"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il “regalo” dei sauditi al Libano per nascondere la propria mano nella strategia del terrore

Hollande con i sauditi

di Finian Cunningham

Traduzione di Luciano Lago

Si fa evidente la generosità saudita nel  gettare molti soldi  nuovamente – nel tentativo di coprire le proprie mani macchiate di sangue dalla violenza che colpisce il Medio Oriente ed oltre il M.O.”

L’ultima trovata di pubbliche relazioni per i sauditi è la “donazione” di $ 3 miliardi di dollari per l’esercito libanese fatta dal re saudita Abdullah durante il fine settimana.

Il denaro saudita – il doppio del budget militare nazionale del Libano – viene trattato dai media occidentali come se fosse una “nobile offerta”   per proteggere il Libano dai recenti attacchi terroristici.

L’annuncio è stato dato durante una visita a Riad dal presidente francese Francois Hollande, che ha incontrato il re saudita e per delega di quest’ultimo,  anche il premier Saad Hariri. Libanese.

Il nuovo aiuto militare saudita in Libano è legato alla condizione che questo deve essere impiegato per l’acquisto di armi francesi.

Stanno già emergendo i contorni di un squallido affare . Gli attori politici di cui sopra hanno fatto molto per destabilizzare il Libano con la violenza, che ora viene attribuita  alle  persone sbagliate – il partito sciita degli Hezbollah – grazie all’ abile lavoro svolto dal miliardario in esilio a Parigi, Hariri.

Uno dei principali protagonisti del terrorismo – l’Arabia Saudita – ora si presenta con un aiuto militare “regalato” che permetterà di influenzare l’esercito libanese di andare oltre il nemico dei sauditi: gli Hezbollah sciiti.

Una simile ingerenza insidiosa dell’Arabia Saudita negli affari interni del Libano non può che incitare altro che  ulteriori tensioni settarie nel conflitto tra sunniti e sciiti in quel paese, un paese che si sta ancora oggi riprendendo da una guerra civile durata 15 anni.

In cima a questo, l’altro paese principale fautore  della sovversione regionale e del terrorismo – la Francia – sta per ricevere un bel recupero nelle vendite di armi per la somma di $ 3 miliardi.

E nel frattempo, i media occidentali forniscono a questa spregevole  farsa una patina di rispettabilità. E ‘davvero sorprendente come i media occidentali possono convivere con tale distorsione della realtà.

L’Arabia Saudita paga con i suoi petroldollari il  prezzo del sangue e la sponsorizzazione del terrorismo e svolge  un lavoro demoniaco in Siria, Iraq, Libano, Yemen, Pakistan e addirittura si potrebbe aggiungere a questo quanto accade nella regione del sud-est periferico dell’Iran.

Saudi King Abdullah

 

Inoltre, la connessione con la strategia del terrore saudita , può essere tracciata anche con il doppio attentato  del fine settimana nella città russa meridionale di Volgograd, dove sono state uccise più di 30 persone.

Nel mese di ottobre, un attentatore suicida ha ucciso sei persone anche in un attacco terroristico ad un bus a Volgograd. Altre città sono stati colpite con attacchi mortali in Daghestan ed in  Russia negli ultimi mesi.

I probabili   autori  ceceni  che si trovano dietro quegli attacchi – guidati da Saudi-linked Doku Umarov – sono coinvolti anche nel condurre la guerra terroristica finanziata dai sauditi  in Siria.

Ricordiamo, inoltre, che il capo dello spionaggio saudita, principe Bandar ,solo pochi mesi fa aveva fatto velate minacce a leader russo Vladimir Putin che i Giochi Olimpici Invernali di Sochi erano a rischio di atti di sabotaggio. I Giochi sono previsti con  inizio al 7 febbraio 2014.

Tuttavia, contro questo contesto di caos spaventoso, con la  dimostrabile sponsorizzazione saudita – che si estende dal Mediterraneo al Caucaso russo – abbiamo questa ultima ridicola bravata nelle  pubbliche relazioni della Arabia Saudita.

Il Re saudita Abdullah, ci viene detto, si trova a “concedere” 3.000 milioni dollari per “aiutare” l’esercito libanese a “rinforzare la sua sicurezza”. La TV France 24, tra gli altri, ha riferito che il rafforzamento militare “potrebbe aiutare la lotta dell’esercito libanese contro gruppi come Hezbollah, che hanno  provocato un’ondata di violenza nel paese. ”

Quest’ultima affermazione di France 24 è una distorsione risibile dei fatti. Il Libano ha infatti assistito ad un’ondata di violenza negli ultimi mesi, ma le principali vittime degli attacchi sono state precisamente le comunità sciite di Hezbollah e nel sud di Beirut e Baalbek nella parte orientale del paese.

La fonte primaria di questo spargimento di sangue in Libano è quella dei gruppi terroristici  legati ai servizi segreti sauditi, israeliani e occidentali.

Ad esempio, il doppio attentato suicida all’ambasciata iraniana a Beirut il 19 novembre, che ha ucciso almeno 23 tra cui l’addetto culturale  iraniano [a Beirut, Hojjatoleslam] Ebrahim Ansari, è stato rivendicato dal gruppo di al-Qaeda saudita- noto come Abdullah  Brigata Azzam.

L’atto  di generosità del re saudita per “migliorare la sicurezza” in Libano dovrebbe pertanto essere deriso dai media invece di essere lodato. Ma questo è la funzione svolta dai media occidentali, quella della doverosa distorsione della realtà.

Lo spettacolo di “magnanimità” del re Abdullah  è venuto due giorni dopo che, un importante politico sunnita libanese, Mohamad Shatah, è stato assassinato in una bomba enorme esplosione che aveva come obiettivo la sua auto nella capitale Beirut il Venerdì mattina.

I media occidentali si sono affrettati a sottolineare, per le  richieste di risarcimento da Saudi-backed, leader politico libanese Saad Hariri, che gli autori dell’omicidio di Shatah erano Hezbollah. Il governo siriano del presidente Bashar al Assad è stato anche implicato per l’uccisione.

Non ci sono prove per attribuire l’omicidio di Shatah a Hezbollah, queste non sono altro che congetture politicizzate. Hezbollah ei suoi alleati siriani e iraniani tutti categoricamente condannato l’uccisione.

Tuttavia, vi è una forte evidenza circostanziale che Shatah potrebbe essere stato liquidato dai suoi alleati geopolitici come pretesto nefasto di innescare ulteriore violenza settaria in Libano.

L’esecuzione del suo omicidio avrebbe richiesto di conoscere  in una frazione di secondo i tempi e le informazioni riservate del suo itinerario. Era sulla via per  incontrare i membri del Hariri  che guida dal 14 marzo il gruppo.

Questo modello di fomentare un conflitto settario tra sunniti e sciiti, così come con i cristiani, è stato il principale sistema  operativo dell’intelligence saudita, dell’intelligence israeliana e di quella occidentale per destabilizzare la Siria e l’Iraq negli ultimi tre anni.

La sperpero di 3 miliardi di dollari dell’Arabia Saudita per “aumentare la sicurezza del Libano” è semplicemente un  cinico sistema di relazioni pubbliche per coprire la vera fonte di violenza nel paese, oltre a quello di  fornire una leva militare a Riyadh per andare oltre Hezbollah all’interno del Libano.

Questo segue il precedente molto più grande di $ 100 milioni che l’Arabia Saudita donò alla Anti-Terrorism Center delle Nazioni Unite lo scorso agosto.

La donazione fu fatta alla fine del Santo mese islamico del Ramadan come “un dono del Custode delle Due Sacre Moschee dell’Islam”.

Nelle precedenti quattro settimane prima che del “dono”, circa 1.000 iracheni sono stati uccisi in attacchi terroristici commessi principalmente ad opera del “franchising” -finanziato dai  sauditi- al-Qaeda ,noto come lo Stato Islamico dell’Iraq e Levante.

Questo stesso gruppo è stato impegnato in atrocità simili nella vicina Siria, insieme al [cosiddetto]   fronte al-Nusra [cosiddetto] Liwa al-Tawhid e [cosiddetto] Ahrar al-Sham – tutti  sponsorizzati dai sauditi.

La questione  è semplicemente che, lo spargimento di sangue settario che sta inondando la Siria e Iraq, e sempre più oggi coinvolge anche il Libano, così come in paesi lontani tra loro come lo Yemen e la Russia, non avverrebbe  se non fosse per il flusso di  soldi e di sangue che scorrono dall’ Arabia Saudita.

Fonte: Press TV