"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il vero complotto fu contro gli italiani non contro Berlusconi

Napolitano Monti

Sulla questione del “complotto contro Berlusconi” pubblichiamo una interessante analisi di Gianni Petrosillo

Lo scrivemmo a botta calda all’epoca dei fatti, già nel novembre 2011, e più tardi riprendendo le parole di Massimo Garavaglia (1). Contro il governo B. fu ordita una trama internazionale per costringerlo al dimissionamento. Fu vero golpe? Sì e no, diciamo qualcosa di meno ma anche qualcosa di più.

Fu qualcosa di meno perché B. venne minacciato direttamente e dopo aver avuto rassicurazioni “patrimoniali” e forse anche giudiziarie, si accomiatò di sua propria sponte, filando come un puledrino spaventato; fuga comprensibile per un quadrupede ma non per un uomo delle istituzioni in posizione eretta.

Del resto, era stato lo stesso Obama, avvicinato dal Cavaliere al G8 di Deauville in Francia, in maggio, a garantirgli, fuori protocollo, un salvacondotto: se caschi, caschi in piedi, disse il Capo della Casa Bianca al nostro Premier. Quindi, gli americani sapevano sin dall’inizio e, contrariamente a quello che dice Geithner, non si preoccuparono di non bagnarsi le mani di sangue insieme ai vertici Ue. Tutt’altro, costoro avevano in mente un tornaconto maggiore di quello che potesse venirne ai vari Merkel e Sarkozy. Gli Usa sono abituati a dirigere i giochi e non a farseli imporre da una banda di grigi burocrati del vecchio continente intenti a studiare misere macchinazioni da commercialisti.

 B., dunque, ormai sapeva di essere accerchiato e di non poter contare nemmeno su suoi che erano stati associati al vile disegno, pronti a sferrargli una pugnalata alla schiena. Aver allevato nel suo grembo, nonché portato alla ribalta della politica e persino salvato dall’oblio dell’elettorato gente come Frattini, Alfano, Cicchitto, Schifani, Fini ecc. ecc., serpi in seno da morso improvviso, è stata una dimostrazione aggiuntiva della sua incapacità di saper leggere negli occhi della gente e di essere in grado di individuare le persone migliori per la gestione del Paese. Già questo è un tremendo delitto per un leader politico.

Insomma, B. se la diede a gambe tradendo gli elettori e abbandonando gli italiani al loro truce destino con una pavidità senza eguali. Un vero statista non si sarebbe mai piegato a tanta umiliazione solo per salvarsi il culo.

Il complotto fu però anche qualcosa di più di quanto detto perché tutta la classe dirigente italiana, da destra a sinistra, eterodiretta dall’ “ermo colle”, primo garante degli interessi statunitensi, venne coinvolta nell’infido piano senza che alcuno osasse non dico ribellarsi ma anche fiatare, al fine di denunciare siffatta violazione della nostra sovranità. Le conseguenze della diserzione generale le avremmo viste in seguito. Larghe intese a cui partecipò l’intero “arco costituzionale”, manovre lacrime e sangue sottoscritte da ogni partito, furti legalizzati dalle tasche dei connazionali, svendita dei beni nazionali e perdita di credibilità dello Stato ad ogni livello, eventi che portano la firma della maggioranza del Parlamento.

Il golpe è stato tale ma non a danno di B. bensì del popolo italiano.

Il percorso iniziato con Monti e proseguito con Letta è arrivato al clou con Renzi, al quale è stato affidato il compito di smobilitare e mettere sul mercato gli assets strategici di Stato. Dopo aver scippato i contribuenti con l’azione dell’orda tecnocratica si punta a svuotare l’industria pubblica per sottomettere definitivamente Roma a Washington, Berlino e Parigi.

Una faccia da bravo ragazzo sta facendo il palo mentre i ladri ci stanno ripulendo la casa.

1)      «Monti viene fatto senatore a vita il 9 di novembre. Il 10 siamo in commissione bilancio a chiudere la finanziaria in commissione, e quello stesso giorno vengono a interrogarci gli ispettori della BCE – della Banca Centrale [Europea] – e di Bruxelles, perché eravamo sotto inchiesta.

E ci interrogano: il presidente Giorgetti della Camera [Ndr. Giancarlo Giorgetti – presidente della Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera dei Deputati], me, Azzolini [Ndr. Antonio Azzolini – presidente della Commissione Bilancio del Senato], il presidente e il vicepresidente delle due commissioni.

Ci fanno tutto il loro bell’interrogatorio, alla fine l’ultima domanda è: “ma voi sosterrete il governo Monti?” Mi g’ha disi [tr. io gli ho detto]: “ma, vedremo. C’è un governo in carica, se cade vedremo chi verrà nominato e decideremo.” “No, no, no. Verrà fatto il governo Monti. Voi lo sosterrete?” Al che ti girano un po’ i santissimi. Gli dico: “no, non funziona così. Noi siamo stati eletti in una maggioranza, se la maggioranza non sta più in piedi si va e si vota e il popolo decide chi governa.” “No, no, no. Non ci siam capiti. Se voi non sostenete il governo Monti, noi non compriamo i vostri titoli per due mesi, e voi andate in fallimento.”

Ok. Questo è giovedì 10 novembre. Venerdì noi chiudiamo la finanziaria al Senato, poi va alla Camera, e Stefano [Allasia] con gli altri la vedono la domenica, e lunedì viene incaricato Monti. Martedì è premier. Tutto bello semplice. Quindi questo discorsetto, che è stato fatto a noi, evidentemente è stato fatto anche ai leader politici – noi eravamo solo interrogati in quanto tecnici della materia – e tant’è che all’inizio anche Di Pietro era in sostegno a Monti perché ci aveva creduto anche lui a questo ricatto dello spread, e così è andata…»

di Gianni Petrosillo

Fonte: Conflitti e Strategie

 

*

code

  1. GAMBIT 3 anni fa

    Amici di controinformazione voi siete bravissimi . Per fortuna che ci siete voi in questo paese ridotto ormai ad una latrina puzzolente di Stato mafioso che non se ne può più. Su Berlusconi e il suo governo del 2011 , di cui io non sono un sostenitore e considero il Berlusca un simpatico nemico di classe che si è dedicato troppo pubblicamente alla ‘gnocca’, il problema che lo riguarda è gravissimo . Ancora una volta questo Giorgio Napolitano ha tradito l’Italia dal punto di vista della Costituzione con la complicità dei banditi della UE , per fatti illegali e anticostituzionali . Mi chiedo : ma perchè i magistrati tanto solerti nel dare la caccia a ladri di polli o mafiosi già noti , non indagano sui criminali di Bruxelles e sul suo complice di Roma ? Cosa aspettano ? Credo che non lo faranno mai perchè fanno parte della metastasi dello Stato mafioso. Allora a questo punto è sacroanto che le pecore si sveglino in questo Paese e che un’avanguardia intelligente prepari la sascrosanta Rivoluzione . Questa è la sola via d’uscita. Altrimenti continuiamo a belare..bè.beè bè…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luciano Lago 3 anni fa

      Grazie anche a voi che ci leggete e ci sostenete perchè questo ci fornisce la forza di continuare a pubblicare tutto quello che può essere utile per squarciare la cappa delle menzogne e dell’inganno a cui siamo da molto tempo sottoposti.
      Per quello che riguarda Berlusconi, vale il commento che ho postato sotto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Werner 3 anni fa

    Berlusconi é un personaggio che del Sistema ne fa parte: i poteri forti internazionali dell’economia e della finanza come lo hanno sostenuto e fatto diventare per tre volte capo del governo, lo hanno rimosso sostituendolo con Monti, per il semplice fatto che si occupava unicamente dei suoi affari personali e trascurava gli interessi di costoro.

    Di certo, il Governo Berlusconi è l’ultimo governo legittimo perché nel bene e nel male é stato scelto dagli elettori (anche se con la legge elettorale porcata) e dunque si tratta davvero di un colpo di stato.

    É certamente un dato incontestabile che il presidente della Repubblica Napolitano, é da sempre un capo dello stato abusivo, perché per due volte é stato eletto da un parlamento di nominati e non di eletti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luciano Lago 3 anni fa

      Berlusconi, oltre ad essere uno che del sistema fa parte, è stato un personaggio inadeguato al suo ruolo e che ha dimostrato la sua bassa statura morale al momento in cui non ha avuto il coraggio di denunciare il ricatto a cui era sottoposto lui e soprattutto il paese. Al contrario ha dato la sua disponibilità ad appoggiare il governo dei fiduciari della grande finanza (Monti/ Fornero) che hanno sprofondato il paese a vantaggio delle grandi banche e della Germania. D’altra parte aveva dimostrato già da prima la sua inadeguatezza e la sua viltà quando non aveva speso neanche una parola per opporsi all’operazione neocoloniale contro la Libia, con il tradimento dei patti sottoscritti con Gheddafi, il tutto per ossequiare i padroni americani e la NATO, inclusa la vergognosa partecipazione dell’Aereonautica italiana ai bombardamenti sul paese nordafricano. Anche di questo ne paghiamo adesso le conseguenze. Di Napolitano meglio non parlare: in un paese serio lo avrebbero già messo da tempo in stato d’accusa per alto tradimento e violazione della Costituzione. Gli angloamericani nel 1943 avevano coniato un verbo per definire l’inclinazione al tradimento dei politici italiani: to badogliate. Si adatta benissimo anche al Berlusconi ed alla sua cricca assieme agli Alfano, Fini e compagnia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Piero61 3 anni fa

    salve
    se non voto piu dal 1994, ci sarà pur un motivo…
    saluti
    Piero e famiglia
    ______________________________________
    con la Russia e con Putin

    Rispondi Mi piace Non mi piace