"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La macchina del caos: Irak Libia Siria Yemen… e non solo

Primo di tre incontri per la critica del Nuovo Ordine Mondiale.

La macchina del caos lavora senza sosta creando i “fatti” secondo i propri principi e facendo, a suo modo, anche la nostra storia.

Per definizione, il suo operare non può riconoscere limiti e confini visto che, come è stato ammesso da fonte interna autorevolissima, “the american homeland is the planet”.

Sebbene in queste ultime settimane venga effettivamente contrastata sul teatro siriano dall’intervento della Russia di Putin, essa mantiene nel suo ventre oscuro copiose riserve velenifere e notevoli capacità metamorfiche che la rendono comunque temibilissima e nemica irredimibile di qualunque popolazione.

Lo si vede, forse meglio che in passato, proprio in Europa, dove per l’affondamento di qualsiasi speranza di “risveglio politico globale” si serve senza scrupolo, fra le altre, dell’arma di distruzione chiamata “accoglienza dei migranti”.
In questa situazione l’Italia, che rimane a livello planetario uno dei massimi terreni di sperimentazione per la macchina del caos, potrebbe senza paradosso rivelarsi uno degli avamposti strategici decisivi nel quale, in un futuro nemmeno troppo lontano, si giocheranno le sorti dei processi di affrancamento dal doppio giogo dell’Unione Europea e della NATO

Convegno a Bologna
Convegno a Bologna

Sabato 14 Novembre, ore 16,oo

Bologna – Centro Sociale G. Costa

Via Azzo Gardino, 48

Con l’intervento di Marinella Correggia, giornalista ed attivista contro la guerra, da ultimo autrice di  “Il Presidente de la paz”, saggio sulla politica estera di Hugo Chavez (edizioni Sankara).

*

code

  1. Idea3online 1 anno fa

    Il Caos contro la Germania, viene colpito il simbolo, le industrie automobilistiche, e nello stesso tempo il Vaticano, allo stesso viene aggredito il Giubileo. Le auto peccano di scarichi tossici, il Vaticano di poca spiritualità. La Germania ed i suoi simboli, il Vaticano ed i suoi simboli. Ma sia la Germania che il Vaticano sicuramente non sono allineati alla NATO perfettamente, ma peccano di libero arbitrio. Il Vaticano è molto tentato ad abbracciare i fratelli ortodossi, la Germania a fare affari con la Russia.
    Ed ecco che simultaneamente con la scusa delle macchine viene mandata a gambe all’aria la Germania, e con la scusa di Marino e gli scandali vaticani viene aggredito il Giubileo. Che la Germania possa subire è molto chiaro, ma che il Vaticano venga ridimensionato è poco probabile. Quando ci sarà l’incontro tra il Papa e Kirill sarà la prova che dopo 1000 anni verrà creata una super alleanza politica religiosa dettata dalla legge della sopravvivenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace