"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Iran, cellula terrorista sgominata in Iran. Gli arrestati confessano legami con Usa e Arabia Saudita

TEHERAN-I terroristi individuati ed arrestati la scorsa settimana nel sud-ovest dell’Iran hanno confessato di avere legami con gli Stati Uniti e il regime saudita. A rivelare l’informazione è stato il generale Mohammad Pakpour, comandante delle forze di terra dell’ Islamic Revolution Guards Corps (IRGC).

“Gli arrestati hanno ammesso i loro crimini e confessato il sostegno ricevuto dall’Arabia Saudita e dagli Stati Uniti nella promozione dei loro obiettivi terroristici”, ha reso noto giovedì il generale Pakpour, citato dalla PressTV, aggiungendo che presto i dettagli al riguardo saranno resi pubblici.

Le forze iraniane hanno scoperto e sventato uno dei maggiori complotti terroristici pianificati contro Teheran di recente. In questo complotto criminale il gruppo terrorista dei takfiri aveva programmato di condurre una serie di attacchi bomba in diverse parti del Paese (tra cui la stessa Teheran) nelle occasioni a venire.

Non è la prima volta che vegono individuate cellule terroristiche infiltrate dall’estero ma ultimamante le autorità militari iraniane sono in allarme ed hanno raddoppiato la vigilanza sul territorio ed in particolare alle frontiere con l’Iraq.

Alcuni esperti hanno già sottolineato che l’Arabia Saudita, in accordo con i servizi di intelligence USA, sta cercando di attuare una azione di sobillazione all’interno dell’Iran con il proposito di compiere azioni di terrorismo e creare un clima di terrore in modo da punire la partecipazione iraniana alla guerra contro il terrorismo takfiri in Iraq ed in Siria, terrorismo che risulta patrocinato ed ispirato dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati.

Le autorità iraniane hanno già denunciato questi tentativi ed hanno proclamato la loro volontà di proseguire fino in fondo la lotta per annientare l’ISIS e gli altri gruppi terroristi che infestano la regione ed in particolare hanno rivendicato l’aiuto fornito al popolo siriano per difendere la Siria dall’aggressione patrocinata dall’estero da cui il paese è sato investito nel corso degli ultimi cinque anni.

Fonte: Press Tv

*

code