"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Merkel contro tutti: “prima o poi l’Euro esploderà”

Merkel  summit bruxelles

Partiamo da questo articolo tratto da Voci dall’Estero:

“Le Monde: Cronaca di una cena del Consiglio Europeo -Tutti contro Merkel (ma Letta c’era?)

Resoconto straordinario di Le Monde sui colloqui avvenuti durante la cena del Consiglio Europeo di giovedì 19 Dicembre. A quanto pare, i leaders europei temono di perdere le elezioni e cercano di resistere (per ora) alle pressioni della Germania…
Dalla ricostruzione dei colloqui fatta da sulla base di comunicazioni interne, la maggior parte dei capi di Stato e di governo dell’Unione europea si sono alleati contro il progetto avanzato dalla Merkel per affrontare la crisi del debito sovrano: la firma di contratti vincolanti tra ciascuna capitale e la Commissione europea per esercitare uno stretto controllo sulle riforme, in cambio, se del caso, di qualsiasi incentivo finanziario.
Inizia Herman van Rompuy, presidente del Consiglio europeo
“Abbiamo bisogno di spingere di più sulle riforme strutturali, su cui tutti devono impegnarsi”.

Ma fin dall’inizio, anche i tradizionali alleati della Germania prendono le distanze dalla proposta di Angela Merkel. L’austriaco Werner Faymann, evidenziando la sovranità degli stati dice:
“Ogni regola vincolante deve rispettare i parlamenti”.
Replica poco dopo il Cancelliere Merkel
Non c’è resa della sovranità”. “Gli accordi contrattuali sono negoziati da voi, con il vostro Parlamento. “Anche i nostri giornali parlano di diktat “, cerca di rassicurare la Merkel sulle raccomandazioni inviate da Bruxelles.
“MOLTE RIFORME SONO STATE EFFETTUATE SENZA SOLIDARIETÀ”
il primo ministro olandese, si è detto:
convinto che questi contratti non aiuteranno
Egli diffida degli aiuti concepiti a Berlino per incoraggiare le riforme. Nei Paesi Bassi:
“molte riforme sono state fatte senza vincolo di solidarietà e ora noi dobbiamo pagare per coloro che non hanno fatto le riforme in merito a possibili incentivi finanziari”. Aggiunge il finlandese Jyrki Katainen
“Non è una questione di soldi , si tratta della legittimità dell’integrazione europea” piani di salvataggio hanno alimentato il populismo. È un cancro”.
Per i paesi del Sud è Mariano Rajoy, il leader del governo spagnolo, che va alla carica:
“Molti di noi fanno le riforme“,

ha detto il leader conservatore. I contratti devono essere fatti su base “volontaria“, insiste.
Poi Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea , uno dei pochi, con José Manuel Barroso, a sostenere il Cancelliere:
“Se non fate le riforme, perderete la sovranità nazionale”
Di fronte all’insistenza di Mariano Rajoy nel voler eliminare il vincolo giuridico, Angela Merkel si lascia sfuggire:
“Prima o poi, senza la necessaria coesione, l’euro esploderà ( …) Se questo testo non è accettabile per la Spagna, lasciamolo cadere, se ne riparlerà tra dieci anni.Se tutti si comportano come si faceva sotto il comunismo, allora siamo perduti”.
afferma il Cancelliere, quando il leader maltese oppone le sue forti riserve.
Non convinto, Francois Hollande rimane piuttosto discreto. Egli evita di parlare della “capacità finanziaria” che la Francia propone di negoziare in cambio di questi contratti.
“Ci sono quelli che non vogliono più la disciplina e temono che diventerà vincolante. E altri che non vogliono pagare. Mettiamoci d’accordo sui principi e decidiamo i dettagli dopo le elezioni europee del maggio 2014”.
Elio di Rupo il primo ministro belga, è sulla stessa linea:
“Le elezioni europee si avvicinano, non presentiamo un‘Europa armata di bastone.”
Davanti a tanta resistenza,Angela Merkel si spazientisce:.
“Sono cresciuta in uno stato che ha avuto la fortuna di ricevere l’aiuto della Germania dell’Ovest per tirarsi fuori dai guai. Ma nessuno lo farà per l’Europa”,
afferma, prima di fare riferimento al peggio della crisi dell’Unione monetaria:  “Allora abbiamo discusso se la Grecia avrebbe dovuto lasciare la zona euro e credo che se questo fosse accaduto, tutti avremmo dovuto uscire poco dopo.A un certo punto la cosa deraglierà, usciremo dai binari”.
Angela Merkel racconta di aver letto il libro , di Christopher Clark, sull’entrata in guerra nell’estate del 1914:
“Hanno tutti fallito e questo ha portato alla prima guerra mondiale, dice lei, prima di cambiare registro: “ Per lei, è meglio pagare 3 miliardi di € ora per incoraggiare i cambiamenti che dover fare un salvataggio da 10 miliardi tra qualche anno.
Ma non serve a nulla. Angela Merkel allora propone di rimandare la decisione al dicembre 2014:
“Non voglio che qualcuno mi dica che ha perso le elezioni“, a causa dei contratti.
Io non ci sarò più“, ha detto Barroso
“Non importa!” si lascia sfuggire il Cancelliere
“Non morirò per i contratti” conclude Herman Van Rompuy, “ma voglio finire il lavoro prima di lasciare il mio posto“, nel novembre 2014. Ha poi convenuto di rinviare la decisione da giugno a ottobre 2014.
“GPG Imperatrice

*

code