"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Monsanto tende al controllo mondiale degli alimenti

monsanto-fuera

di Pete Dolack

Il monopolio nel controllo dell’approvvigionamento alimentare del mondo costituisce l’obiettivo finale. Anche se la Monsanto non è l’unica multinazionale che opera per raggiungere la capacità di dettare le regole su quello si mangia, la Monsanto Company appare la più determinata.

Già famosa per le sostanze chimiche tossiche come i bifenili policlorurati (PCB), l’agente Orange e la diossina, il cammino delle Monsanto verso il controllo dell’approvvigionamento alimentare mondiale è focalizzato sulla proprietà delle sementi e sugli organismi geneticamente modificati (OGM). Non sarebbero auspicabile che una sola società multinazionale o oligarchia privata venga in possesso di un monopolio del cibo, ma la Monsanto è un concorrente particolarmente spaventoso.

 

Questa multinazionale risulta talmente potente che è riuscita a far inserire al Congresso una legge speciale fatta su misura che prevede uno stanziamento per finanziare le operazioni del governo degli Stati Uniti.

Il Fondo” Farmer Assurance “- meglio conosciuto con il suo soprannome, il “Protection Act Monsanto” – è stato riservatamente inserito in un disegno di legge di stanziamenti a marzo da un senatore del Missouri, tale Roy Blunt. Il disegno di legge per gli stanziamenti doveva essere passato per evitare uno stop del governo, offrendo l’opportunità di favorire gli interessi della potente multinazionale. Lo scivolare fuori argomento di alcune misure speciali in capitoli di centinaia di pagine è un fatto di routine nel Congresso degli Stati Uniti.

Gli sforzi per rimuovere la disposizione dal disegno di legge non sono ancora riusciti. La disposizione in questione è questa :

“Dispone il segretario [dell’Agricoltura], se una determinazione dello status di non viene regolata , e sotto la Legge sulla protezione delle piantagioni, risulta invalidata, di autorizzare il movimento, l’introduzione, di continuare la coltivazione o commercializzazione per il periodo transitorio necessario per il segretario di completare tutte le analisi necessarie o le consultazioni che riguardano la richiesta per lo status non regolamentato. ”

In un linguaggio semplice, quello che si intende nel passaggio di cui sopra è che il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti è tenuto a ignorare qualsiasi ordine del tribunale che potrebbe fermare la coltivazione di colture geneticamente modificate, anche se il dipartimento stia ancora conducendo un’inchiesta di sicurezza, è possibile apporre il timbro per l’ okay. ! Il gruppo alimentare Democracy Now ha riassunto le implicazioni di tale requisito:

Questa pericolosa disposizione di legge sulla protezione per la Monsanto, spoglia giudici del loro mandato costituzionale di proteggere i diritti dei consumatori e degli agricoltori e l’ambiente, mentre sta aprendo le porte per l’impianto di nuove colture geneticamente modificate non testate, mettendo in pericolo gli agricoltori, la salute dei cittadini e l’ambiente.”

La legge sulla protezione Monsanto (The Monsanto Protection Act) scade alla fine dell’anno fiscale del governo, 30 settembre, con la scadenza del disegno di legge per gli stanziamenti di cui fa parte, ma la disposizione potrebbe facilmente essere inclusa nel prossimo anno dei capitoli di stanziamento. Così come è scandalosa la disposizione speciale, tuttavia è coerente con la metodologia di base della sicurezza pubblica negli Stati Uniti – i nuovi prodotti vengono regolarmente immessi sul mercato con la prova minima (o il produttore del prodotto che fornisce l’unica “ricerca” e dichiara sicuro) , e non può essere rimosso dalla vendita fino a che test indipendenti determinino se il prodotto sia  pericoloso.

Prima vendere, poi si fanno gli accertamenti.

In altre parole, non è la società che vende un prodotto che deve dimostrare che sia sicuro; spetta ad altri, dopo il fatto, per dimostrare che non è sicuro. Questo è il caso, per esempio, prodotti chimici e pesticidi. Ed è il caso di organismi geneticamente modificati (OGM). Nessuna società ha più peso sugli OGM di Monsanto. Questo non è solo perché gli OGM hanno costantemente preso una quota crescente di alimenti coltivati ​​per il consumo animale e umano  ma a causa delle sementi geneticamente modificate. Un rapporto del Centro per la sicurezza alimentare “Food Democracy Now”​​“esprime l’importanza di questo cambiamento in termini forti :

“La stragrande maggioranza delle quattro principali materie prime di coltura negli Stati Uniti sono ormai geneticamente modificate. L’adozione di colture transgeniche come materie prime degli Stati Uniti è stata rapida, fra cui le varietà [geneticamente modificate] ora costituiscono la maggioranza sostanziale: la soia (93 per cento transgenico nel 2010), cotone (88 per cento), mais (86 per cento) e colza (64 per cento ). ”

I semi contengono geni brevettati da Monsanto, la più grande azienda di sementi al mondo, rappresentano oltre il 90 per cento della soia coltivata negli Stati Uniti e 80 per cento di mais coltivato negli Stati Uniti, secondo un rapporto separato dalla Food & Watch. Questi semi sono stati progettati per essere resistenti agli insetti o di sopportare l’applicazione di erbicidi. Il rapporto, “Monsanto: Un profilo aziendale”, afferma:

“Monsanto commercializza non solo i suoi semi brevettati, ma utilizza accordi di licenza con altre aziende e distributori per diffondere le sue coltivazioni per tutta la fornitura di sementi. … La superficie su cui vengono coltivati ​​[geneticamente modificati] i tratti di coltura della Monsanto è aumentata da un totale di 3 milioni di ettari in 1996-282.300.000 acri in tutto il mondo e 151,4 milioni di acri negli Stati Uniti nel 2009. … I prodotti di Monsanto costituiscono circa il 40 per cento di tutte ettari di raccolto negli [US]. …

“Un avvocato che lavora per DuPont, il principale concorrente nel settore delle sementi, ha detto che ‘una società che tratta sementi non può rimanere in attività senza offrire semi con il marchio RR (geneticamente modificato) in esso, quindi se vogliono rimanere in tale attività, in sostanza, devono fare ciò che Monsanto dice loro di fare ‘.

La DuPont è una delle società chimiche più grandi del mondo e un importante concorrente in molti campi ma deve uniformarsi alle regole che favoriscono la Monsanto.  Se già un’impresa potente come la DuPont si trova in balia di Monsanto, che possibilità avrebbe di opporsi un semplice coltivatore?

Il riferimento a RR (“Roundup Ready”) nella citazione di cui sopra è un riferimento a un brand di  prodotti agricoli (soia, mais, barbabietole da zucchero e altre colture) che sono geneticamente modificati per essere resistenti all’erbicida Roundup della Monsanto.  Agricoltori che coltivano queste colture con semi Monsanto possono quindi spruzzare più erbicidi sui loro raccolti. Purtroppo, come più pesticidi vengono spruzzati, erbacce e insetti diventano più resistenti, inducendo agricoltori a spruzzare ancora di più e quindi introdurre più veleni nell’ambiente.

I brevetti sulle coltivazioni hanno  cambiato le regole precedenti

Come per il consolidamento delle aziende di sementi , l’ascesa di colture geneticamente modificate e il diritto di brevettare organismi viventi è uno sviluppo recente. Dopo decenni di rifiuto da parte del Congresso degli Stati Uniti per consentire i brevetti sulle piante alla produzione di alimenti che la ri-produzione  con semi, questo  ha approvato una legge nel 1970 che permette brevettabilità delle varietà di “nuovi” prodotti a partire da semi.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha emesso sentenze nel 1980 e 2001, sull’inclusione di organismi viventi, incluse le piante, per essere brevettati, aprendo le porte alle pratiche aziendali correnti. Ne seguì una frenesia di acquisizione di aziende sementiere e una rapida espansione dei brevetti sui semi e piante . La relazione del Centro per la sicurezza alimentare e “Save Our Seeds” riassume ciò che questi cambiamenti hanno provocato:

“Di conseguenza, quello che una volta era una risorsa rinnovabile liberamente scambiata è ormai privatizzata e monopolizzata. Interpretazioni giudiziarie attuali hanno permesso brevetti di utilità per i prodotti della natura, piante e semi, senza eccezioni per la ricerca e la conservazione delle sementi. Questo cambiamento rivoluzionario è in contrasto con secoli di allevamento sementi tradizionali basati sulla conoscenza della comunità collettiva e stabiliti nel pubblico dominio e per il bene pubblico. ”

L’ETC Group, nella sua relazione, “Chi possiede la Natura “, evidenzia anche la privatizzazione di un bene comune:

“Nella prima metà del 20 ° secolo, semi erano prevalentemente nelle mani degli agricoltori e coltivatori di piante del settore pubblico. Nei decenni successivi, [società di biotecnologia] hanno usato le leggi sulla proprietà intellettuale per mercificare la fornitura di sementi per il mondo – una strategia che mira a controllare la germoplasma vegetale e massimizzare i profitti riducendo i diritti degli agricoltori. … In meno di tre decenni, una manciata di multinazionali hanno progettato un veloce e furiosa limitazione aziendale del primo anello della catena alimentare “.

Semi di specialità rappresentano oggi il 82 per cento del mercato mondiale delle sementi commerciali. Monsanto, secondo il Gruppo ETC, rappresenta direttamente il 23 per cento delle vendite di sementi di tutto il mondo da solo. Monsanto e le prossime due aziende sementiere più grandi, DuPont e Syngenta, vendono quasi la metà.

Una volta che un contadino contratti con una società sementiera gigante, l’agricoltore è intrappolato. Contratti standard con aziende sementiere vietano agli agricoltori di conservare le sementi, richiedendo loro di acquistare nuove sementi geneticamente modificate da parte della società ogni anno e l’erbicida, per cui il seme è stato progettato per essere resistente. Monsanto è parte in causa in modo aggressivo nei confronti degli agricoltori per far rispettare questa disposizione, impone pratiche agricole e richiede ai suoi ispettori per avere accesso a tutti i record e campi. La società ha anche citato in giudizio gli agricoltori i cui campi limitrofi che si sono dovuti assoggettare loro malgrado alle regole imposte dalla Monsanto.

Dubbi sollevati su “benefici” di OGM

Nessuno conosce i pieni effetti sull’ambiente o sulla salute umana di questi prodotti chimici e OGM. Un recente studio pubblicato sulla rivista Entropy ha rilevato che i residui di glifosato, il principio attivo erbicida Roundup della Monsanto, si trovano in una varietà di alimenti nella dieta occidentale e, a sua volta può causare danni cellulari che porta a diverse malattie, tra cui disturbi gastrointestinali, diabete , le malattie cardiache e il cancro. Più di 800 scienziati hanno firmato una lettera che chiede una moratoria su tutte le prove sul campo di OGM per almeno cinque anni, il divieto di brevetti sulle forme di vita e dichiarando che le colture geneticamente modificate “non offrono benefici ai consumatori per gli agricoltori.”

Colture geneticamente modificate, naturalmente, sono sospinti dai venti e non si fermano ai confini di proprietà. Due mesi fa, il grano geneticamente modificato è stato scoperto nei campi di un contadino in Oregon. The Guardian riporta che il grano è mai stato approvato per il consumo umano ed è una varietà sviluppata da Monsanto in un esperimento che si è concluso un decennio fa. Diversi paesi asiatici hanno risposto a questa notizia vietando le importazioni di grano degli Stati Uniti e l’Unione Europea ha richiesto di  sospendere le spedizioni di grano dagli Stati Uniti per effettuare i  test.

Sperando di espandere la sua portata, Monsanto (e di altre tre società) stanno tentando di accaparrarsi il mercato del mais in Messico, luogo di nascita della coltura principale. Le società hanno chiesto di piantare mais geneticamente modificato su più di due milioni di ettari in due stati messicani. Già, secondo un rapporto in Truthout , gli agricoltori vicini a Città del Messico hanno trovato i loro raccolti contaminati con mais geneticamente modificato .

Sessantaquattro paesi che attualmente richiedono l’etichettatura degli OGM ma l’etichettatura negli Stati Uniti è aspramente combattuta da Monsanto e altre imprese agro-alimentari giganti. Le aziende sostengono che gli OGM sono sicuri, ma se sono così orgogliosi dei loro prodotti, perché si oppongono loro che sia messo sul mercato un marchio per permettere ai consumatori di vedere? Né la porta girevole tra la US Food and Drug Administration e Monsanto può ispirare fiducia.

I legali della lobby e altri hanno fatto il lavoro per la Monsanto per far passare tutte le regoli a favore della multinazionale. Anche i dirigenti dell’azienda ottengono di andare a lavorare per le agenzie governative degli Stati Uniti che li regolano, per poi tornare alle loro società, questa è una pratica comune, Monsanto ha inviato un numero straordinario di dirigenti nei posti di posti di governo .

Tuttavia, questo panorama  non dovrebbe essere visto  troppo semplicisticamente come se la Monsanto  sia  una società malvagia. Essa ed i suoi concorrenti stanno operando nel modo in cui le regole del capitalismo sulla concorrenza dispongono – crescere o morire è l’imperativo sempre presente.  Tutte le grandi industrie si muovono verso la monopolizzazione (una manciata di aziende che dominano un settore, non necessariamente un monopolio “puro” di uno); le aziende  multinazionali crescono a tali enormi  dimensioni  che possano dominare le loro società;  le multinazionali che sopravvivono tendono a  convertire  l’attività  da ambiti tradizionali   nei loro centri di profitto privato.  Questo è il risultato naturale della concorrenza di mercato e consente ai  “mercati” di  determinare gli effetti sociali, quali che siano. (….)

Lo spettro di qualsiasi impresa multinazionale  di ottenere un monopolio sul cibo è troppo spaventoso da contemplare, non importa se un’impresa sia così intenta  a schiacciare chiunque si metta sulla sua strada.

L’idea della  Monsanto (o di qualsiasi altra società o di grandi corporations) è quella di strappare il controllo dell’approvvigionamento alimentare mondiale,  idea che suona come un film cattivo  di fantascienza  o come un incubo pazzesco.  Ma il capitalismo moderno si sta dirigendo verso quella situazione  in precedenza impensabile.  Il momento  per contrastare tutto questo è adesso,  dopo  non avremo  mai il tempo che pensiamo per porre rimedio.

Pete Dolack  è un autore che ha scritto “Systemic Disorder” ed è stato un attivista di parecchi gruppi

Fonte: Counterpounch

Nella foto in alto: manifestazione contro la Monsanto inArgentina

Traduzione di Luciano Lago

*

code