"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Iraq: Erdogan si trova di fronte ad una sconfitta strategica

Forze turche in Iraq

Le forze turche si sono schierate nella base di Bashiqa senza sapere cosa  fare.

La ferma risposta dei capi militari dell’Iraq e della Siria alle minacce proferite dal presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, sulla questione di un possibile intervento militare turco a Mosul ed a Aleppo, ha avuto l’effetto di tenere rinchiuse le truppe turche nella base di Bashiqa. Il presidente turco tuttavia, si trova inquieto per lo scontento che potrebbe derivare fra i suoi militari di fronte a questa situazione e nella evidente dimostrazione di incertezza dove non ci sono obiettivi chiari per la loro missione né un calendario preciso per questa.

Il giornalista egiziano Mustafa al Said ha scritto un’analisi per il giornale Tishrin, in cui segnala:

“Nonostante tutte le sue minacce successive di intervento militare a Mosul ed Aleppo, Erdogan non ha potuto spostare i suoi reparti militari dalla base di Bashiqa verso Mosul, visto che i comandanti iracheni hanno avvisato che, a qualsiasi movimento turco in territorio iracheno, le forze irachene avrebbero risposto con fermezza.

La situazione non è migliore per le forze turche in Siria. I comandanti dell’Esercito siriano hanno comunicato che agiranno con fermezza per respingere qualunque violazione dallo spazio aereo Siriano da parte della Forza Aerea della Turchia.

Mappa di Iraq e Siria
Mappa di Iraq e Siria

Secondo Mustafa al Said, Erdogan è preoccupato per l’aumento delle relazioni dell’intelligence che informano circa lo scontento dei comandanti dell’Esercito turco che si sentono obbligati a partecipare ad una guerra i cui obiettivi sono ancora incerti. Erdogan , che avverte il rischio di un nuovo colpo di Stato dell’Esercito contro lui, si sforza di mettere fine alla crisi interna del paese, ma gli interventi all’esterno potrebbero avere l’effetto di aggravare questa. A questo bisogna aggiungere il crescente conflitto coi curdi, provocato a seguito della detenzione dei leader del terzo partito del paese, e suo aperto conflitto con l’Europa.
L’intervento militare turco in Siria ed in Iraq potrebbe rendere, in questo modo, la situazione più complicata per Erdogan sospingendo il presidente turco verso l’abisso del fallimento. La situazione interna in Turchia è più difficile che mai e potrebbe esplodere da un momento all’altro.

“Erdogan si trova ad affrontare una situazione difficile: non può optare nè per la guerra né per la pace. Egli ha bruciato i ponti da dietro “, ha riferito Mustafa al Said.
“Erdogan osserva, con preoccupazione, l’avanzata delle forze irachene a Mosul ed il progresso della milizia (sciita) degli  Hashid allo Shaabi in Tale Afar, ma non può fare niente per fermarli. In primis, gli è stato impedito di partecipare all’operazione di Mosul e, in secondo luogo , ha paura tanto del suo Esercito come dei suoi nemici.

Il neo sultano attualmente non può né fare la guerra contro gli iracheni, né rinunciare al suo sogno impossibile di ricostruire l’Impero Ottomano.

Fonte: Al Manar

Traduzione: Manuel de Silva

*

code

  1. Eugenio Orso 3 settimane fa

    Finora l’ottomano islamista ha riservato brutte sorprese per tutti. Elemento di disturbo e destabilizzazione, nella politica internazionale, questo tiranno senza scrupoli potrà riservare altre brutte sorprese, per salvarsi il culo.
    Non è escluso che, fra qualche mese, i vincitori a Mosul si trovino in difficoltà per contrasti reciproci, del resto già latenti oggi: sciiti contro sunniti, stato irakeno contro curdi, curdi contro sciiti, eccetera. In questi contrasti, che potrebbero innescare scontri armati, potrebbe furbescamente inserirsi Erdogan, che non ha rinunciato (ci scommetto) a mettere le mani su Mosul …

    Cari saluti

    Eugenio Orso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Umberto 3 settimane fa

      Certo che no. I criminali spietati e incalliti fanno marcia indietro solo quando non rimane scelta. Talvolta, però, il loro acume è sopraffatto dall’ avidità: allora vanno in rovina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mardunolbo 3 settimane fa

    Il neo-sultanetto fallimentare sa bene che il prossimo colpo di stato militare lo rovescerà senza alcun dubbio e lo scaraventerà nell’oblio della Storia.Forse gli rimarranno i soldi dei figli arricchiti col petrolio venduto dall’isis. Forse….

    Rispondi Mi piace Non mi piace