"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

LA RISPOSTA RUSSA A UNA DOPPIA DICHIARAZIONE DI GUERRA

Russian President Putin delivers a speech during events marking Victory Day in Sevastopol

di Saker
Il contesto: una doppia dichiarazione di guerra

Ascoltare Poroshenko pochi giorni fa e poi Obama all’ONU non lascia dubbio alcuno sul fatto che l’impero anglo-sionista sia in guerra contro la Russia. Eppure molti credono che la risposta russa a questa realtà sia inadeguata. Vengono costantemente rivolte accuse a Putin riguardo alla politica russa nella crisi in Ucraina. Ciò che propongo di seguito è un piccolo promemoria riguardo a Putin, i suoi doveri e le sue opzioni.
Innanzitutto, Putin non venne mai eletto a poliziotto del mondo o salvatore, ma solo alla presidenza russa. Sembra ovvio, eppure molti sembrano dare per scontato che Putin sia moralmente obbligato a fare qualcosa per proteggere la Siria, la Novorussia o qualsiasi altra parte del mondo sia sotto attacco. Non è così. Sì, la Russia è de facto a capo dei BRICS e dei paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, ma Putin ha il dovere morale e legale di occuparsi prima di tutto del suo popolo.


Secondo, la Russia è ora ufficialmente nel mirino dell’impero anglo-sionista, il quale include non solo 3 paesi nucleari (USA, Regno Unito, Francia) ma anche la più potente forza militare (USA+NATO) e le maggiori economie del mondo (USA+EU). Credo possiamo essere tutti d’accordo sul fatto che la minaccia rappresentata da un simile impero non sia da poco, e che la Russia abbia ragione a essere molto cauta nell’occuparsene.

Criticare Putin senza capire

Ora, sorprendentemente, molti di quelli che accusano Putin di essere un rammollito, un venduto o un ingenuo affermano anche che l’Occidente stia preparando contro la Russia una guerra nucleare. Se è davvero così, sorge la domanda: se esiste un rischio reale di guerra, nucleare o no, Putin sta facendo la cosa giusta non facendo il duro o minacciando? Alcuni direbbero che l’Occidente vuole la guerra qualsiasi cosa faccia Putin. D’accordo, giusto; ma in questo caso la cosa giusta da fare non è proprio guadagnare più tempo possibile prima dell’inevitabile?!

Terzo, sulla questione degli USA contro l’ISIL, in diversi accusano Putin di pugnalare alle spalle Assad supportando la risoluzione USA al consiglio di sicurezza dell’ONU. Ma Putin cosa doveva fare? Mandare l’aviazione russa in Siria a proteggere i confini siriani? E Assad cos’ha fatto? Ha forse inviato la sua aviazione per cercare di fermare gli USA, o ha fatto un accordo a bassa voce: bombardate “loro”, non noi, e io protesterò senza far nulla? Ovviamente la seconda. Di fatto, Putin e Assad hanno esattamente la stessa posizione: protestare la natura unilaterale degli attacchi, pretendere una risoluzione ONU e nel frattempo guardare tranquillamente lo zio Sam scagliarsi contro la sua stessa progenie e cercare di distruggerla.

Aggiungerei che Lavrov molto logicamente ha affermato che non esistono “terroristi buoni”. Egli sa che l’ISIL non è altro che la continuazione dell’insorgenza siriana creata dagli USA, a sua volta una continuazione della creatura statunitense al-Qaeda.

Da un punto di vista russo, la scelta è semplice: cos’è meglio, che gli USA usino le loro forze e i loro uomini per uccidere i pazzi wahabiti, o che lo faccia Assad? E se l’ISIL vince in Iraq, quanto ci vorrà prima che vada in Cecenia? O in Crimea? O in Tatarstan? Perché mai un soldato russo o siriano dovrebbe rischiare la morte, se l’aviazione statunitense è disposta a farlo per loro? Se è piacevolmente ironico che gli USA debbano ora bombardare la loro stessa creatura, che lo facciano. Perfino Assad ne è chiaramente contento.

