"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La guerra proclamata dagli Stati Uniti e diretta contro lo “Stato Islamico” è tutta una grande menzogna.

Isis-invasion-conjugando-adjetivos

Le 26 cose sull’ ISIS che non vogliono che tu sappia

di A. Fernandez

Il problema dei “terroristi islamici”, mentre gli USA effettuano una guerra preventiva in tutto il mondo per “proteggere il territorio americano” è usato per giustificare un progetto militare. Lo Stato islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS) è una creazione di intelligence degli Stati Uniti. Il “programma di lotta contro il terrorismo” di Washington in Iraq e in Siria consiste nel sostenere sottobanco i terroristi.
Le incursioni delle Brigate dello Stato islamico in Iraq dal giugno 2014 facevano parte di un’operazione di intelligence militare attentamente pianificata e segretamente sostenuta dagli Stati Uniti, dalla NATO e da Israele. Il mandato di lotta contro il terrorismo è una finzione. Gli Stati Uniti sono il “primo sponsor del terrorismo”. Lo Stato islamico è protetto dagli Stati Uniti e dei suoi alleati. Se avessero voluto davvero eliminare le brigate dell’ISIS, avrebbero potuto benissimo bombardare il loro convoglio di camionette Toyota quando queste hanno attraversato il deserto dalla Siria all’ Iraq nel mese di giugno (li sorvegliavano con i satelliti).

Il deserto siriano-arabo è un territorio aperto. Con aerei jet da combattimento (F15, F22 Raptor, CF-18), sarebbe stato, dal punto di vista militare, un intervento chirurgico rapido e conveniente.
In questo articolo, mettiamo a disposizione 26 concetti che confutano la menzogna.

Interpretata dai media come una grande “impresa umanitaria”, questa operazione militare su larga scala diretta contro la Siria e l’Iraq ha provocato già innumerevoli vittime tra i civili. Non avrebbe potuto essere condotta senza il sostegno incrollabile dei media occidentali, che hanno difeso l’iniziativa di Obama come un’operazione per combattere il terrorismo.

Gli Stati Uniti hanno sostenuto al Qaeda ed i suoi affiliati per quasi mezzo secolo, dal momento dall’inizio della guerra sovietico-afghana.
I campi di addestramento furono installati dalla CIA in Pakistan. In un periodo di dieci anni a partire dal 1982-1992, circa 35.000 jihadisti provenienti da 43 paesi islamici sono stati reclutati dalla CIA per combattere nella jihad afghana.
“Pubblicità, pagate con fondi della CIA, sono stati collocati in giornali e bollettini di tutto il mondo che offrivano incentivi e le motivazioni per unirsi alla Jihad.”
Dai tempi delll’amministrazione Reagan, Washington ha sostenuto rete terroristica islamica. Ronald Reagan chiamava terroristi “combattenti per la libertà.” Gli Stati Uniti hanno fornito armi alle brigate islamiche. Tutto era per “giusta causa”: la lotta contro l’Unione Sovietica e il cambio di regime, che ha portato alla scomparsa di un governo laico in Afghanistan.

Reagan con i muijadin

Libri di testo jihadisti  furono pubblicati dalla University of  Nebraska. ” “Gli Stati Uniti hanno speso milioni di dollari per fornire agli scolari afgani libri di testo pieni di immagini violente e gli insegnamenti dell’Islam militante. ”

Osama Bin Laden, fondatore di Al Qaeda negli Stati Uniti, è stato reclutato dalla CIA nel 1979 , all’inizio della guerra jihadista che gli USA sponsorizzarono per l’Afghanistan. Egli aveva 22 anni ed è stato addestrato nel campo di addestramento alla guerriglia sponsorizzato dalla CIA. Al Qaeda non era dietro gli attacchi del 9/11. L’11 settembre 2001 ha fornito una giustificazione per una guerra contro l’Afghanistan sulla base del fatto che l’ Afghanistan era uno stato sponsor del terrorismo, che sosteneva al Qaeda. Gli attacchi di 9/11 sono stati fondamentali nella formulazione della “guerra globale al terrorismo.”

Lo Stato islamico (ISIS)

Lo Stato islamico (ISIL) era in origine un affiliato ad Al Qaeda creato dai servizi segreti americani, con il sostegno del MI6 britannico, Mossad israeliano, l’Inter-Services Intelligence del Pakistan (ISI) e Saudi Arabian agenzia di intelligence ( GIP) Ri’āsat Al-Al-Istikhbarat’Amah (رئاسة الاستخبارات العامة).

Le Brigate ISIS sono stati coinvolte con gli Stati Uniti e con la NATO ed  hanno sostenuto l’insurrezione in Siria contro il governo di Bashar al Assad.

La NATO e l’Alto Comando turco sono responsabili per il reclutamento di mercenari di  Al Nusrah e dell’ ISIS dall’inizio della rivolta siriana nel marzo 2011. Secondo fonti di intelligence israeliane, questa iniziativa è stato quella di:
“Una campagna per arruolare migliaia di volontari musulmani nei paesi del Medio Oriente e nel mondo musulmano per combattere a fianco dei ribelli siriani. L’esercito turco avrebbe ospitato questi volontari, la loro formazione e il loro passaggio sicuro in Siria. (DEBKAfile, la NATO a dare i ribelli armi anticarro 14 agosto 2011).

Ci sono forze speciali occidentali e agenti dei servizi segreti occidentali nelle file delle ISIL. Forze Speciali Britanniche e MI6 sono stati coinvolte nella formazione dei ribelli jihadisti in Siria.
“Specialisti militari” occidentali sono stati assunti dal Pentagono per addestrare i terroristi l’uso di armi chimiche.
“Gli Stati Uniti e alcuni alleati europei hanno utilizzato  appaltatori della difesa per addestrare i ribelli siriani sulla sicurezza delle scorte di armi chimiche in Siria, secondo un funzionario americano di alto livello e diversi diplomatici di alto livello lo hanno riferito alla CNN di Domenica 9.12 ( CNN Report, 9 dicembre 2012).

La pratica delle decapitazioni ISIL fa parte dei programmi di formazione del terrorista sponsorizzati dagli Emirati A. Uniti ed implementato in Arabia Saudita e Qatar.
Un gran numero di criminali condannati vengono reclutati come mercenari ISIS dall’Arabia Saudita, un alleato degli USA, e questi vengono rilasciati dalle carceri saudite a condizione di aderire alla ISIS . Anche i condannati a morte in Arabia S. sono stati reclutati per partecipare alla brigata terrorista . Vedi: Global Research

Israele ha sostenuto brigate ISIS e Al Nusrah delle alture del Golan.
Combattenti jihadisti si sono incontrati con funzionari della IDF Israele e il primo ministro Netanyahu. ISIL e Al Nusrah sono supportati da Israele. Vedi immagine qui sotto:

Netanyahu visita milicianos rebeldes

“Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa Moshe Yaalon accanto a un mercenario ferito all’ospedale al confine con la Siria, nel Golan siriano, occupato nella campagna militare israeliana il 18 febbraio 2014”.
Siria e Iraq
L’ISIS sono i soldati di fanteria dell’alleanza militare occidentale. Il loro mandato tacito è quello di provocare il caos e distruzione in Siria e in Iraq, ed operano per conto dei loro sponsor americani.
Il senatore statunitense John McCain si è incontrato con i leader terroristi jihadisti in Siria. Vedi: McCain meets Syrian rebels, presses for military aid to fight ISIS

La milizia dello Stato islamico, che è attualmente  l’obiettivo presunto di una campagna di bombardamenti da parte degli USA e della NATO, sotto il mandato di “lotta al terrorismo” ,continua ad essere sostenuta segretamente da Washington e gli Stati Uniti ed i suoi alleati (Turchia ed Arabia Saudita) che  continuano a fornire assistenza militare allo Stato islamico.

I bombardamenti degli Stati Uniti e dei suoi alleati non sono diretti in realtà all’ ISIS, ma stanno bombardando le infrastrutture economiche dell’Iraq e della Siria, tra cui fabbriche e raffinerie di petrolio.
Il progetto del califfato è parte di un programma segreto della politica estera statunitense per dividere l’Iraq e la Siria per un lungo periodo in territori separati: un califfato islamico sunnita, una Repubblica araba sciita e la Repubblica del Kurdistan.

La guerra globale al terrorismo (GWOT)

“La guerra globale al terrorismo” (GWOT) si presenta come uno “scontro di civiltà”, tra i valori e le religioni concorrenti, quando in realtà è una guerra aperta per la conquista, guidata da obiettivi strategici ed economici.

Gli USA hanno patrocinato le brigate dei terroristi di Al Qaeda (segretamente supportati dall’intelligence occidentale), che sono stati distribuiti in Mali, Niger, Nigeria, Repubblica Centrafricana, Somalia e Yemen.
Questi vari affiliati di Al Qaeda in Medio Oriente, nell’Africa sub-sahariana e in Asia sono sponsorizzati dalla CIA come “attività di intelligence”. Essi sono utilizzati da Washington per provocare il caos, creare conflitti interni e destabilizzare paesi sovrani.

Boko Haram in Nigeria, Al Shabab in Somalia, il Gruppo combattente islamico in Libia (LIFG) (con il sostegno della NATO nel 2011), Al Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) , Jemaah Islamiyah (JI) in Indonesia, tra gli altri gruppi affiliati ad Al Qaeda, sono tutti segretamente sostenuti dai servizi segreti occidentali.

Vedi: The Liberation of Lybia : NATO special forces and Al Qaeda Join Hands

Gli Stati Uniti sostengono inoltre le organizzazioni affiliate con i terroristi di Al Qaeda nello Xinjiang Uygur, Regione Autonoma, in Cina. L’obiettivo di fondo è quello di innescare instabilità politica nella Cina occidentale.
Jihadisti cinesi sono segnalati per aver ricevuto “una formazione terrorista” nello stato islamico “, al fine di compiere attentati in Cina.”

(Vedi: Ibtimes.co.uk/xinjiangs  )

Lo scopo dichiarato di queste organizzazioni jihadiste (che servono gli interessi degli Stati Uniti), mira a stabilire un califfato islamico che si estenda ad ovest della Cina. ( Michel Chossudovsky, La guerra degli Stati Uniti contro il terrorismo, Globa lResearch, Montreal, 2005, capitolo 2 ).

I terroristi in casa

I terroristi a livello locale: Mentre gli Stati Uniti sono il regista segreto dello Stato islamico, il sacro mandato di Obama è quello di proteggere gli Stati Uniti dagli attacchi di ISIS.
La minaccia terroristica è una produzione di elaborazione propria. Si promuove il pericolo con i governi ed i media occidentali, al fine di sostituire le libertà civili e favorire l’instaurazione di uno stato di polizia. Viene utilizzato per creare un clima di paura e di intimidazione.

A loro volta, gli arresti,i processi e le condanne di “terroristi islamici” sostengono la legittimità dello Stato di Sicurezza Nazionale e la ferrea applicazione della legge che si sta trasformando sempre più in uno Stato di polizia. L’obiettivo finale è quello di instillare nelle menti di milioni di americani che il nemico è reale e che il governo degli Stati Uniti ha lo scopo principale di proteggere la vita dei suoi cittadini.

La campagna “anti-terrorismo” contro lo Stato islamico ha contribuito alla demonizzazione dei musulmani agli occhi dell’opinione pubblica occidentale e questi sono sempre più associati con gli jihadisti.

-Chiunque osi mettere in discussione la validità della “Guerra globale al terrore” è etichettato come terrorista e viene sottoposto a leggi anti-terrorismo.

L’obiettivo ultimo della “guerra globale al terrorismo” è quello di sottomettere i cittadini, depoliticizzare totalmente la vita sociale in America, impedire alle persone di pensare e di concettualizzare, da una analisi dei fatti e questionare la legittimità dell’ordine sociale inquisitorio che disciplina gli Stati Uniti e gli altri paesi.

Fonte: Periodismo Alternativo

Traduzione: Luciano Lago

*

code