"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La popolazione beduina di Israele sottoposta ad una deportazione di massa

Go Home Prawer plan

di Noreen Sadik

Fonte: New International Magazine

Traduzione: Luciano Lago

La popolazione beduina di Israele affronta una deportazione di  massa

Lo scorso Lunedi, il Comitato “Alta Follow-up”, creato per i cittadini arabi residenti in Israele, ha  incitato i palestinesi del settore arabo/palestinese di Israele, Cisgiordania e Gaza  a  tenere uno sciopero generale e manifestazioni come atto di solidarietà contro quello che potrebbe essere il più grande sfratto di massa di palestinesi ed arabi, cittadini di Israele in oltre 60 anni di storia.

Nonostante le nubi di gas lacrimogeni e la puzza di acqua  fetida, nonostante i feriti e arresti,  malgrado l’indignazione della comunità internazionale,  per tutto il giorno migliaia di manifestanti hanno continuato a esprimere la loro rabbia per il probabile destino della popolazione beduina.

Il governo israeliano rimane sordo alla proteste

Il “Piano Prawer”  prevede l’espulsione di un numero tra   40.000 e 70.000  beduini,  cittadini di Israele, da  35 villaggi non riconosciuti, rimuovendoli  forzatamente dalle loro case primitive  e privandoli del diritto di reclamare qualsiasi pretesa al rientro sulla  loro terra. L’attuazione del Piano comporterà la distruzione dei villaggi e la confisca di 210,040 ettari. di terra.

Il Negev costituisce il 60 per cento della estensione totale della terra di Israele. L’otto per cento della popolazione di Israele vi risiede ed  un terzo circa dei residenti è costituito da una parte della  comunità beduina.

Attualmente, la popolazione beduina  che vive nel Negev è formata da circa 210.000  persone. Poco più della metà di loro vive separatamente in sette  città  beduine fatte  costruire dal  governo israeliano,  la restante parte della popolazione, circa 90.000,  vivono in 46 villaggi – 35 dei quali sono riconosciuti e 11 dei quali erano stati ufficialmente riconosciuti 10 anni fa  ma dove ancora non esiste alcuna forma di infrastrutture.

Nel 2011, il “Piano Prawer”, che ha preso il nome da Ehud Prawer, ex capo del Dipartimento per le politiche di pianificazione, è stato approvato dal governo israeliano. Soltanto  quattro settimane fa, in una votazione di 43 contro 40 , il piano è stato approvato in prima lettura alla Knesset (parlamento).  Si passerà ora al Comitato degli Interni e Ambiente per una seconda e terza lettura.

Entro la fine di luglio 2013, prima della chiusura della sessione Knesset attuale, il Piano Prawer potrebbe essere approvato definitivamente  ed attuato.

Beduinos desalojados

La recinzione

L’attuazione   del “Piano Prawer” porterà a quello  che il Comitato di coordinamento europeo per la Palestina ( ECCP ) ritiene che sia  l’obiettivo principale del governo: ‘ incoraggiare gli ebrei a spostarsi verso sud,  in particolare creando  insediamenti agricoli,  per il tempo necessario in modo da  distruggere i villaggi arabi che in alcuni casi sono preesistenti  rispetto alla creazione dello Stato di Israele, mentre si procede alla pianificazione di 10 nuovi insediamenti per gli ebrei nel Negev, nel tentativo di giudaizzare il Negev .

Per secoli, la comunità beduina è stata parte integrante del deserto del Negev nella Palestina storica. Prima della fondazione di Israele nel 1948, circa 92.000 beduini vivevano in questa zona ed occupavano il 99 per cento della terra Negev. Dopo  la avvenuta  costituzione dello Stato di Israele, migliaia di questi sono stati espulsi o sono fuggiti nei paesi vicini.

Nel 1950, il governo militare israeliano aveva trasferito i restanti 11.000 beduini in  un’area riservata denominata Siyag (recinto / recinto). La popolazione autoctona , a seguito di questo atto, non solo ha perso i terreni agricoli più fertili, ma il loro modo di vita tradizionale è stato forzatamente distorto.

Beduinos en ruinas

Il “Piano Prawer prevede l’espulsione di un numero tra i 40.000 e 70.000 cittadini beduini di Israele da 35 villaggi non riconosciuti, privandoli del diritto di reclamare qualsiasi pretesa di rientro sulle loro terre

Anche se i villaggi beduini esistevano prima della creazione di Israele o sono stati costruiti a causa di ordini militari governativi, il governo tratta i beduini come abusivi, intrusi e invasori di terra dello Stato. I loro villaggi sono stati infine dichiarati illegali e sono quindi rimasti non riconosciuti nel corso degli anni.

Questi villaggi non riconosciuti sono privi di qualsiasi forma di infrastrutture o servizi comunali. Essi non sono collegato a sistemi idrici, fognari e di energia elettrica, né hanno servizi educativi o sanitari, o anche le strade. Le poche scuole elementari sono sovraffollate e inefficienti, e non esistono scuole superiori.

Nel 1969, a Tel Sheva,  fu progettata la prima città governativa   ed  in quell’anno  questa città fu costruita.  Tuttavia  questo fatto  causò il trasferimento di u gran numero di beduini, mentre  altri  se ne andarono  volontariamente, costretti a rinunciare al diritto sulle loro  terre.

Le sette città beduine esistenti, con una popolazione di 120.000 persone , sono le più povere  in Israele. Sessantasette per cento delle famiglie di queste città sovraffollate vivono in povertà.  Essi soffrono di alti tassi di abbandono della scuola (70 per cento nei villaggi non riconosciuti), alto tasso di disoccupazione, alti tassi di natalità e di mortalità infantile ed  elevato tasso di  criminalità.

Ma tutto questo deve essere considerato  nel contesto delle condizioni in cui vive questa popolazione.        Per 64 anni la vita dei beduini è stata caratterizzata  da  espropri di terra,  demolizione di case, spostamento e ricollocamento  in altri luoghi.

La  demolizione delle  case dei  beduini nel Negev è un eventofrequente. Nel 2011, circa 1.000 case e recinti degli animali state demolite dalle autorità israeliane.

L’ ECCP ha dichiarato: ‘Trasferire  contro la loro volontà ancora una volta   parte della popolazione beduina  nomade  in baraccopoli urbane povere, ove ci sono poche opportunità economiche , significa ulteriormente radicare cicli di povertà.’

Beduino bambino

Un piano alternativo

I membri della comunità beduina non sono stati consultati quando il piano Prawer era stato scritto e questo  non era  accettato da loro in base alla loro tradizionale stile di vita, mai preso in considerazione dalle autorità di governo.

Dr Thabet Abu Rass, il direttore Adalah (Centro Legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele) ufficio Negev, ha detto, ‘I beduini stanno rifiutando il piano e preferiscono mantenere e preservare il loro tradizionale modo di vita.’

L’ ECCP è d’accordo: ‘Il piano non tiene conto dei diritti di proprietà beduini e non vuole a riconoscere ai beduini  il diritto alla  proprietà della loro  terra e viola  anche i diritti  dei residenti come quello di  avere un giusto processo e il diritto di presentare ricorso contro lo sfratto e gli ordini di demolizione ‘.

E per aggiungere la beffa al danno, il risarcimento si basa su alcune condizioni. Secondo Adalah ‘, in sostanza, solo coloro i cui villaggi beduini erano in Siyag prima della creazione di Israele e che ancora oggi usano le loro terre ,sono ammessi ad ottenere una  parziale compensazione in forma di terra.

La popolazione sfollata, tuttavia, che reclamano  terra al di fuori del Siyag, può ricevere solo una compensazione monetaria ‘. Inoltre, afferma Adalah, l’indennizzo sarà pari a un massimo del 50 per cento del territorio rivendicato, ma ragionevoli stime rivelano che i beduini riceveranno solo il 16 per cento.’

La comunità beduina ha trovato la loro voce attraverso il Consiglio Regionale per i villaggi non riconosciuti e Bikom – Progettazione per la pianificazione di diritti, che li hanno unito la comunità nella loro lotta contro il Piano Prawer.

Nel 2011, questi progettarono un piano alternativo basato sui villaggi esistenti  rimasti sulla loro terra, che, secondo la loro dichiarazione congiunta, “sarebbe fornire una base per uno sviluppo duraturo della regione, nel suo complesso, pur mantenendo i principi di uguaglianza, riconoscimento e giustizia ‘.

Il piano alternativo definisce ‘la tutela dei diritti umani, l’uguaglianza civile e di genere, e di giustizia distributiva e di azioni positive, come i principi guida per la pianificazione degli insediamenti beduini.’

Altri punti si concentrano sul riconoscimento dei villaggi nelle loro posizioni attuali, il coinvolgimento delle comunità nel determinare il loro futuro e modellare il loro spazio vitale; considerazioni del tradizionale sistema paese beduino, mantenimento dello stile di vita beduino, del paesaggio e del patrimonio culturale, creazione di condizioni di migliorare lo sviluppo economico e ridurre i divari economici nella zona, e la protezione di aree aperte e delle risorse naturali.

‘Il governo israeliano si sta muovendo nella direzione pericolosa di diventare un regime di apartheid con un nuovo modo di trattare con i cittadini palestinesi di Israele,’ crede Abu Rass. ‘Questa è la prima volta dal 1948 che alcune zone sono chiuse per i cittadini arabi. Questa è la prima volta dal 1948 che la città arabe vengono demolite e che centri ebraici sono stati costruiti sulle loro rovine ‘.

Egli ritiene che le terre del Negev sono abbastanza grande per accogliere tutti i progetti governativi senza distruggere i villaggi beduini: ‘Nei criteri per trovare una soluzione si considera che questi insediamenti ebraici avrebbero una popolazione di sole 40 persone. I beduini del Negev nei villaggi non riconosciuti ammontano a migliaia di persone, e loro richiedono soltanto il cinque e mezzo per cento della terra ‘.

I 35 villaggi non riconosciuti non sono in alcuna mappa ufficiale di Israele, creando una surreale mancanza di esistenza dei residenti. Se verranno demoliti, saranno solo un ricordo di vite distrutte di persone che si rifiutano di rimanere invisibili.

Fonte:  http://newint.org/features/web-exclusive/2013/07/23/bedouins-face-mass-eviction/#sthash.Lx9CfHu6.dpuf

 

http://www.laestrellapalestina.com/ocupacion/demolicion-y-desalojo-de-beduinos-ciudadanos-de-israel-en-naqab-adalah-5-ago-2013.html

*

code