Infine, ONU o non ONU, gli USA avevano già preso la decisione di bombardare l’ISIL. Quindi che senso avrebbe avuto bloccare una risoluzione perfettamente buona dell’ONU? Sarebbe stato un autogol. Di fatto, questa risoluzione può perfino essere usata dalla Russia per impedire che gli USA e il Regno Unito fungano da base arretrata per gli estremisti wahabiti (la risoluzione lo bandisce, e stiamo parlando di una risoluzione obbligatoria del consiglio di sicurezza dell’ONU, capitolo VII).
Eppure, alcuni dicono ancora che Putin ha sacrificato Assad. Quanto stupidi bisogna essere per avere idee simili sulla guerra e la politica? E se Putin voleva sacrificare Assad, perché non l’ha fatto l’anno scorso?

[…] Di fatto, credo siano in corso allo stesso tempo tre fenomeni:
1) Una campagna anti-Putin iniziata dagli agenti governativi di USA e Regno Unito con il compito di manipolare i social media.
2) Una campagna anti-Putin spontanea guidata da certi circoli russi nazionalisti-bolscevichi (Limonov, Dugin ecc.).
3) Una sincera perplessità, angoscia e frustrazione da parte di persone oneste e ben intenzionate che davvero non trovano alcun senso nell’attuale posizione della Russia. E’ a questo terzo gruppo che dedico l’articolo per cercare di spiegare la posizione russa.

Spiegare una politica apparentemente illogica

Nell’introduzione ho affermato che ciò che sta avvenendo è una guerra contro la Russia, guerra non sparata (finora?) e non in vecchio stile guerra fredda. In pratica ciò che gli anglo-sionisti stanno facendo è piuttosto chiaro, e molti commentatori russi sono già arrivati a questa conclusione: gli USA sono impegnati in una guerra contro la Russia nella quale combatteranno fino all’ultimo ucraino. Perciò per l’impero il successo non dipende dal risultato in Ucraina, perché questa guerra non è per l’Ucraina. Per l’impero il successo sarebbe il cambiamento di regime in Russia. Vediamo come intende ottenere questo risultato.

Il piano originario era semplicistico, in stile tipicamente neo-con americano: rovesciare Yanukovich, portare l’Ucraina nell’UE e nella NATO, estendere la NATO fino al confine russo e occupare militarmente la Crimea. Quel piano è fallito.

La Russia ha accettato la Crimea e l’Ucraina è collassata in una violenta guerra civile accompagnata da una crisi economica terminale. Perciò i necon statunitensi sono ricorsi al piano B.
Anche il piano B era semplice: far intervenire la Russia militarmente nel Donbass e usare l’intervento come pretesto per una piena guerra fredda 2, che creasse tensioni stile anni ’50 tra Est e Ovest, giustificasse le politiche occidentali con la paura e tagliasse completamente i crescenti legami economici tra Russia e UE.

Solo che anche quel piano è fallito: la Russia non ha abboccato all’esca e, anziché intervenire direttamente nel Donbass, ha cominciato una grandiosa operazione segreta per supportare le forze anti-naziste in Novorussia. Il piano russo ha funzionato e le forze di repressione della giunta sono state sonoramente sconfitte dalle forze armate novorusse, anche se quest’ultime soffrivano di un’enorme inferiorità di fuoco, armamenti, specialisti e uomini (gradualmente, l’aiuto russo segreto ha cambiato tutto questo).

A quel punto i plutocrati anglo-sionisti sono davvero andati su tutte le furie, rendendosi conto che il loro piano stava fallendo e che non potevano fare nulla per salvarlo (un’opzione militare era completamente impossibile, come ho spiegato in precedenza). Hanno provato con sanzioni economiche, tuttavia ciò ha solo aiutato Putin a varare riforme necessarie da tempo. Ma il peggio è che, ogni volta che l’Occidente si aspettava che Putin facesse qualcosa, egli ha fatto l’esatto contrario:
-Nessuno si aspettava che Putin usasse la forza militare in Crimea con un’operazione fulminea che passerà alla storia.
-Tutti (me compreso) si aspettavano che Putin inviasse forze in Novorussia. Non l’ha fatto.
-Nessuno si aspettava contro-sanzioni russe che colpissero il settore agricolo dell’EU.
-Tutti credevano che Putin ricambiasse, dopo le ultime sanzioni. Non l’ha fatto.
Qui c’è una regolarità, un modello che è alla base di tutte le arti marziali: primo, non segnalare mai le tue intenzioni; secondo, usa le finte; terzo,colpisci quando e dove il tuo avversario non se lo aspetta.
Al contrario, ci sono due cose profondamente radicate nella mentalità politica occidentale che Putin non fa mai: minacciare e mettersi in posa. Per esempio, mentre gli USA sono praticamente in guerra con la Russia, la Russia supporta volentieri una risoluzione USA sull’ISIL, se è a suo vantaggio. E i diplomatici russi parleranno di “nostri partner americani” o “nostri amici americani” mentre al contempo fanno più di tutto il resto del mondo messo assieme per rovesciare l’impero anglo-sionista.

