"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Individua quale sia il nuovo totalitarismo USA sulla mappa

di  Glenn Ford (direttore esecutivo)

La decadenza ed il  declino  degli  Stati Uniti come potenza leader,  ha prodotto due forti ceppi di pseudo “fascismo” che ora si contendono la supremazia. Il primo quello del  presidente nero, ora uscente, che rappresenta il “mondialismo cosmopolita, globale ossessionato” quale varietà di   totalitarismo globalista.  Donald Trump proviene invece da un ceppo più vecchio di conservatorismo , “rozzo e meschino, troppo brutto per il debutto mondiale.”

A questo punto della storia, i due partiti aziendali  (corporate) sembrano incapaci di produrre qualcosa di diverso da totalitarismi  di un tipo o dell’altro.
” Il ridimensionamento spietato  del lavoratore americano è un elemento centrale della eredità di Obama”.

Barack Obama è stato un salvatore – di una classe dirigente che si trovava in fase di annegamento. Sotto la sua amministrazione, Wall Street è passata da uno status di quasi moribondo a nuovi livelli di frenesia speculativa, inondata  di capitale brutalmente estratto dalle attività  che hanno permesso la sparizione degli attivi e dei guadagni passati e futuri della stragrande maggioranza della popolazione, o regalati sotto forma di migliaia di miliardi in denaro gratuito nei pozzi senza fondo della  Federal Reserve .   The Big Casino, ridotto a macerie delle proprie contraddizioni nel 2008, ha inaugurato il nuovo anno nel segno di poco meno dei  20.000  una volta-fantastici milionari.

Gli analisti accreditati attribuiscono la vittoria di Donald Trump ” ai baccanali”   per i banchieri , ma è stato Obama colui che ha fatto il partito possibile  per  sovrintendere alla ristrutturazione dell’economia degli Stati Uniti e per accogliere e incoraggiare l’iper-consolidamento del grande capitale – un altro modo per descrivere l’approfondimento deliberato della  disuguaglianza  economica ( e politica) .

Dopo aver compiuto la missione a lui assegnata da Wall Street, in cambio di contributi da record per la sua prima campagna, Obama ha detto di essere a caccia di un “tozzo di denaro-caldo” nella Silicon Valley, il settore dei super-ricchi che è stato più favorevole alla sua presidenza.

Nel frattempo, Hillary Clinton si sta sciogliendo più velocemente di quanto  accadde alla Perfida Strega dell’Ovest, principalmente a causa del fallimento della tradizione  democratica in cui lavorano (e sono senza lavoro) le persone di tutte le razze, uscita  nelle elezioni   dell’8 novembre – in una risposta perfettamente comprensibile ad una festa e un sistema che non gli offre assolutamente nulla, se non sacrifici, sempre in aumento. Il ridimensionamento spietato  del lavoratore americano è un elemento centrale della eredità di Obama.

I salari reali erano stati congelati o in declino da decenni. Tuttavia, la ristrutturazione economica nell’era della Obama ha richiesto che milioni di lavoratori venissero schiacciati in  tutto il percorso verso il basso di un livello più sprofondato dell’ inferno:  lavori temporanei, contratti precari, non-realtà-di-lavoro, part-time “simulazione” di lavoro. Se i 1930 abusivi nelle baraccopoli chiamati “Hoovervilles” erano testimoni  delle politiche economiche del presidente Herbert Hoover, adesso  gli esasperati precari, le ore non garantite, senza benefici, pari a zero la sicurezza del lavoro,  spostamenti di sede, l’occupazione di oggi ,  arbitrariamente prevista,  dovrebbe essere chiamata  “Obama Jobs” .

Un nuovo studio condotto da economisti dell’ università  di Princeton e Harvard dimostra che un sorprendente 94 per cento dei 10 milioni di posti di lavoro creati ,nel corso di due termini del primo  presidente nero  in carica, sono stati degli  “Obama Jobs”. Questo sottosettore di occupazione è aumentato di quasi la metà sotto la gestione  Obama, dal 10,7% della popolazione attiva al 15,8%.

Lo strutturale abbassamento del piano di occupazione ad un precariato sub-basato  rende tutti i lavoratori più insicuri e meno in grado di contrattare con i padroni.”

Secondo lo studio, un milione di meno persone stanno lavorando sotto qualsiasi tipo di occupazione formale rispetto a prima della Grande Recessione. I ricercatori calcolano anche che l’affermazione di Obama di creare 15 milioni di nuovi posti di lavoro è stata elusa  per 5 milioni di lavoratori.

Lavoratori a basso reddito, soprattutto donne, sono rimasti pregiudicati  nel modo peggiore sotto il regime degli “Obama Jobs”. Tuttavia , lo strutturale abbassamento del piano di occupazione  ridotto ad un precariato sub-basato  rende tutti i lavoratori più insicuri e meno in grado di contrattare con i padroni – che è esattamente quello per cui  il nuovo ordinamento  di lavoro è stato progettato , ed esattamente  quello che Barack Obama intendeva.  Gli apologeti del Presidente sostengono che gli ostruzionisti repubblicani hanno impedito ad  Obama di agire sui suoi presunti passi  progressisti. Tuttavia, come il collaboratore  frequente,Pascal Robert sottolinea , Obama “ha speso un capitale politico per spingere un ordine del giorno di  aumento di posti di lavoro in qualsiasi momento della sua presidenza.”

I repubblicani non hanno dovuto   forzare il  passo Obama , facendolo inciampare e perdere la bussola sulla via di un ordine del giorno progressivo. Fin dall’inizio, questo politico sponsorizzato dalle corporations, di esperienza consumata, ha avuto una grande strategia sociale / economica, al di là della missione generale di resuscitare la “Gilded Age” (età dorata) del grande capitale finanziario.

In primo luogo, avrebbe dovuto isolare le industrie farmaceutiche e assicurative dalla minaccia del “single payer”, lo standard mondiale della sanità che è stata favorita da oltre 60 per cento degli americani per almeno gli ultimi tre decenni. Una volta che questi interessi aziendali sono state messi  in sicurezza – forse per una generazione – Obama ha iniziato subito il tentativo di creare un grande patto con i repubblicani per stabilire un regime di austerità bipartisan.  Delle questioni fondamentali del lavoro, tra cui il disegno di legge “assegno card” che avrebbe permesso ai sindacati  di invertire la spirale di morte  degli appartenenti, non c’è traccia sulla sua agenda.

“l’Assalto di Obama sul New Deal di FDR e La guerra di LBJ sulla povertà sembrava venire da fuori dal nulla.”

Obama ha dichiarato guerra alla spesa sociale, prima ancora di prestare il giuramento. Ai primi di gennaio 2009, ha informato del comitato editoriale del New York Times e il Washington Post che tutti i “diritti” garantiti sarebbero stati  “messi sul tavolo” (in discussione)  per il taglio sotto la sua presidenza, tra cui il “Medicare e Social Security”. L’assalto di Obama sul New Deal di FDR e la guerra di LBJ sulla povertà sembrava venire da fuori dal nulla; i repubblicani mal messi non erano in grado di fare pressione a nessuno, si è ricordato come  George Bush sia  stato bruciato quando ha tentato di privatizzare la sicurezza sociale, nel suo primo mandato.

Obama non ha offerto un piano economico di qualsiasi tipo dopo il crollo del suo corteggiamento con il GOP che ha preso il controllo della Camera, nel 2010; aveva bisogno di un partito repubblicano più forte a Capitol Hill per fare il suo previsto ed  atteso grande patto come un compromesso, in modo che egli sarebbe apparso come un uomo di Stato a praticare la politica bipartisan  nel dare e prendere . Ma il GOP, “Partito dell’uomo bianco”, il cui principio organizzatore è la razza, non poteva portare se stesso per sigillare l’affare, anche dopo che Obama aveva offerto un pacchetto di tagli alla spesa che si approssimavano alle stesse richieste dei repubblicani: circa $ 4 trilioni. Invece, i rapporti Democrat-GOP sono rimasti calcificati negli  ingorghi di chiacchiere. Così, la nazione è stato salvata dal grande imbroglio di Obama, che a Kansas City, il nero esponente del Congresso, Emanuel Cleaver, allora presidente del “Congressional Black Caucus”, chiamato ” satana Sandwich .”

Obama non ha offerto un piano economico globale di qualsiasi tipo dopo il crollo del suo corteggiamento con il Partito Repubblicano, che era troppo  ristretto e razzista per accettare la sua resa con l’entusiasmo offerto.

Barack Obama ha osato spingere al Congresso un progetto di legge che autorizza la detenzione a tempo indeterminato di cittadini statunitensi da parte dei militari, senza processo o diritti.

Un politico  non può  imbarcarsi in una campagna per abbassare i salari e tagliare selvaggiamente la rete di sicurezza sociale senza contemporaneamente puntellare lo stato di sicurezza nazionale. Oltre a produrre l’ espansione esponenziale del regime di sorveglianza nazionale e globale degli Stati Uniti, ereditato da George Bush, Barack Obama ha osato spingere al Congresso un progetto di legge che autorizza la detenzione a tempo indeterminato di cittadini statunitensi da parte dei militari, senza processo o giudizio. Nel Capodanno del 2011 ha promulgato  la legge “Defense Authorization National” (NNDA) che ha demolito a tutti gli effetti il principio del giusto processo per legge negli Stati Uniti. Anche se George Bush ha sostenuto la stessa autorità, come inerente ai poteri del comandante in capo, lui non aveva mai tentato di approvare una legge in tal senso, sapendo che democratici e alcuni repubblicani a Capitol Hill lo avrebbero combattuto, con le unghie e con i denti. Ma, disegno di legge di Obama ha navigato attraverso entrambe le camere del Congresso.

Quando Donald Trump si sposterà  alla Casa Bianca il 20 gennaio, gli sarà conferito il potere di imprigionare chiunque egli scelga, senza dover ricorrere alla legge (del giusto processo) così come la conoscevamo, grazie a Barack Obama. Chi  sarebbe allora  il “fascista”?

La più grande sfida della politica estera del presidente Obama è stata quella  di mettere gli Stati Uniti di nuovo all’offensiva militare su scala globale, dopo l’umiliazione di George Bush in Iraq. Ciò ha richiesto una nuova dottrina, per sostituire la crociata screditata di Bush a “diffondere la democrazia”.

Il 17 marzo 2011, Obama ha dimostrato la sua dottrina di intervento militare “umanitario” in Libia, in modo efficace negando secoli di diritto internazionale e di consuetudine . Come interpretato da Obama, la sovranità nazionale e l’inviolabilità delle frontiere non significano  nulla se la superpotenza, intervenendo per tutto il pianeta, ritiene che  un governo possa essere una minaccia per il suo popolo – anche quando non si sono ancora verificati crimini contro l’umanità.  In assenza del principio di sovranità, il diritto internazionale cessa di esistere.

L’annullamento metodico di Obama del diritto internazionale è, a sua volta, la  più grave aggressione ed il maggiore crimine contro la pace.  Gli Stati Uniti ed  i loro alleati della NATO e gli Stati arabi del Golfo  Persico hanno schierato una massiccia potenza aerea e inviato  jihadisti stranieri sulle coste libiche per  distruggere lo stato libico e il suo leader, Muammar Gheddafi, massacrando migliaia dei suoi sostenitori, e operando la pulizia etnica  degli africani neri in  gran parte del paese.

“La vanificazione metodica di Obama del diritto internazionale è, a sua volta, la più grave aggressione e crimine contro la pace.”

Con un loro piano, Obama e la sua  segretaria di Stato, Hillary Clinton, hanno trasferito migliaia di jihadisti in Siria, dove la più grande città, Aleppo, era stato concquistata dai terroristi settari nel 2012. Dal momento in cui Obama è diventato il principale protettore e capo degli jihadisti in Libia e in Siria, praticamente tutte le “notizie” circa le guerre nella regione sono state  falsificate, diffondendo solo menzogne dai media controllati (dalla CNN, Ass. Pres., NBC, BBC, fino alla RAI, Il Corriere della Sera, La Stampa, Repubblica, ecc..)

Il fatto ormai indiscutibile che gli Stati Uniti hanno, in vario modo, armato, finanziato, schermato, trasportato, addestrato, diretto e nutrito altrimenti  i gruppi jihadisti islamici , tra cui Al-Qaida, è la verità di cui non si può parlare nei media controllati.  Se questa fosse ampiamente compresa e interiorizzata  da parte dell’opinione pubblica, una tale verità manderebbe in frantumi  le strutture del  governo USA . Pertanto, deve essere occultata ad ogni  costo.

La superpotenza malata  mantiene  fuori l’odore della morte con una dieta quotidiana di bugie: soprattutto nei confronti della Russia e della  Cina e altri Stati che rifiutano di  inginocchiarsi davanti all’imperialismo USA.

Il più grande segreto dei governanti statunitensi – quella che richiede molti strati di bugie per nasconderlo – è che i signori di capitale vedono loro scomparsa  come imminente e inevitabile, a meno che in qualche modo riescano ad alterare  la portata generale e la direzione dello  sviluppo economico globale.  La quota degli Stati Uniti nell’economia mondiale si sta inesorabilmente restringendo – il che significa che, l’unico modo in cui  gli USA possano sostenere il  loro  status di superpotenza è quello di imporsi con la forza delle armi,   senza legge internazionale, sull’estero, e con repressione sul dissenso (di dire la verità, o semplicemente di essere nero) all’interno .

Se stai cercando per il vero significato del totalitarismo nella egemonia della superpotenza USA e nel capitalismo in fase avanzata, questo lo troverete nel nesso tra le presidenze di Obama e  di Trump. Il totalitarismo  di Donald Trump è del tipo “vintage” che dominava negli anni ’70 o ’80 in Dixie sotto Jim Crow. Ancora bloccato nelle forme di  apartheid, sembra inflessibile, rozzo e meschino, troppo brutto per il debutto mondiale. In un certo senso, questo tipo di ambizioni di pseudo “fascisti”  hanno ridotto a dimensioni territoriali degli Stati Uniti, o meno.

Il totalitarismo di  Obama – della stessa marca come i Clinton ‘- è quello ossessionato-globalista,  perché ha bisogno di nutrirsi di tutto il pianeta per sopravvivere. E ‘un assolutismo cosmopolita, una sorta di “Dracula” che deve  rubare in tutto il mondo, che non può immaginare la vita sulla Terra senza esserne responsabile. Non si compiace  più  in giustificazioni  ideologiche per le sue azioni predatorie; qualunque cosa possa minacciare  la sua egemonia è per lui il nemico. Sempre più spesso, si è impegnato in una guerra contro tutti. Più di recente,  nello stesso tempo ha attaccato la Russia e il ramo di apartheid di Donald Trump .

Uno dei due  è ossessionato dalla guerra razziale. L’altro non è così esigente, è fissato con il potere globale.

Fonte: Black Agenda Report

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Christian 11 mesi fa

    Ma la traduzione l’ha fatta topolino?

    Rispondi Mi piace Non mi piace