"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Russia accusa di “cinismo” l’appoggio del G7 alle operazioni militari in Ucraina

medvedev1

Il primo ministro russo Dimitri Medvedev ha accusato questo  giovedì di “cinismo senza limiti” l’appoggio dato dal gruppo del G7 alle operazioni militari organizzate dalle forze ucraine contro contro i filo russi nella parte orientale del paese.

“La riunione del gruppo dei G7 (composta da USA, Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Giappone Canada) parla di “azioni moderate” dell’Esercito ucraino contro il suo proprio popolo.  Questo dimostra un cinismo senza limiti” ha dichiarato il premier russo Medvedev.

Inoltre il gruppodel G7 ha incitato il governo di Kiev a mantenere un “atteggiamento moderato” nelle sue operazioni per ristabilire l’ordine nella parte est del paese.


Il premier russo ha indicato che circa 4.000 rifugiati ucraini sono arrivati in Russia ed ha accusato le autorità dell’Ucraina di mentire nell’affermare che non si starebbe producendo un esodo di cittadini di fronte alla situazione del paese.
“ La popolazione ha paura e le autorità ucraine non vedono problemi umanitari e negano l’esistenza di una massa di rifugiati in fuga”, ha stigmatizzato

Medvedev ha fatto queste dichiarazioni poche ore dopo che i leaders delle sette potenze più industrializzate del mondo avevano iniziato le loro riunioni a Bruxelles, capitale Belga, per trattare le questioni circa la crisi esistente in Ucraina.

Nel corso di detta riunione, i membri del G7 hanno minacciato di intensificare le sanzioni al Governo della Russia per effetto della crisi Ucraina.

I leaders dei paesi occidentali fingono di “non vedere” le operazioni di bombardamento aereo e di attacchi con carri armati, elicotteri ed artigleria effettuati contro la popolazione civile nell’Est dell’Ucraina. Operazioni condotte dal governo di Kiev in flagrante violazione delle norme internazionali utilizzando anche armi proibite come le bombe a frammentazione contro edifici civili, azioni documentate da testimonianze  e filmati.

Secondo i leaders occidentali la responsabilità della situazione ricade sulla Russia e non su chi ha ordinato queste azioni militari cruente.

La Russia peraltro ha richiesto la cessazione immediata  delle operazioni militari e la costituzione  di un tavolo di negoziati tra le autorità di Kiev ed gli autonomisti delle regioni orientali, senza avere alcuna risposta.

Fino al Marzo passato, prima della annessione della Crimea alla Russia, il G7 era conosciuto come G8 e la Russia era uno dei membri  di questo, tuttavia, dalle accuse dell’Occidente alla Russia di essere implicata nel conflitto in Ucraina, è derivata l’esclusione di Mosca da questo gruppo.

Fonte: Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

*

code