Un’occhiata veloce al passato di Putin

Come ho scritto in precedenza, al contrario di altri blogger e commentatori io non sono né un sensitivo né un profeta e non posso dirvi cosa Putin pensa o cosa farà domani. Ma posso dirvi cosa Putin ha già fatto, in ordine sparso:
-spezzato la schiena all’oligarchia appoggiata dagli anglo-sionisti in Russia.
-ottenuto un successo veramente miracoloso in Cecenia (che nessuno, compresi i profeti, aveva previsto).
-letteralmente resuscitato l’economia russa.
-ricostruito l’esercito russo, le forze di sicurezza e di intelligence.
-gravemente compromesso la capacità delle ONG straniere di sovvertire la Russia.
-fatto di più per la de-dollarizzazione del pianeta di qualsiasi altro prima di lui.
-reso chiaramente la Russia il leader sia dei BRICS che dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai.
-sfidato apertamente il monopolio informativo della macchina di propaganda occidentale (ad esempio con RussiaToday).
-fermato un imminente aggressione USA/NATO contro la Siria inviando una forza di spedizione navale russa (che dette alla Siria piena copertura radar dell’intera regione).
-reso possibile ad Assad prevalere nella guerra civile siriana.
-rigettato apertamente il “modello di civiltà universale” occidentale, e dichiarato il suo supporto per un altro modello basato sulla religione e la tradizione.
-respinto apertamente un “Nuovo Ordine Mondiale” unipolare guidato dagli anglo-sionisti, e dichiarato il suo supporto per un ordine mondiale multipolare.
-supportato Assange (attraverso RussiaToday) e protetto Snowden.
-creato e promosso un nuovo modello di alleanza tra cristianesimo e islamismo, indebolendo così il paradigma dello “scontro di civiltà”.
-cacciato a pedate gli anglo-sionisti da luoghi chiave del Caucaso (Cecenia, Ossezia) e dell’Asia Centrale (la base di Manas in Kyrgyzstan).
-dato alla Russia i mezzi per difendere i suoi interessi nell’Artico, compresi i mezzi militari.
-istituito un’alleanza strategica a tutto spettro con la Cina, al centro sia dell’OCS che dei BRICS.
-dato all’Iran gli strumenti per sviluppare un programma nucleare civile.
-ristabilito il supporto politico ed economico russo per Cuba, Venezuela, Bolivia, Ecuador, Brasile, Nicaragua e Argentina.
-sgonfiato molto efficacemente la rivoluzione colorata filo-USA in Russia.
-organizzato il “Voentorg” che ha armato la forze novorusse.
-dato rifugio a centinaia di migliaia di rifugiati ucraini.
-inviato in Novorussia aiuti umanitari di importanza vitale.
-fornito supporto di fuoco diretto e forse perfino copertura aerea alle forze novorusse in luoghi chiave (ad esempio nel “calderone meridionale”).
-parlato apertamente della necessità della Russia di “rendersi sovrana” e prevalere sulla quinta colonna filo-statunitense.
-sta attualmente varando leggi che impediscono agli interessi stranieri di controllare i media russi.
-sta lavorando con la Cina per creare un sistema finanziario completamente separato dall’attuale controllato dagli anglo-sionisti (ad esempio il commercio in rubli o renmimbi).
E la lista continua ancora. Ciò che sto cercando di illustrare è che l’odio degli anglo-sionisti per Putin ha un’ottima ragione: la sua lunga storia di lotta efficace contro di loro. Perciò, a meno che pensiamo che Putin abbia improvvisamente cambiato idea o che abbia esaurito l’energia o il coraggio, l’idea che di soppiatto abbia fatto inversione di marcia non ha senso. Le sue politiche attuali invece il senso ce l’hanno, come cercherò di spiegare ora.

Imperativi che la Russia non può ignorare

Innanzitutto, considero la seguente sequenza indiscutibile:
Primo, la Russia deve prevalere nell’attuale guerra anglo-sionista contro di essa. Quello che vuole l’impero è il cambiamento di regime e poi il completo assorbimento della Russia nella sfera di influenza occidentale, oltre a una probabile frammentazione. Ovvero viene minacciata la stessa esistenza della civiltà russa.
Secondo, la Russia non sarà mai al sicuro con un regime russofobo al potere a Kiev. I fanatici nazionalisti ucraini hanno dimostrato che è impossibile negoziare con loro (hanno rotto letteralmente tutti i concordati firmati finora); il loro odio per la Russia è totale (come evidenziato dalle loro costanti allusioni all’uso di ipotetiche armi nucleari contro la Russia). Di conseguenza:
Terzo, il cambiamento di regime a Kiev è l’unico modo in cui la Russia può ottenere i suoi obiettivi vitali.
Sottolineo ancora che ciò che è in gioco non è la Novorussia, e nemmeno il futuro dell’Ucraina. E’ in gioco un confronto planetario (l’unica tesi di Dugin che condivido totalmente). Il futuro del pianeta dipende alla capacità dei paesi BRICS/OCS di sostituire l’impero anglo-sionista con un ordine internazionale multipolare molto diverso. In questi sforzi la Russia è cruciale e indispensabile (senza di essa qualsiasi sforzo in tal senso è destinato a fallire) e il futuro della Russia si decide ora in base a cosa farà in Ucraina. Il futuro dell’Ucraina dipende in gran parte da cosa succederà in Novorussia, ma non del tutto. Paradossalmente, la Novorussia è più importante per la Russia che per l’Ucraina. Ecco perché: per il resto dell’Ucraina, la Novorussia è perduta. Per sempre. Nemmeno uno sforzo congiunto Putin-Obama potrebbe impedirlo. Di fatto gli ucraini lo sanno e questo è il motivo per cui non provano nemmeno a conquistare il cuore della popolazione locale. […] Detto questo, credo che sia Kiev che Mosca abbiano interesse a mantenere la finzione di un’Ucraina unita. A Kiev serve per non apparire completamente sconfitta dagli odiati moscoviti. Ma alla Russia?

Cosa fareste se foste al posto di Putin?

