"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Intervista con James Porrazzo (Resistenza anti mondialista)

Against Imperialism

Negli Stati Uniti, nonostante il massivo lavaggio del cervello  sulle persone che viene utilizzato  dall’ideologia globalista (e mondialista), ci sono persone che riescono a pensare  in modo difforme. Tesha Teshanovic ha parlato con James Porrazzo, leader anti-globalizzazione della “New Resistance”, una rete strutturata di attivisti politici che si sono riuniti per lottare contro il capitalismo e l’imperialismo statunitense.

Di seguito l’intervista:

Teshanovic: l’imperialismo statunitense ha fatto molto danno al popolo serbo nel corso degli ultimi 20 anni. Quale è la tua opinione circa la lotta dei serbi contro l’imperialismo occidentale?

James Porrazzo: ho sempre appoggiato personalmente la lotta del popolo serbo dagli anni ’90.  I serbi hanno sofferto una estrema ingiustizia per mano della globalizzazione capitalista occidentale: E’ stato un grande crimine, se per eventualità  fosse creato  un Tribunale Internazionale per i crimini di guerra, nel giudizio bisognerebbe portare l’assassino che fu responsabile nell’ordinare e nel portare a compimento il bombardamento sulla Serbia e le forze anti-serbe appoggiate dalla Bosnia (dalla NATO) e da altri paesi.
La politica del governo verso la Serbia è stata la stessa storia di sempre: i corrotti hanno mutilato e derubato tutti gli antichi paesi comunisti dell’Europa dell’Est e, per prevenire la formazione di una alleanza anti-globalizzazione in Eurasia, chiunque creda nella Serbia viene visto come un leader psicopatico e che, secondo la visione degli Stati Uniti, sta commettendo un grande errore.

T: Uno dei maggiori problemi oggi giorno è l’imperialismo statunitense, i cui effetti negativi si possono vedere dappertutto. Lo ha realizzato  la necessità degli USA di convertirsi nel poliziotto del mondo? Potresti per favore dirci qualche cosa circa gli anglosassoni e la loro mentalità evangelizzatrice e proselitista che ha creato la base della politica degli Stati Uniti?
JP : Il desiderio di potere e la cupidigia sono  inesauribili. La combinazione delle elite anglosassoni e dei loro fratelli sionisti, che si è realizzata all’interno del governo degli Stati Uniti, tanto nella sua elite visibile come in quella invisibile (elite finanziaria), concepisce  tutti nel mondo , così come anche le persone all’interno delle loro frontiere, come schiavi; delle risorse imprescindibili che sono lì per servirli. Chiamare “demonio ” la elite sarebbe insufficiente per descriverli. La loro ipocrisia non ha limiti.

E’ sufficiente vedere le notizie attuali  per capire che razza di mostri hanno creato in tutto il mondo. In Siria hanno armato dei cannibali psicopatici contro l’Esercito siriano ed ancora hanno il coraggio di chiamare i combattenti per la libertà della Novorussia “terroristi” e “criminali”. Se la posta in gioco non fosse tanto alta, la situazione sarebbe quasi ridicola.

T: Il governo degli Stati Uniti ed i suoi critici credono nella economia liberale. Perchè gli statunitensi sono così ossessionati con il mercato libero? Qual’è la loro opinione circa il capitalismo?

JP: Il capitalismo, il saccheggio istituzionalizzato, l’egoismo e la cupidigia sono una specie di religione per i maiali che governano gli Stati Uniti. I partiti Democratico e Repubblicano sono uniti in questo, mostrando soltanto toni differenti della stessa malattia. La maggior parte dell’opposizione di destra qui, includendo l’estrema destra reazionaria, sono infettate da questa malattia. Lo  si può vedere attraverso i colleghi che  hanno appena atteso l’occasione per diffamare qualsiasi organizzazione con un programma sociale rivoluzionario come il nostro.

Per noi, il nemico assoluto è il culto dell’oro. Siamo aperti a discutere obiettivi comuni con tutti i veri anticapitalisti. La lotta contro il capitalismo deve sempre avere la priorità.
Che sistema proponiamo? La New Resistance  propone una società civilizzata, sostenibile e giusta, dove l’economia sia subordinata e finalizzata al bene sociale.

E’ sicuro che il libero mercato sia veramente libero? No, la storia ci dimostra che non lo è.

T: La sua organizzazione è una delle poche organizzazioni negli Stati Uniti che appoggia la lotta del popolo autonomista contro Kiev e gli interessi occidentali. Perchè voi appoggiate il Donbass?

JP: Vediamo questa come una opportunità reale, perchè nel corso della nostra vita possiamo vedere alcune delle nostre idee attuate in una situazione reale, nella lotta della gente del Donbass per creare un loro proprio Stato. Il programma della ideologia sociale di Donetsk si trova molto vicino al nostro. Questa può essere una vittoria per la nostra parte, la prima di una serie di vittorie future.

Non c’è modo di rimanere inerti in silenzio di fronte ad una tematica così importante.

T: Stiamo vivendo negli ultimi anni la decadenza dell’Occidente. Potrebbe dirci per favore qualche cosa circa la l’alienazione sociale, la perdita della virilità, il femminismo, il consumo di droga, la mancanza di educazione, l’obesità, la morte…..ed altri mali sociali creati dal sistema capitalista negli Stati Uniti? Gli Stati Uniti si stanno dirigendo verso la loro fine?

JP: Il sogno americano in realtà consiste più in un certo tipo di film dell’orrore apocalittico. Tutte le cose che lei ha nominato e altre di più, sono ormai molto comuni quì da noi (negli USA). Qualche cosa di molto negativo può accadere in qualsiasi momento ed inoltre avviene di solito con frequenza.

Ci sono di sicuro  molte persone che resistono a queste influenze negative  ma, parlando in modo preciso, ci troviamo dietro le linee nemiche. Il nemico controlla tutta l’apparato di polizia e l’Esercito è al servizio  lealmente di  quelle idee velenose , mentre gran parte della massa fa la fila  per la strada credendo che il sistema sia quello  giusto.

Tuttavia la Storia dimostra che le cose possono cambiare in poco tempo. Una scintilla può causare l’ incendio di una foresta. Noi stiamo cercando di essere quella scintilla.

james-porrazzo

Se gli Stati Uniti vanno a scomparire? E’ la nostra speranza e lottiamo per ottenere quello  con tutti i mezzi. La fine degli Stati Uniti sarebbe una vittoria per tutta l’Umanità assieme.

T: Lei si considera tradizionalista ma molti dei suoi idoli politici sono di sinistra (Che Guevara, Mao Tse Tung, Allende, Castro, Chavez). Continua ad essere rilevante la differenza tra la destra e la sinistra? L’ anticomunismo è soltanto un altra delle pazzie americane? E’ possibile una riconciliazione tra destra e sinistra?

JP: Probabilmente il 90% delle mie idee arrivano dalla sinistra. Tra quelle che sono considerate di destra, ci sono quelle di Dugin, di Benoist e Thiriat che sono molto importanti. Tuttavia non considero  quelle come idee di destra.

Per noi è giusto soltanto quello di cui ci preoccupiamo. Gli obiettivi della “Destra ” non sono abitualmente di destra- Non penso che quello che sia importante sia il fatto di che io mi consideri un tradizionalista. Ancora di più, credo che coloro ai quali piace Evola, Guenon o Danielou  possono sentirsi comodi anche nei nostri circoli. L’anticomunismo è una trappola? Si certamente. Una ed un’altra volta gli anticomunisti servono unicamente come cani da guardia per i capitalisti. Guarda il Settore Destro in Ucraina, coperti di rune, che impiega slogan nazisti, portando immagini di Bandera mentre la sua cinghia di trasmissione la maneggia l’Oligarca Kolomoysky, il quale ironicamente è chiaramente un israelita. Così è come funziona esattamente  l’anticomunismo più stupido. Questi estremisti ucraini hanno mai tirato un sasso contro il capitalista?

Sarebbe bene vedere la riconciliazione tra quello che è il buono della destra politica e i gruppi di destra che si oppongono al capitalismo in modo sufficiente per combatterlo,  assieme a  quelli di sinistra che sono validi in modo sufficiente  per liberare i loro valori sociali dall’influenza del liberalismo. Questa riconciliazione sarebbe un sogno trasformato in realtà.

Tradotto da Luciano Lago

Fuente: Tribuna de Europa

Nella foto in alto: manifestazione contro l’imperialismo a Parigi

Nella foto al centro: James Porrazzo

*

code

  1. Werner 2 anni fa

    É proprio così, il mondo – soprattutto quello occidentale – sta andando a rotoli proprio perché siamo in presenza di una dittatura mondialista e internazionalista di matrice giudeo-massonica, una piovra che controlla gran parte dei governi del pianeta, in particolare quelli europei.

    L’autodistruzione etica, morale, civile, economica e sociale dell’Europa é figlia di questo regime mondialista, che é certamente nella mani degli USA, ma gli USA a loro volta sono controllati da Israele. L’UE stessa é un’emanazione di USA e Israele, per il controllo politico del nostro continente e di quello mentale dei nostri popoli, altrimenti non si spiegherebbero le politiche autolesioniste nell’ambito dell’economia e dell’invasione extraeuropea detta immigrazione, e l’accettazione di queste da parte della maggioranza dei cittadini, ormai totalmente abbindolati dai mass media controllati da coloro che di questo regime fanno parte.

    Europei svegliamoci, recuperiamo la nostra dignità, le nostre sovranità e le nostre identità, e rovesciamo questo regime dittatoriale neofeudale sionista mondialista, perché di questo passo la nostra fine é vicina, e sempre più si concretizzerà l’instaurazione del NWO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace