"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

LA BOLIVIA DICHIARA ISRAELE “STATO TERRORISTA”

Israele stato terrorista

LA PAZ: Mercoledì la Bolivia ha ritirato un accordo con Israele per l’esenzione dai visti internazionali, e lo ha dichiarato uno stato terrorista. Il presidente Evo Morales ha annunciato la mossa durante il discorso con un gruppo di educatori nella città di Cochabamba. “Significa, in altre parole, che stiamo dichiarando (Israele) uno stato terrorista,” ha affermato.

Dal 1972 il trattato aveva permesso agli israeliani di viaggiare liberamente in Bolivia senza visto. Morales ha dichiarato che l’offensiva a Gaza dimostra “che Israele non garantisce i principii di rispetto per la vita e gli elementari precetti di diritto che governano la coesistenza pacifica ed armoniosa della nostra comunità internazionale.”

Più di due settimane di combattimenti a Gaza hanno lasciato oltre 1.600 morti e 8.000 feriti nell’intensa campagna aerea e terrestre israeliana, in risposta ad attacchi missilistici dal gruppo islamista militante di Hamas. Recentemente 16 persone sono state uccise da due bombe israeliane che hanno colpito una scuola delle Nazioni Unite, suscitando la protesta internazionale.

La Bolivia ha rotto le relazioni diplomatiche con Israele dal 2009, a causa di precedenti operazioni militari a Gaza.
A metà luglio, Morales ha richiesto formalmente all’alto commissario dell’ONU per i diritti umani di perseguire Israele per “crimini contro l’umanità”.

Non soltanto la Bolivia ma anche altri paesi del latino America hanno proceduto a richiamare il proprio rappresentante diplomatico in Israele “per consultazioni”. Fra questi i primi sono stati il Brasile e l’Ecuador, poi seguiti dal Cile, dal Perù, e da El Salvador. Alcuni di questi paesi hanno motivato l’interruzione dei rapporti diplomatici per protesta contro l’escalation di violenza contro la popolazione civile, altri hanno addotto come causa l’uso sproporzionato della forza militare da parte di Israele contro la popolazione civile.

La cancelleria di Israele ha stigmatizzato tale mossa ed ha criticato questi paesi i quali, secondo Israele, “finirebbero per appoggiare l’azione dei terroristi”.

Fonti: Dailystar

ElSalvador.com

*

code