Ponetevi questa domanda: se foste Putin e il vostro obiettivo fosse il cambiamento di regime a Kiev, preferireste che la Novorussia fosse parte dell’Ucraina oppure no? Direi che avere la Novorussia all’interno sarebbe molto meglio per le seguenti ragioni:
1. la rende parte dei processi ucraini, come le elezioni e i media nazionali.
2 . evidenzia il contrasto con le condizioni nel resto dell’Ucraina
3. rende molto più facile influenzare il commercio, gli affari, i trasporti, ecc.
4. crea un centro politico alternativo a Kiev.
5. rende più facile agli interessi russi (di tutti i tipi) penetrare in Ucraina.
6. rende impossibile erigere un “muro” da guerra fredda.
7. vanifica le accuse secondo cui la Russia vuole la partizione dell’Ucraina.
In altre parole, mantenere la Novorussia formalmente in Ucraina è il modo migliore per apparire conformi alle pretese anglo-sioniste mentre al contempo si sovverte la giunta al potere. In un recente articolo ho definito cosa la Russia potrebbe fare senza incorrere in alcuna conseguenza importante:
1. Opporsi politicamente al regime ovunque: all’ONU, sui media, ecc.
2. Esprimere supporto politico per la Novorussia e qualsiasi opposizione ucraina, continuando la guerra di informazione.
3. Impedire che la Novorussia cada (aiuto militare segreto).
4. Mantenere senza pietà la pressione economica sull’Ucraina.
5. Indebolire il più possibile l'”asse di cortesia” USA-EU.
6. Aiutare la Crimea e la Novorussia a prosperare economicamente e finanziariamente.
Quale sarebbe comunque l’alternativa?
Qualcuno crede davvero che una Novorussia indipendente potrebbe vivere con un minimo di serenità e sicurezza senza un cambio di regime a Kiev? Se la Russia non si può permettere la giunta al potere a Kiev, credete che possa la Novorussia?!
[…] Inoltre, mentre la Russia potrebbe facilmente sconfiggere l’esercito ucraino, difficilmente sarebbe una vittoria significativa. All’esterno scatenerebbe un enorme peggioramento del clima politico internazionale, mentre all’interno i russi dovrebbero sopprimere i nazionalisti ucraini con la forza. Potrebbe farlo, la Russia? La risposta è: sì, ma a che prezzo?
[…] E’ un vecchio trucco della CIA quello di usare i social media per promuovere l’estremismo nazionalista in Russia. Un patriota e giornalista ben conosciuto e rispettato, Maksim Shevchenko, ha organizzato un gruppo di persone per tracciare i numeri IP di alcuni dei blog e siti nazionalisti radicali più influenti nell’internet russo. Ha scoperto che la maggior parte era basata in USA, Canada e Israele. Che sorpresa! O forse nessuna sorpresa?
Per gli anglo-sionisti è perfettamente sensato supportare gli estremisti e i nazionalisti rabbiosi in Russia. O riescono a influenzare l’opinione pubblica, o almeno possono essere usati per attaccare il regime al potere. Personalmente non vedo alcuna differenza tra Udaltsov o Navalnii da una parte e Limonov o Dugin dall’altra. Il loro unico effetto è di far infuriare la gente contro il Cremlino. Non importa quale sia il pretesto per la rabbia; per Navalnyi sono le “elezioni rubate”, per Dugin è “la Novorussia pugnalata alla schiena”. E non importa quali tra di loro siano agenti pagati o semplicemente “utili idioti” (Dio li giudicherà), ma ciò che importa è che le soluzioni da essi invocate non sono affatto soluzioni, solo pretesti per screditare il regime al potere.
Nel frattempo, non solo Putin non ha venduto, pugnalato alla schiena, scambiato o altrimenti abbandonato la Novorussia, ma è Poroshenko che mantiene a malapena il potere, e il “Banderastan” che sta andando in rovina.

Ma gli oligarchi?

Ho già affrontato la questione in un articolo recente (Vedi: The Vineyard of the saker ), ma credo sia importante ritornarvi sopra, e la prima cosa che è necessario capire nel contesto russo o ucraino è che gli oligarchi sono un fatto della vita. Questo non significa che la loro presenza sia una buona cosa; solo che Putin, Poroshenko o qualsiasi altro cerchi di compiere qualcosa laggiù deve tenerne conto.

La grande differenza è che, mentre a Kiev un regime controllato dagli oligarchi è stato sostituito da un regime di oligarchi, in Russia l’oligarchia può solo influenzare, ma non controllare, il Cremlino. Gli esempi di Khodorkovsky o Evtushenkov mostrano che il Cremlino può ancora buttare giù un oligarca quando necessario.

Una cosa però è prendere uno o due oligarchi e un’altra è toglierli dall’equazione ucraina, cosa impossibile. Quindi per Putin ogni strategia ucraina deve prendere in considerazione la presenza e il potere degli oligarchi ucraini e delle loro controparti russe.

Putin sa che gli oligarchi sono leali solo a se stessi, e che la loro unica “patria” è dove si trovano ad essere le loro proprietà. Per Putin, ex ufficiale del KGB, questa mentalità è un vantaggio, perché potenzialmente gli permette di manipolarli.

Qualsiasi ufficiale dell’intelligence sa che le persone possono essere manipolate con un numero finito di approcci: ideologia, ego, risentimento, sesso, uno scheletro nell’armadio e, ovviamente, i soldi. Da punto di vista di Putin, per esempio, Rinat Akhmetov è un tipo che impiegava qualcosa come 200.000 persone nel Donbass, che chiaramente ottiene ciò che vuole, e la cui lealtà formale a Kiev e all’Ucraina è solo una copertura per la sua lealtà vera: il denaro. Ora, non serve che Putin ammiri o rispetti Akhmetov; gran parte degli ufficiali di intelligence disprezza in silenzio quel tipo di persone, ma Ahkmetov per Putin è una persona assolutamente cruciale con cui parlare ed esplorare le opzioni e, forse, da usare per ottenere un obiettivo strategico nazionale russo nel Donbass. I russi parlano ai loro nemici. Con un sorriso amichevole. Ci sono molte voci di negoziati segreti tra Rinat Akhmetov e vari ufficiali russi. Non ho alcun dubbio che sia così. Un blogger russo crede che Akhmetov sia già stato “persuaso” (leggi: comprato) da Putin e che sia disposto a giocare con le nuove regole, secondo cui “comanda Putin”. Forse.

Ma c’è una quinta colonna in Russia?

Sì, assolutamente. Prima di tutto si trova all’interno dello stesso governo Medvedev, e perfino nell’amministrazione presidenziale. Ricordiamoci sempre che Putin fu messo al potere da due forze in competizione: i servizi segreti e il grande capitale. Se è vero che Putin ha tremendamente indebolito il “grande capitale” (quelli che io chiamo gli “integrazionisti atlantici”), essi sono ancora lì, sebbene più controllati, più attenti e meno arroganti di quando Medvedev era formalmente in carica.

Il grande cambiamento degli anni recenti è che la lotta tra i patrioti (i “sovranisti eurasiatici”) e la quinta colonna è venuta allo scoperto, ma è lungi dall’essere finita. E non dovremmo mai sottovalutare queste persone: hanno molto potere, molto denaro e un’incredibile capacità di corrompere, minacciare, screditare, sabotare, insabbiare, calunniare ecc. Sono anche molto intelligenti, possono ingaggiare i migliori professionisti e sono molto, molto bravi nelle campagne politiche scorrette. Per esempio, la quinta colonna fa di tutto per dar voce all’opposizione nazionalista-bolscevica (sia Limonov che Dugin hanno spazi regolari sulla TV russa) e si dice che finanzi molti dei media nazionalisti-bolscevichi (come i fratelli Koch pagavano il Tea Party negli USA).
Un altro problema è che, sebbene questi tizi stiano oggettivamente facendo il gioco della CIA, non ci sono prove a riguardo. Come mi ha detto molte volte un amico saggio: la maggior parte delle cospirazioni sono in realtà collusioni, e queste sono molto difficili da provare. Ma la comunione di interessi tra la CIA e l’oligarchia russa e ucraina è talmente ovvia da essere innegabile.

Il vero pericolo per la Russia

Perciò ora abbiamo il quadro generale. Putin deve fronteggiare allo stesso tempo:
1) una campagna psicologica di USA, Regno Unito e alleati che combina la demonizzazione mediatica di Putin con una campagna nei social media che lo discredita per la sua passività e mancanza di risposte adeguate all’Occidente.
2) un gruppo piccolo ma molto vocale di nazionalisti-bolscevichi (Limonov, Dugin ecc.) che hanno trovato nella causa novorussa la perfetta opportunità di colpire Putin per non condividere la loro ideologia e le loro “soluzioni” “chiare, semplici e sbagliate”.
3) una rete di potenti oligarchi che cerca di usare l’opportunità offerta dalle azioni dei primi due gruppi per promuovere i propri interessi.
4) una quinta colonna per la quale quanto sopra è una fantastica opportunità per indebolire i sovranisti eurasiatici.
5) la delusione di molte persone sincere che credono la Russia stia agendo come un inerte sacco da box.
6) una stragrande maggioranza di persona in Novorussia che vogliono la completa indipendenza formale da Kiev, e che sono sinceramente convinte che ogni negoziato con Kiev sia un preludio al tradimento russo degli interessi della Novorussia.
7) il fatto oggettivo che gli interessi russi e novorussi non sono gli stessi.
8) il fatto oggettivo che l’impero anglo-sionista è ancora molto potente e perfino potenzialmente pericoloso.
E’ molto, molto difficile per Putin bilanciare queste forze in modo tale che il vettore risultante sia conforme agli interessi strategici della Russia. Direi che non c’è soluzione al rompicapo se non la completa separazione tra la politica ufficiale dichiarata e le azioni reali. L’aiuto segreto alla Novorussia (il Voentorg) ne è un esempio, ma solo un esempio limitato, perché ciò che la Russia deve fare ora va oltre le azioni sotto banco: deve sembrare che la Russia faccia una cosa mentre fa l’esatto contrario. In questo momento è nell’interesse strategico russo:
1) Supportare una soluzione negoziata per un’Ucraina unita non allineata con ampie autonomie locali, al contempo opponendosi politicamente al regime ovunque: ONU, media, opinione pubblica, e supportando sia la Novorussia che qualsiasi opposizione ucraina.
2) Dare agli oligarchi russi e ucraini una ragione per, se non supportare, almeno non opporsi a tale soluzione (ad esempio non nazionalizzando le proprietà di Akhmetov nel Donbass), al contempo assicurandosi che ci sia letteralmente abbastanza “potenza di fuoco” per tenere gli oligarchi sotto controllo.
3) Negoziare con l’UE l’implementazione dell’accordo di associazione dell’Ucraina all’UE, al contempo aiutando l’Ucraina a suicidarsi economicamente, assicurandosi che venga applicata la giusta quantità di strangolamento economico per impedire al regime di risollevarsi.
4) Negoziare con l’UE e la giunta di Kiev per la fornitura di gas, al contempo assicurandosi che il regime lo paghi abbastanza da andare in fallimento.
5) Apparire non aggressiva verso gli USA, al contempo cercando il più possibile di creare tensioni tra gli USA e l’UE.
6) Apparire disponibile a fare affari con l’impero anglo-sionista, al contempo costruendo un sistema internazionale alternativo non centrato sugli USA o sul dollaro.
Come vedete, ciò va ben oltre un regolare programma di azioni clandestine. Stiamo parlando di un programma molto complesso, multi-livello, per ottenere il più importante obiettivo russo in Ucraina (il cambiamento di regime) e nel frattempo inibire il più possibile i tentativi anglo-sionisti di ricreare una grave e duratura crisi est-ovest, nella quale l’UE praticamente si fonderebbe con gli USA.

Conclusione: una chiave di lettura delle politiche russe?

La maggior parte di noi pensa in termini di categorie da superpotenza. Dopotutto, i presidenti statunitensi da Reagan a Obama ci hanno tutti servito una dieta di grandi dichiarazioni, operazioni militari quasi continue seguite da sessioni del Pentagono, minacce, sanzioni, boicottaggi ecc. Direi che questo è stato il marchio della “diplomazia” occidentale dalle crociate all’ultima campagna di bombardamenti contro l’ISIL. Russia e Cina hanno una tradizione diametralmente opposta. Per esempio, in termini di metodologia Lavrov ripete sempre lo stesso principio: “vogliamo trasformare i nostri nemici in neutrali, i neutrali in partner e i partner in amici.” Il ruolo dei diplomatici russi non è di preparare la guerra, ma di evitarla. Se per gli USA la diplomazia è solo uno strumento per consegnare minacce, per la Russia serve a disinnescarle.

Non sorprende affatto quindi che la diplomazia statunitense sia così primitiva da rasentare il comico. Dopotutto, quanta raffinatezza è necessaria per dire “obbedisci o altrimenti…”? Qualsiasi teppistello di strada lo sa fare. I diplomatici russi somigliano molto di più agli specialisti artificieri: devono essere estremamente pazienti, attenti e concentrati. E soprattutto non devono permettere ad alcuno di far loro fretta, o salterà tutto in aria.

La Russia è ben consapevole che l’impero anglo-sionista è in guerra con essa, e che la resa non è più un’opzione (se mai lo è stata). La Russia capisce anche di non essere una vera superpotenza, tantomeno un impero. Essa è solo un paese molto potente che sta cercando di opporsi all’impero senza scatenare un confronto frontale con esso. Il suo obiettivo di lungo termine è di abbattere l’impero. Quello di medio termine è di creare le condizioni per il cambio di regime a Kiev. Quello di breve termine è di impedire che la giunta di Kiev invada la Novorussia. Il metodo preferito per ottenere tutti questi obiettivi è la negoziazione con tutte le parti coinvolte, e il prerequisito è di impedire che l’impero riesca a creare una crisi continentale acuta. Se si tengono a mente questi principii base, si comincia a capire il senso degli apparenti zig-zag, contraddizioni e passività delle politiche russe.
Se la Russia riuscirà ad ottenere i suoi obiettivi resta una domanda aperta. In teoria, un attacco riuscito della giunta alla Novorussia potrebbe costringere la Russia ad intervenire. E c’è sempre la possibilità di un ennesimo “false flag”, forse nucleare. Nelle attuali circostanze penso che la politica russa sia solida e la migliore realisticamente ottenibile, ma solo il tempo lo dirà.

Scusatemi se mi ci sono volute più di 6.400 parole per spiegare tutto questo, ma in una società dove la maggior parte dei “pensieri” viene espressa dai “tweets” era un compito ingrato far luce sul diluvio di malintesi e luoghi comuni, per di più manipolati dai social media. Spero che quanti di voi erano confusi dalla posizione apparentemente illogica della Russia ora potranno capirne meglio il senso.

Fonte: vineyardsaker.blogspot.be
Traduzione: Anacronista

*

code

  1. Alessandro 2 anni fa

    L’analisi è ottima, ma anche qui valgono le stesse domande: La Russia e i BRICS si oppongono davvero alla plutocrazia anglo-sionista? Chi ci assicura che gli oligarchi russi non siano controfigure di quelli occidentali per influenzare il governo russo, qualsiasi governo russo, a non opporsi tenacemente agli interessi finanziari delle oligarchie occidentali, che dominano anche in Russia magari tramite delegati “locali (oligarchi russi), che poi possono benissimo essere anche in vera contrapposizione a quelle occidentali? Ricordo che la Russia, dopo il collasso dell’URSS, è stata molto malleabile da parte dei poteri plutocratici occidentali perché al dissesto economico-sociale, poteri che potrebbero benissimo essere rimasti da allora, ed eventualmente, essersi rafforzati.
    Ricordo la frase di un consigliere di Putin in seguito alla sentenza olandese che condanna la Russia al pagamento di 50 miliardi di dollari: “una guerra è in arrivo in Europa”.
    Facciamo un ragionamento.
    Se una guerra sta per scoppiare in Europa (ovviamente la guerra menzionata dal consigliere del numero uno del Cremlino non è la guerra in Ucraina perché questa era già esplosa, si riferisce certamente ad un conflitto di portata generalizzata almeno nella sola Europa orientale-balcanica) che vedrà presumibilmente confrontarsi NATO-Russia e forse anche altri BRICS allora c’è una possibilità che il mondo orientale in ascesa (BRICS) sia davvero in contrapposizione al sistema oligarchico occidentale, che intende riaffermare la propria supremazia attraverso un conflitto di media-ampia portata. Se invece non è il caso, cioè la Russia, anzi i BRICS tutti, sono sottoposti alle stesse oligarchie finanziarie occidentali (quindi è una farsa il divario Occidente-Oriente) le probabilità di un conflitto si dovrebbero ridurre e il tutto sarebbe in effetti una pantomima in quanto Occidente e BRICS sono soggetti alle stesse èlite ultra-ricche. Quindi lo scontro sarebbe solo sul piano politico-strategico.
    Dovremmo quindi concludere che non accadrebbe nulla se così fosse? Niente affatto, gli Stati, ovvero il potere politico, appartengono ad un livello di potere inferiore rispetto a quello alla cima della piramide, ovverosia il potere oligarchico globale, quindi possono essere manovrati dal piano superiore finanche allo scontro ed è presumibile che saranno sacrificati, anche con una guerra, in nome dell’avvento di un nuovo sistema sommamente tecnocratico-bancario come dimostrano da tempo globalizzazione e cessioni di sovranità statali a livelli decisionali sovra-statali, ambedue i fenomeni sono l’avvio di questo percorso.
    Che le oligarchie russe siano in reale contrapposizione a quelle occidentali oppure che si tratti solo di uno spettacolo, in fondo gli unici a ricavare i benefici di qualsiasi mossa politica, finanziaria, strategica che sia saranno i banchieri internazionali, pochissimi ultra-ricchi a scapito di miliardi di innocenti al loro sistema sottoposti, tutti sacrificabili perché il gioco in questa “grande scacchiera” sia condotto secondo loro beneplacito, e una volta che avranno mosso sagaciamente le loro pedine raggiungendo l’altra parte della scacchiera, il gioco sarà finito e potranno percepirsi come padroni della vita e morte di tutti gli altri. E le pedine della loro grande scacchiera sono i potenti degli Stati e ovviamente noi, s’intende.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabio 2 anni fa

    una delle analisi piu utili che abbia mai letto. questo craig è amico
    di blondet

    Rispondi Mi piace Non mi piace