"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il sangue dei siriani

di Juan Manuel De Prada
Nelle ultime settimane, decine di miglia di rifugiati provenienti nella loro maggioranza dalla Siria cercano di entrare in Europa.  I media occidentali che potrebbero definirsi mezzi di indottrinamento di massa, diffondono immagini strazianti dell’esodo, ci rivelano alcuni episodi particolarmente tragici dello stesso e ci mostrano lo sbigottimento e l’inerzia delle autorità europee che non sanno come fare fronte alla valanga umana.

In un qualche giorno le informazioni su questo esodo massiccio potranno essere studiate come un modello di mescolanza immonda di sensibilità e cinismo che ha caratterizzato un’epoca immorale in cui si occultavano le cause e si proiettava l’attenzione sulle conseguenze.

Per la verità risulta diabolico che ci si presenti questo tragico esodo come un un dilemma morale insolubile a cui, come europei, dobbiamo fare fronte. E con le cause si occulta la complicità dei governi europei nella catastrofe che adesso si prospetta. Perchè, per spiegare quello che accade in questi giorni, bisogna iniziare spiegando che esisteva un paese mussulmano denominato Siria dove la minoranza cristiana era rispettata e dove le intemperanze dell’islamismo erano state imbrigliate; un paese sovrano che aveva deciso di intrecciare alleanze economiche, politiche e militari con paesi vicini che il Nuovo Ordine Mondiale volle impedire a tutti i costi, visto che sfidavano i suoi piani nella regione, che esigono la piena sottomissione alle direttrici dell’anglosionismo.

In questo modo, un paese pacifico, retto da un dittatore relativamente benevolo, è stato trasformato in una polveriera: il Nuovo Ordine Mondiale ha provveduto ad armare ed a infiltrare “ribelli” ed “oppositori” (così venivano allora definiti i fanatici islamisti che adesso vengono chiamati jihadisti), presentandoli davanti alle masse rimbecillite dai media come “oppositori” di Al-Assad; questi miliziani non soltanto sono stati armati ma sono stati anche riforniti, addestrati militarmente, dotati di appoggio logistico e gli si è fornito l’aiuto dei servizi di intelligence occidentali.

In qualche momento, il Nuovo Ordine Mondiale ha pensato anche di irrompere avolto scoperto nel conflitto che esso stesso aveva generato, ma l’opposizione della Russia lo ha sconsigliato dal farlo; per quanto da allora ha seguito ad operare in forma mascherata, come fa in questo momento la Turchia (con la benedizione degli USA), che con la scusa di creare una “zona sicura” nelle propaggini della sua frontiera la stessa frontiera che per anni ha lasciato sguarnita per i fanatici che venivano da tutto il mondo per arruolarsi nella Jihad!) sta procedendo ad annettersi del territorio siriano ed uccidendo i curdi a mano libera, che già si sapeva fosse uno dei prediletti passatempi dei turchi.

E mentre tutto questo accadeva, i governi europei, che non sono altro che teste di legno delle colonie democratiche che il Nuovo Ordine Mondiale ha instaurato nel vecchio continente, hanno guardato dall’altra parte. Sono rimasti muti davanti ai massacri dei cristiani siriani, hanno negato il proprio aiuto al regime di Assad, hanno finanziato le formazioni militari dei “ribelli” e degli “oppositori”, hanno guardato dall’altra parte quando i ribelli erano dotati con armi di fabbricazione europea, hanno provato fremiti di orrore quando i “ribelli” e gli “oppositori” hanno iniziato a filmare gli sgozzamenti o a far brillare con esplosivo le reliquie archeologiche.
E adesso si portano le mani alla testa davanti all’ondata di rifugiati siriani e, come i masochisti, ci tendono la trappola di scegliere tra il buonismo filantropico e la durezza di cuore.

Che il sangue dei siriani ricada su di voi e sui vostri figli, abiette teste di legno, felpati e viscidi individui, leccapiedi del Nuovo Ordine Mondiale.

Fonte: ABC.es

Traduzione: Luciano Lago

*

code