"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Città di Slaviansk assediata resiste al fuoco dell’esercito ucraino pur senza acqua ed elettricità

Slaviansk sotto il fuoco

Dalla scorsa mattina l’Esercito ucraino sta portando avanti la sua operazione di “castigo” contro la città di Slaviansk, nell’Est Ucraina.
I militari hanno aperto il fuoco con l’artigleria contro il centro della città ed è stata tagliata l’acqua e l’elettricità.
Negli ultimi combattimenti che si sono sviluppati nel corso della giornata sono morte almeno 5 persone. Fra i civili vi sono vittime e feriti, molti di loro per colpi di mitragliatrice.

A seguito del fuoco di artiglieria aperto dall’esercito ucraino, si sono verificate esplosioni nel centro della città vicino alla piazza centrale.

Vedi: Youtube.com/watch

I proiettili caduti nel centro hanno colpito edifici civili fra cui una fabbrica di mobili ed una caffetteria, secondo le dichiarazioni delle autorità locali.

Durante l’attaco vi era una quantità di gente riunita all’interno della Chiesa ortodossa per una funzione religiosa. Un proiettile di artiglieria ha colpito la cupola della chiesa ed ha provocato un incendio, un secondo proiettile ha colpito un edificio storico del IX secolo causando la morte di una bambina.

Un’altro proiettile ha colpito una stazione di servizio di benzina ed ha causato un forte incendio. Decine di feriti ricovrasti nell’ospedale della città.

Vedi: Youtube.com/Watch

Nella città manca l’elettricità e l’acqua da almeno tre giorni e le condizioni per la popolazione sono diventate molto difficili.
Durante tutta la notte scorsa vi è stato il bombardamento di asrtigleria e le persone civili sono scese nei rifugi sotterranei.
Molti residenti civili e famiglie stanno abbandonando la città per mettersi al sicuro. Ai posti di blocco dell’esercito ucraino vengono lasciate passare soltanto le donne ed i bambini. Gli uomini non possono nè uscire nè entrare dalla città.

Tutto questo per i media occidentali non esiste, pur trattandosi di bombardamenti contro la popolazione civile e come tali vietati dalla convenzione di Ginevra e considerati “crimini contro l’umanità”.

Il governo di Kiev dispone dell’appoggio della NATO , dell’Unione Europea e può contare su reparti di istruttori USA e mercenari che partecipano alle operazioni militari.

Fonte: RT Actualidad

Tradotto da Luciano Lago

*

code