"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Jaques Sapir: “L’economia cannibale”

Jaques Sapir in conference

Fonte: Lantidiplomatico.it

Riportiamo una interessante analisi fatta a fine Dicembre dal noto economista francese Jaques Sapir.

“Il 2014 potrebbe essere l’inizio della fine della zona euro”. Jacque Sapir
L’economia della zona euro sta divorando sé stessa, o meglio una sua parte (la Germania ed i paesi del Nord) sta divorando l’economia dei paesi del Sud. Con questa premessa Jacques Sapir, nel suo ultimo post su “Russeurope”,  prende ad esempio le svalutazioni interne, vale a dire quelle politiche di diminuzione salariale brutale con l’obiettivo di migliorare la competitività esterna. “E’ chiaro, sostiene l’economista francese, come la conseguente diminuzione di reddito dei lavoratori provoca una contrazione della crescita in Grecia, Spagna, Italia e Portogallo per la diminuzione della produzione e dei profitti delle imprese.


Il risultato è che la disoccupazione in Grecia e Spagna è superiore il 25% e anche se la competitività migliora – è il caso della Spagna – è essenzialmente a spesa degli altri paesi del sud, in particolare la Francia.

La produzione industriale si stabilizza per un tempo ma poi diminuisce per la caduta degli investimenti e l’incertezza sul livello della domanda comporta un forte calo dell’investimento. Senza quest’ultimo, le imprese non possono sfruttare il guadagno della maggiore competitività  e, ancora peggio sottolinea Sapir, non possono rinnovare il loro processo produttivo. Quest’ultimo tende a logorarsi e con esso la produttività del lavoro cessa di aumentare e poi comincia a diminuire.

A quel punto i redditi devono diminuire ancora di più per mantenere la competitività per i rapporti dei paesi. In questo modo, l’economia è completamente al collasso, poiché la domanda interna sparisce. Le economie in svalutazione interna non possono trovare la loro salvezza se non dipendendo dalle altre, poiché non esiste più un mercato interno. Questo schema potrebbe essere accettabile, prosegue Sapir, nel caso di un piccolo paese a cui i partner garantissero una politica economica espansiva. Ma, quando questa svalutazione interna avviene nella terza e quarta economia della zona euro – Italia e Spagna – è un vicolo cieco che si traduce in una crescita della Germania ed una stagnazione – o recessione – per il resto della zona. La caduta degli investimenti è il segnale più chiaro che la crisi non è certo alle nostre spalle.

L’economia della zona euro testimonia la sua natura cannibale anche con i tassi d’interessi: dire come il ministro dell’economia francese Moscovici che la crisi è alle nostre spalle perché i tassi d’interessi sono scesi non ha senso a livello economico. Dato che l’inflazione è anch’essa diminuita, i tassi d’interessi reali restano alti ed un ministro delle finanze, sottolinea l’economista francese, dovrebbe conoscere questa relazione, ma Moscovici non sa – o finge di non sapere – che sono quelli reali importanti per l’andamento dell’economia: con un tasso di 0,6% d’inflazione ed un tasso nominale del 4,1%, l’Italia ha un tasso reale del 3,5%. A novembre del 2012 l’inflazione era al 2,5% e per avere un tasso reale del 3,5% c’era bisogno di un tasso nominale del 6%; quindi quello reale sui i buoni del tesoro a 10 anni non è diminuito e la situazione è peggiore in Spagna con una deflazione in corso ed un tasso d’interesse reale al 4,2%. Tasso che pesa sulla ratio debito/Pil. Del resto la crescita nominale non è altro che la crescita reale del Pil che moltiplica il tasso d’inflazione: se quest’ultima è troppo bassa o addirittura negativa, l’andamento deficit/Pil sarà superiore ad 1, a meno che il primo non sia ridotto ad un livello superiore ad 1. Ora il deficit che abbiamo per la mole d’interessi resta elevato in termini reali ed il risultato è che la ratio debito/Pil continua ad aumentare sia in Italia che in Spagna.

La situazione delle economie dei paesi del sud s’aggrava di giorno in giorno ed il movimento dei “forconi” in Italia, che segue quello dei “berretti rossi” in Francia, o il separatismo economico regionale in Spagna dimostrano come siamo arrivati al momento decisivo della crisi, che si manifesterà con molta probabilità in primavera. Il 2014, conclude Sapir, potrebbe essere l’inizio della fine della zona euro”.

Jacques Sapir (nato il 24 marzo 1954 1 a Puteaux in Francia ) è un economista francese.
Si è laureato presso l’ Institut d’Etudes Politiques de Paris nel 1976 .
Ha insegnato presso l’Università di Paris X-Nanterre, divenendo poi direttore degli studi presso l’ EHESS, nel 1996, dopo essere entrato come docente nel 1990. Dirige dal 1996 le modalità di studio del Centro di industrializzazione (CEMI-EHESS), ed è stato a  capo della formazione dottorale “ricerca comparata sullo sviluppo” 1996-2006.
Jaques Sapir ha anche insegnato presso la Scuola Superiore di Economia di Mosca 1993-2000. Attualmente insegna presso la Facoltà di Economia di Mosca ( Moskovskaya Chkola ekonomiki ) Allo stesso tempo, come la EHESS di Parigi.
Per lungo tempo interessato a questioni strategiche, è stato ricercatore presso la Fondazione per lo Studio della Difesa nazionale 1988-1991 e ha collaborato con questa istituzione 1986-1992 sotto vari contratti. E ‘stato incaricato al Dipartimento della Difesa Nazionale.

Jacques Sapir viene considerato  come un esperto sui problemi della transizione nella ex Unione Sovietica . Egli è il co-fondatore e uno dei leader del “Seminario franco-russa sui problemi della transizione in Russia”, che opera dal 1991 alternativamente in Francia e in Russia. E ‘stato anche consulente tecnico del Ministero della Ricerca tra il 1989 e il 1992 e ha partecipato al lancio delle offerte per la ricerca sul passaggio.
Collabora regolarmente alla Economics Review Post-Autistic (giornale elettronico) e il Journal of est-ovest studi comparativi di affari post-sovietici (già dell’economia sovietica , rivista edita congiuntamente dalla Università di Berkeley in California e del Consiglio Scientifico Nazionale ) e Problemy Prognozirovania ( Problemi di previsione , revisione della Accademia Russa delle Scienze ). I suoi libri sono stati tradotti in molte lingue straniere (inglese, tedesco, spagnolo, italiano, giapponese, portoghese), ma Jacques Sapir anche sviluppato una produzione teorica originale in russo dal 2000.

 

*

code