"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Libia, un paese sepolto nel crimine e nel silenzio

di Higinio Polo

Non sappiamo quante persone sono morte in Libia a seguito al brutale intervento della NATO nel 2011. Alcune fonti parlano di circa trentamila morti; altri fanno aumentare questa cifra. Nel frattempo, la Croce Rossa stima che ci siano stati circa 120.000 morti, ma non vi è dubbio che la guerra che è stata iniziata dalla NATO ha distrutto il paese e gettato i suoi sei milioni di abitanti di un incubo sinistro.
Nel prossimo mese di Marzo, si compiranni sei anni dall’inizio del massacro del popolo libico: Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e Italia hanno lanciato un diluvio di bombe e missili da crociera sul paese dalle loro navi ed aerei . Hanno giustificato la guerra e il massacro con una risoluzione, la 1973 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che ha parlato utilizzare solo le “misure necessarie” per proteggere i civili “che erano minacciati” e che aveva autorizzato una no-fly zone, ma non l’ invasione del paese.

Non c’era l’autorizzazione ad avviare l’intervento militare e, tanto meno, un attacco per rovesciare il governo. Cina e Russia, così come l’India e la Germania, si erano astenuti in quel voto del Consiglio di sicurezza, e, successivamente, in vista della guerra imposta, sia Mosca che  Pechino hanno denunciato l’interpretazione abusiva che aveva fatto Washington, con i suoi alleati europei e la NATO della risoluzione del Consiglio di S.. Il Sud Africa, che aveva anche votato a favore della risoluzione, ha denunciato l’uso eccessivo della forza fatto dopo l’accordo per imporre un “cambiamento di regime e l’occupazione militare del Paese.”
Tale era l’ipocrisia di Washington, Londra e Parigi, che i loro aerei erano andati a bombardare i civili a Bengasi e Misurata, e in altre città libiche, uccidendo centinaia di persone, anche se presumibilmente  dicevano di intervenire  in loro difesa. In precedenza, i “ribelli” erano stati addestrati da istruttori militari americani e di altri paesi della NATO, mentre gli USA hanno fornito loro armi e le informazioni sofisticate, e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha lavorato per creare un Consiglio nazionale di transizione per imporre  un nuovo governo filo USA dopo la sconfitta di Gheddafi.

Di fatto, già da prima dell’inizio di aggressione militare, i comandi militari inglesi e americani (in operazioni approvate da Cameron e Obama, violando il diritto internazionale) si erano infiltrati in Libia ed avevamno realizzato atti di sabotaggio e omicidi mirati. I militari occidentali sono arrivati fino al punto di usare vestiti simili alle milizie del lato ribelle per camuffare il loro intervento di fronte alle istituzioni internazionali ; erano militari della NATO, ma non hanno mai riconosciuto la loro condizione, e hanno addestrato i ribelli e combattuto al loro fianco.

libia-hoy-2-1-768x497

Durante l’estate del 2011, la NATO ha lanciato migliaia di missioni di combattimento, e comandos inviati per “operazioni speciali” per rinforzare gli attacchi dei ribelli, armati e sostenuti dall’alleanza occidentale. Il 20 ottobre, incapace di resistere, fuggirono a Sirte Gheddafi e il suo convoglio e lì  sono stati attaccati dall’aviazione francese  e  degli Stati Uniti, alla fine  era stato arrestato dai distaccamenti dei ribelli, aiutati da quei ” Command Special Operations ” americani. Poi è stato ucciso a sangue freddo.  Cinque giorni prima dell’omicidio di Gheddafi, il primo ministro britannico Cameron e il presidente francese Sarkozy sono volati in Libia, nella zona controllata dai ribelli, mentre squadre di americani della CIA hanno lavorato per individuare e uccidere Gheddafi. La sua morte è stata celebrata da Obama, dalla Clinton, da Cameron e da Sarkozy.

Con la violazione della risoluzione delle Nazioni Unite, sempre utilizzando la guerra come strumento della loro politica estera, gli Stati Uniti ed i loro alleati hanno ottenuto il loro scopo. I bombardamenti della NATO hanno distrutto gli aeroporti, le infrastrutture e i porti del paese, i centri ufficiali, caserme, strade, e centinaia di migliaia di persone sono state costrette a fuggire, secondo le stime delle Nazioni Unite, diventando profughi nella loro stessa terra.

Le riserve valutarie e le risorse del paese all’estero sono state sequestrate dai governi occidentali. Oggi, l’economia è appena un terzo di quello che era prima dell’intervento della NATO nel 2011. Poi è scoppiata la lotta delle fazioni tra i vari gruppi armati (come in Afghanistan dopo il trionfo dei “signori del la guerra “, sostenuta anche dagli Stati Uniti); E’ arrivato il caos nel paese, devastazione, miliziani fanatici  e banditi armati che si sono impadroniti di  tutto. La Libia è diventato un incubo, in cui rapimenti, centri clandestini di tortura, omicidi, stupri di donne,  si sono impadroniti della vita quotidiana trasformandola  in un inferno; e dove  mancano anche  cibo e medicine, al punto che in molte città, tra cui Bengasi, le persone sono costretti a mangiare cibo putrefatto e ratti.

In questo paesaggio di inferno, si unisce la distruzione delle strutture pubbliche, piazze, parchi e luoghi dove la gente si riuniva prima della guerra; il furto delle  proprietà  si aggiunge alle decapitazioni pubbliche e sparatorie organizzate da gruppi jihadisti, che sono diventati moneta comune della nuova Libia. Fonti indipendenti parlano di centinaia, forse migliaia, decapitati da militanti distaccamenti armati di fanatici religiosi. Salafita e gruppi jihadisti controllano ancora importanti aree del territorio, e mentre Washington ha cercato di costruire una società formalmente democratica, in occasione delle elezioni del giugno 2014, in un censimento di tre milioni e mezzo di persone, ha votato solo il 18% della popolazione. Molte città sono state trasformate in rovina, e le mine sono un pericolo mortale per i sopravvissuti.

Diverse centinaia di gruppi armati, uno di fronte all’altro, in lizza per il controllo del territorio e la ricchezza del paese, accanto alle mafie che contrabbandano le persone, che condannano migranti ai   lavori forzati,  che uccidono impunemente, mentre due governi e due “parlamenti” a Tripoli e Tobruk, (questo, poi sostenuto dalla NATO), cercavano  di sconfiggere il nemico e ottenere il riconoscimento esterno.

Per uscire dal caos, i governi occidentali hanno invitato il cosiddetto “governo di unità nazionale”, che è stato creato in Marocco nel dicembre 2015, sotto la presidenza di Fayez al-Sarraj, ma è ancora lungi da stabilire la sua autorità in tutto il paese, e anche incapace di controllare  Tripoli, dove ci sono decine di milizie armate il cui ordine del giorno si concentra nell’impadronirsi  del  petrolio per l’esportarlo, nell’ estorcere la popolazione, gli immigrati e trafficare con le  persone. In altre grandi città libiche, tra cui Sirte, Misurata, Tobruk, accade lo stesso. A sua volta, il generale Khalifa Belqasim Haftar ora controlla Tobruk, con l’aiuto militare e finanziario da Egitto e Emirati Arabi Uniti. Haftar è un soldato libico che, dopo la rottura con Gheddafi, è stato trasferito dalla CIA negli Stati Uniti, negli anni novanta, per poi guidare la milizia armata che era stata  finanziata  dall’agenzia statunitense. A questi si aggiungono le forze controllate dal Daesh, lo Stato Islamico sedicente, che ha importanti collegamenti  con le monarchie del Golfo Persico.

In questo  caos infernale, Washington continua a inviare ” gruppi di operazioni speciali   ” (come è arrivato dicembre del 2015 presso la base militare di Al-Watiya, nel quartiere di Nuqat al Khams, vicino al confine con la Tunisia, un comando che era stato bloccata dai gruppi armati e costretto dopo a lasciare il paese), e usa la sua forza aerea per bonbardare le  milizie  che non sono di loro gradimento, pur sostenendo il governo di Fayez al-Sarraj, ma ha ancora la base di Haftar, vecchio dipendente la CIA. In pratica, le varie milizie sono bloccate  insieme, e il caos è tale che non vi è alcun gruppo che sia in grado di imporsi  agli altri.

Gli  Stati Uniti hanno tentato di stabilizzare la situazione attraverso il governo di Fayez al-Sarraj, anche se non disprezzano di  sostenere un Haftar al governo se riuscisse ad imporsi  nella maggior parte del paese: vogliono  avere un governo cliente per garantire i propri interessi, e il Dipartimento di Stato è in grado di rendere presentabile  qualsiasi banditi governo. Gli  Stati Uniti ed i loro alleati europei (Gran Bretagna, Francia) che sono responsabili per la tragedia del paese, sono interessati a questioni diverse: Bruxelles sta cercando di contenere l’arrivo di migranti provenienti dalla Libia, che stimano alcune fonti a 150.000 ogni anno, una questione di particolare interesse per la Germania; Washington mira a controllare Daesh (con il quale temporeggia in Siria, dove, di fatto, è visto come un alleato nella guerra per rovesciare il governo di Damasco), disattivare centinaia di milizie, e recuperare la la produzione di petrolio. A sua volta, l’inviato  speciale  dell’ ONU per la  Libia, Martin Kobler,cerca, senza  fortuna, di mediare nel caos.

Nel frattempo, Tv e grande stampa internazionale hanno  tralasciato a lungo di mostrare interesse per la  Libia, a seguito di un manuale (di disinformazione)  utilizzato con successo molte volte. La Libia, che è diventato uno stato fallito, con la presenza di Daesh (che ha appena perso Sirte), dove tutti i gruppi e milizie commettono crimini di guerra contro l’indifferenza occidentale, è oggi un paese dove nessuna potenza della NATO si rende responsabile, anche se un terzo della popolazione ha bisogno di aiuti alimentari di emergenza, anche se i libici devono mangiare topi e acqua pestilente, essendo  inoltre  costretti a contemplare omicidi costanti e decapitazioni, anche se  la vita lì non vale niente, e le cancellerie dei paesi occidentali sono consapevoli del fatto che i libici sono stati condannati a vivere in un inferno (provocato dalla NATO ). Nessuno di quelli che hanno provocato l’inferno in quel paese (Obama, Sarkozy, Cameron, Napolitano)  pagherà per questi crimini.

Fonte: Rebelion

Traduzione: Manuel De Silva

*

code

  1. Giorgio 3 mesi fa

    Fortunatamente i paesi in questione sono la crema della civiltà, figuriamoci quelli che non lo sono.
    E noi italiani condividiamo i valori morali con questi alfieri dell’evoluzione, roba da gonfiarsi il petto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eliseo 3 mesi fa

      Me li immagino con la clava in mano. Sono dei selvaggi che stanno purtroppo nella stanza dei bottoni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace