"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

In Medio Oriente, solo Hezbollah difende i cristiani

di Maurizio Blondet

Traduco qui un reportage di Richard Labévière, redattore capo di “prochetmoyen-orient.ch”, che è andato sul terreno. Ossia sulla linea del fronte dove cinquemila combattenti Hezbollah difendono quotidianamente, a prezzo di sangue, la frontiera libanese di Ersal, lungo la Bekaa orientale, sia da La Nusra (Al Qaeda in Siria) sia dalla Stato Islamico del Califfo amico di McCain: due gruppi criminali sostenuti dalle armi e addestramento americano e francese, e dai soldi di Ryad. Se Hezbollah cedesse, per i cristiani in Libano sarebbe finita,e avrebbero le nostre lacrime di coccodrillo.

Richard Labévière:

“Mentre fino ad ora i combattimenti che Hezbollah ha condotto sulla frontiera siro-libanese si concentravano contro il fronte Al Nusra nella regione di Qalamun, ultimamente è Daesh che ha fatto crescere la tensione nella regione, sferrando numerosi assalti contro le posizioni avanzate di Hezbollah. Per la prima volta, le due formazioni si sono affrontate sui massicci (jurds) di Qaa e Ras Baalbeck, due zone cristiane dalla Bekaa settentrionale, a Nord di Ersal.

I combattenti Hezbollah hanno contrastato l’assalto jihadista lanciato dalla regione del Kahf, ad est dello jurd di Ras Baalbeck, prendendo di mira le posizioni di Qornet el Samarmar e Qornet al-Mazbaha. I combattimenti sono stati di estrema violenza, estendendosi fino alla regione di Naamate nel jurd di Qaa. Hezbollah hanno proseguito l’offensiva facendo numerose vittime fra i ranghi di Daesh, distruggendo cinque veicoli blindati dei terroristia Zouetiné e Jeb al-Jarad ed una rampa lanciarazzi a Qornet aal-Kaf.

“Uno degli ‘emiri’ di Daesh e parecchi suoi capi sono stati uccisi nel respingere una puntata offensiva a Ras Baalbeck: 14 corpi in mano a Hezbollah. Simultaneamente, Hezbollah ha neutralizzato una concentrazione di Daesh nello jurd di Ersal. Uno dei capi dello Stato Islamico nel Qalamun, il saudita Walid Abdel Mohsen al-Omari, è stato parimenti ucciso nel corso d i questo attacco, confermando il coinvolgimento dell’Arabia Saudita nelleopearzioni libano-siriane. Un altro contrattacco di Hezbollah, che ha avuto successo, è stato condotto a Chabet el-Mahbas, nello jurd di Ersal; anche qui con numerose vittime tra le fila terroriste, in quanto è stata minata la linea di cresta di Ras Baalbeck.

Hezbollah piange la morte di sei dei suoi combattenti. Ma, come ha detto Ali Mokdad, il deputato di Baalbeck-Hermel, “gli abitanti della regione di Qaa e Ras Baalbeck sono ormai rassicurati sulle capacità difensive della Resistenza. Dopo questi contrattacchi, sono certi che Hezbollah è perfettamente in grado di respingere l’infiltrazione dei terroristi sul territorio libanese. La maggior parte degli abitanti di Ersal sa che queste vittorie sono vittorie della popolazione libanese nell suo insieme, non solo della regione della Bekaa”.

“In coordinamento con Hezbollah, l’Armata Libanese ha rafforzato il suo spiegamento attorno a Ersal. Elicotteri sono stati impegnati contro i jihadisti nello jurd di Ras Baalbeck e molte unità delle forze speciali libanesi hanno preso pisizione nel Qaa. Padre Elian Nasrallah ha confermato i risultati di questo coordinamento, sottolineando che i combattenti sciiti evitano di investire le colalità per non prestare il fianco alle critiche ricorrenti della destra libanese (il campo detto del14 Marzo) che accusano l’organizzazione di condurre una ‘guerra comunitaria’. In questo contesto, Samir Geagea, che presiede le Forze Libanesi (FL) alleate di Israele e dell’Arabia Saudita ha osato esprimere “il suo sostegno totale all’armata libanese” aggiungendo: “Se ciascuno desse libero corso ai suoi propri piani il paese affonderebbe nel caos…Siamo uno stato o no?”. Recidivo, ha affermato a più riprese che Daesh e Nosra non rappresentano una minaccia reale per la sovranità del Libano!

Il “cristiano” Geagea
(Nota: Samir Geagea l’ho conosciuto, è un “cristiano” maronita, un vero gangster, coltivatore di papavero, assassino e mandante di assassini anche di bambini. La sua Falange è quella che per mandato di Sharon ha compito la strage di Sabra e Chatila, ed è la più brutale e spietata delle formazioni armate del Libano. Ovviamente, non stupisce sapere che nell’attuale guerra è schierato contro Hezbollah, contro l’Iran e per gli americani e gli israeliani. Fa’ parte della formazione 14 Marzo con il leader dei sunnita Said Hariri e coi soldi sauditi)

Ridò la parola a Labévière:

“Conoscendo la condizione di strutturale di insufficiente equipaggiamento dell’Armata Libanese, di cui Washington e Tel Aviv non vogliono sufficientemente dotata di mezzi operativi autonomi, tutti gli esperti militari seri riconoscono che è Hezbollah a reggere il maggior peso della difesa del territorio libanese contro i terroristi jihadisti.

“Va qui notata la strana incoerenza delle scelte strategiche americane e francesi. Da una parte un drone Usa ha ammazzato Nasser el-Wahichi – il capo di Al-Qaïda in Yémen – dall’altra i servizi americani continuano il loro appoggio logistico alle unità di Al Qaeda (al Nusra) impegnate contro al Siria e il Libano…i signori Hollande e Fabius non sono da meno: continuano ad armare e fornire intelligence ai terroristid i Nusra che minacciano Damasco e Homs. Mentre gli americani gestiscono la cosa caso per caso, in funzione del loro negoziato sull’avvenire nucleare dell’Iran, Parigi è più chiara: stare al sedere del nuovo re saudita Salman e per assicurarsi i grossi contratti commerciali in corso (35 miliardi di euro) anche anche con gli altri petrolieri del Golfo, Qatar e Emirati, che hanno onorato la fattura della vendita dei caccia Rafale…all’Egitto)”.

(Nota: e noi italiani, per obbedire alla NATO e Washington, di miliardi di contratti ne abbiamo perso. A decine).

Labévière:

“Questa brillante diplomazia economica detta ufficialmente “sunnita”, tanto vantata da Laurent Fabius, potrebbe alla lunga, costare molto cara alla France éternelle. Non solo le monarchie petroliere wahabite continuano a finanziare i ruppi terroristi che uccidono soldati francesi nel Sahel (sai che gliene importa, ndr.), non solo Riyad, Doha ed altri Emirati continuano a finanziarie i salafiti attivissimi nelle banlieues francesi, ma la campagna militare sferrata dai sauditi nello Yemen potrebbe rivelarsi catastrofica per la stabilità interna di quella stessa monarchia petroliera”.

(..) “Continuando a negare il ruolo difensivo insostituibile di Hezbollah per l’integrità de Libano, continuano a voler distruggere Bashar Assad invece che Nusra e Daesh, Parigi ha deciso si coinvolgersi come parte nei conflitti orientali. Così rompendo i quarant’anni di diplomazia gaullista equilibrata, mediatrice e di buoni offici, si sono assunti una pesante responsabilità”.

Richard Labévière

Hezbollah combattenti su Jeep

Qui aggiungo una mia annotazione: i cristiani libanesi dei villaggi e Hezbollah stanno combattendo a fianco a fianco, per la stessa causa. E questa è una vera guerra durissima, dove le capacità dei combattenti dei due schieramenti si affinano e si fanno più dure. Anche l’armata siriana si batte senza risparmio contro le bestie mandate da Usraele e Saudi Arabia… Mentre noi ci facciamo ogni giorno più imbelli, piagnucolosi e tremebondi, falsi e bugiardi, là si combatte e si fa’ la storia. Si formano i caratteri e le discipline del futuro. Un futuro che subiremo, noi, tremando di fronte ai vincitori, quali che siano.

siriani liberano Palmira

Io spero, prego che sia Hezbollah. Che sia l’esercito siriano. Che Dio li aiuti. E che i suoi morti, i suoi martiri, siano accolti nel paradiso del vero Combattimento.

PS: – Illustro questo pezzo con foto dal sito Palaestina Felix. Sono i commandos della Forza Tigre siriana che si battono per riconquistare Palmira, sono i volontari iracheni che hanno eliminato 27 terroristi jihadisti a Fallujah…dove e chi, non importa; voi, noi, non ci siamo in questa guerra –se non come dei Giuda che aiutano di sottobanco i nemici di questi combattenti. Guardate le loro facce. Guardate come imbracciano le armi. Più la guerra dura, più si induriscono e si fanno bravi. Magari un giorno verranno qui. Ma non come “immigrati” da sfamare. E noi imbelli, cosa faremo?

Fonte: Blondet & Friends

Nella foto in alto: militanti Hezbollah con i ritratti del pres. siriano Al-Assad e del leader Hezbollah, Hassan Nasrallah

Nelle foto in basso foto di combattenti Hezbollah e di militari dell’Esercito siriano alla riconquista di Palmira

*

code

  1. Piero61 2 anni fa

    …qui la gente balla sul ponte (del titanic europa/gaya): aperipizza, apericena, palestra/beautyfarm, last minute tour, diete vegane, gender, cocaina, solo negozi equo/solidali, budda, Messi e l’unicef, migranti…pur continuando ad avere una piccola fiammella di speranza terrena, con la mia famiglia, ci stiamo sempre piu “rintanando” sui nostri colli, nell’entroterra e non siamo parte del loro delirio suicida.
    Lavoro la terra, leggo, faccio lunghe camminate di ore, parlo con mia moglie e continuo a pormi domande e a lottare per i nostri figli e nipoti, perchè abbiano chiara la VERITA’ e la portino nei loro cuori senza egoismo…
    Lunga vita ad Hezbollah
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Christian 2 anni fa

      Giusto, sono d’accordissimo. Saluti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace