"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Le Pen difende la necessità di introdurre una moneta nazionale per la Francia

L’economia della Francia necessita di una moneta nazionale perchè l'”l’euro è ormai morto”, ha dichiarato la candidata presidenziale del Front National, Marine Le Pen.
“E’ necessario controllare la moneta, adattarla all’economia perchè oggi giorno la moneta unica è un onere che blocca il sistema economico”, ha dichiarato la Le Pen nel corso di una intervista con il giornale Le Parisien.

L’aspirante all’Eliseo ha segnalato che l’Euro deve essere una moneta “utilizzata soltanto per le grandi imprese dedicate al commercio internazionale”, tuttavia non deve essere impiegato per la vita quotidiana dei cittadini francesi.

Lungo la sua campagna presidenziale la Le Pen ha promesso che, nel caso di vincere le elezioni, convocherà un referendum per l’uscita della Francia dalla UE e sul rifiuto dell’euro nella primavera del 2018.

In merito alla designazione di Dupont-Aignan, “Siamo pronti a governare” Nicolas Dupont-Aignan, si è associato con noi per condividere la nostra battaglia”.
Condividiamo la stessa visione di indipendenza dalla Francia e la difesa del popolo francese. Di fronte a un candidato (Macron) che difende gli interessi di una casta privata e gli interessi finanziari che in realtà considera che la lotta politica non deve servire per la Francia, ma per permettere a se stesso e ai suoi amici di utilizzare la Francia .

Questa sfida consiste in una spaccatura tra i patrioti ed i globalisti. Era legittimo di collocare al meglio gli interessi del paese di sopra delle nostre differenze, al fine di presentare un progetto coerente.

Il prossimo 7 di Maggio la Le Pen affronterà, con Emmanuel Macron, del Movimento En Marche, in un secondo turno per ottenere la presidenza della Francia.

Fonte: Sputnik Mundo/Le Parisien

Traduzione e sintesi: L.Lago

*

code

  1. Giorgio 4 settimane fa

    Auguro alla signora Le Pen di conquistare l’Eliseo ma tengo sub-judice le sue promesse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ERNESTO PESCE 4 settimane fa

      BISOGNA STAR ATTENTI DI NON CASCARE NELL’AMO DEL CAMALEONTE TRUMP

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tania 4 settimane fa

    “Tanto cosa cambia, sono tutti uguali”
    “Tanto non cambia mai niente”
    Se c’è una parola che odio è tanto, è la parola più triste, negativa, non vera, che esista.
    Mi è sempre piaciuta invece intanto.
    “Intanto cambia”
    “Intanto fai”

    E poi certamente la lotta di classe appannaggio di tutti gli esseri viventi del pianeta Terra (flora e fauna) è indiscutibile, fa parte del DNA del pianeta, induce tra gli umani a ricordare che il potere è fatto dai ricchi e quindi non potrà mai esistere un posto senza poveri, questa signora non viene dal pianeta Equilibrio della Costellazione dell’Amore, è una ricca signora appartenente alla casta dominante, solo propone cose che potrebbero diventare giuste per milioni di persone, non tutte, i poveri ci saranno sempre essendo la presenza dei ricchi, altro è la plutocrazia sionista che propone il suo avversario!
    La signora vedremo se poi userà la parola tanto o la parola intanto, lo vedremo se vince.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. annibale55 4 settimane fa

    Qui Marine si gioca la presidenza. I benestanti di Francia (da 4000 euro/mese in su) NON la voteranno mentre i peones sono dirottati dalla loro classe dirigente “antifascista”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. 1 dubito che possa vincere, hanno troppi immigrati in casa e la tv rimbambisce gli autoctoni
    2 non mi piace chi le gira intorno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Eugenio Orso 4 settimane fa

    Questa storia della doppia moneta mi rende perplesso.
    Meglio sarebbe preparare seriamente, nell’arco di alcuni mesi, un piano per l’uscita integrale e definitiva dall’euro, mantenendolo il più possibile riservato e senza annunci periodici del tipo “usciremo dall’euro!”, “siamo in procinto di acquisire la piena sovranità monetaria!”.
    Poi, una volta pronto, in una notte lanciare la bomba, destabilizzando i mercati a livello mondiale e sorprendendo il nemico, in modo da produrgli dei danni il più possibile gravi.
    Una sorta di vendetta? Certo. Un colpo alla globalizzazione economico-finanziaria e alle élite? Sicuro.
    Occhio per occhio, dente per dente!

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 4 settimane fa

      Altro che testata nucleare!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace