a modernizzare la sua flotta aerea con la consegna di nuovi jet da combattimento.

Missili S-300

Di recente il presidente Vladimir Putin ha riconfermato la sua volontà di sostenere la Siria, alleato della Russia nel Mediterraneo, nei suoi sforzi per respingere l’aggressione dei gruppi di mercenari takfiri, armati e finanziati da potenze esterne, fornendo a questo paese tutta l’assistenza militare e logistica necessaria.

Tutto questo avviene in un momento in cui gli USA e la NATO diventano sempre più aggressivi sia sul fronte dell’Ucraina, paese a cui Washington sta fornendo armamenti letali ed istruttori USA per il suo esercito, come anche in Medio Oriente ed in Siria, dove Obama ed esponenti dell’amministrazione USA proclamano la necessità di un intervento diretto USA, con il pretesto dell’ISIS, in realtà per rovesciare il regime di Bashar al-Assad, stretto alleato della Russia.

La Russia ,con questo nuovo avvertimento, comunica che non rimarrà inerte a guardare gli avvenimenti ma prospetta un proprio intervento, con ogni mezzo, a difesa dei suoi alleati.
Il messaggio è diretto a Washington ed a Londra, i due paesi che in questo memento dirigono la smania bellicista di intervento nelle zone di alta tensione.

Fonte: HispanTV

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Nella foto sopra: missili nucleari russi sfilano a Mosca

Nella foto al centro: missili antiaerei S-300 del tipo fornito all’Iran

*

code

  1. Ares 2 anni fa

    La mamma (Inghilterra) è una zoccola guerrafondaia e colonizzatrice il degno figlio (USA) non poteva che somigliargli anzi di più. E i coglioni del resto NATO ci si ritroveranno dentro senza scampo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. flores 2 anni fa

      E’ così da 300 anni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Idea3online 2 anni fa

    La Grecia e l’Ucraina, sono peso e contrappeso. Se la Grecia va verso Oriente, l’Ucraina andrà verso Occidente. Adesso in questa partita sono in una situazione..se mangi tu ti mangio io, mangiati l’Ucraina che io mangio la Grecia.

    Perchè distruggere il sistema industriale di un paese? Chi controlla il denaro, determina la distruzione del tessuto produttivo prima, in modo che lo Stato rimanga intrappolato nel Debito, perchè per uscire dalla moneta debito tramite un fallimento dovrebbe emettere una nuova moneta, ma per essere supportata lo Stato dovrebbe vendere prodotti all’estero resi convenienti dal dopo fallimento…ma se le fabbriche le hanno disintegrate…cosa possono vendere per finanziarsi con l’esterno, la Cupola del Debito, distruggendo prima l’industria di un Paese non rende facile la scelta di percorrere strade solitarie, l’emissione di una nuova valuta.

    La Russia farà di tutto per avere la flotta nei pressi della Grecia. La Cina mette dollari nel piatto, la Russia il braccio armato per firmare l’accordo. Sono in attesa solo del momento giusto, sicuramente quello ricercato in Oriente è un fallimento della Grecia inserendola subito dopo, dentro i BRICS dopo essere uscita dai PIIGS ed assorbire il trauma in pochi giorni.
    Probabilmente solo l’annuncio di una crociera in Grecia della Flotta Russa anche solo per qualche giorno nei pressi della Grecia, potrà farci capire la trattativa a che punto si trova. Se veramente la Grecia ha intenzione di collaborare con la Russia ci dovrebbe essere qualche annuncio a breve anche solo per fare uscire allo scoperto l’alleanza in fase embrionale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ares 2 anni fa

      Analisi perfetta che secondo me calza a pennello anche per l’Italia, cui le industrie pian piano vengono delocalizzate o svendute…saranno uccelli amari dal 2016 in poi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alp arslan 2 anni fa

    I coglioni de resto della nato saranno inghiottiti da guerre americane .. Ma nessuno ne resterà immune … Primi fra tutti americani e sionisti , i veri registi di tutto quello che vediamo … E i primi a essere distrutti da i missili nucleari in caso di guerra totale

    Rispondi Mi piace Non mi piace