"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il presidente della Repubblica Ceka: “l’intervento USA in Siria è illegittimo”

Non tutti i responsabili degli Stati Europei sono inchinati alle tesi di Washington ed alle posizioni antirusse della NATO e della UE , qualcuno manifesta apertamente e con coraggio il proprio dissenso dalla linea ufficiale dettata dagli USA agli alleati europei.

Uno di questi è il presidente della Repubblica Ceka, Miloš Zeman , il quale da Praga ha fatto una dichiarazione in cui ha giudicato illegittimo l’intervento degli Stati Uniti in Siria ed attribuendo agli errori di Washington il loro eventuale fallimento.

“Nessuno ha invitato ufficialmente gli Stati Uniti in Siria, se le loro operazioni segneranno un fallimento, sarà colpa di loro stessi”, ha dichiarato il presidente della Repubblica Ceka, in nazionalista Miloš Zeman, nel corso di una intervista all’agenzia russa Sputnik.

“Gli USA ed i loro alleati hanno realizzato bombardamenti in Siria fin dal 2014 – senza autorizzazione del Governo siriano e senza alcun mandato dell’ONU – , presumibilmente con l’obiettivo di combattere contro la banda terrorista dell’ISIS (Daesh in arabo), causando vittime fra la popolazione civile e ingenti danni alle infrastrutture dellla Siria”.

Zeman contrappone questa campagna a quella che stanno conducendo le forze russe, una campagna legittima in quanto sono state le stesse autorità siriane a richiedere l’aiuto di Mosca lo scorso anno per combattere i gruppi terroristi.
In questo modo la Forza Aereospaziale russa ha appoggiato le operazioni dell’Esercito siriano dal Settembre 2015, fornendo un aiuto che si è rivelato vitale per il recupero di buona parte del territorio da parte delle forze di Damasco.

In questo contesto, il capo di Stato cecho segnala che in Siria potrebbe avere successo soltanto una tregua concordata con le forze dell'”opposizione moderata” che tuttavia, aggiunge Zeman, non esistono nell’atuale situazione in Siria , dove vi sono esclusivamente gruppi radicali sollevatisi in armi contro il Governo.

Queste osservazioni di Zeman corrispondono alla fine a quanto effettivamente accaduto in Siria con la interruzione della tregua, concordata il 10 Settembre tra Russia ed USA. L’Esercito siriano aveva messo fine alla tregua concordata, nel verificare le violenze dei gruppi armati e dopo che l’aviazione statunitense aveva bombardato le truppe siriane a Deir al-Zur mentre queste stavano combattendo contro i gruppi dell’ISIS.

Washington ed i suoi alleati hanno sostenuto ed armato quelli che considera gruppi di “ribelli moderati” che invece sono considerati terroristi tanto dal Governo di Damasco come anche dalla Russia, che ha denunciato più volte il fatto che i gruppi radicali jihadisti si sono da tempo mescolati con i presunti ribelli moderati.

Nota: Risulta molto importante la dichiarazione del Presidente Miloš Zeman, un capo di Stato europeo che dimostra come si possa avere una posizione autonoma e riconoscere la situazione reale di quanto accade nel conflitto in Siria, senza essere obbligati a ripetere a pappagallo le tesi propagandistiche di Washington che vedono nella Russia di Putin e nel Presidente al-Assad i responsabili di ogni male. Una scelta di dignità e di rispetto della verità, quella fatta dal presidente Zeman che gli fa onore.

Non tutti i personaggi politici in Europa sono come il ministro Gentiloni o come il premier Matteo Renzi (o come Napolitano e gli altri), inchinati a 90° gradi per manifestare il loro servilismo e sempre pronti ad allinearsi con tutte le posizioni espresse dagli USA sui conflitti che essi stessi hanno contribuito ad alimentare.

Sarà interessante sentire come risponderà a queste dichiarazioni la rappresentante della politica estera dell’Unione Europea, Federica Mogherini. Forse che richiamerà all’ordine il presidente Zeman? Magari gli infliggerà una sanzione per essersi allontanato dalle tesi del suo amico John Kerry, il segretario di Stato USA? Staremo a vedere.

Fonti: Hispan Tv      Sputnik News

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code

  1. Umberto 1 anno fa

    Ed ecco calato il primo asso…e da quella parte non si bara.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Franko 1 anno fa

    Presidente Miloš Zeman: “senza autorizzazione del Governo siriano e senza alcun mandato dell’ONU”.
    D’accordo. Come si dice “meglio tardi che mai” e sicuramente meglio di altri dirigenti quali Renzi, Hollande etc..
    Però.. questa dichiarazione adesso che si comincia a vedere chi “vince” e chi “perde” ?
    Si vede che alcuni dirigenti sono più intelligenti di altri..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Umberto 1 anno fa

    Personalmente sono più propenso a credere che si tratti, invece, di una carta coperta che Putin gioca al momento opportuno, per alleviare e distendere la tensione, ponendo sul suo piatto della bilancia un piccolo ma significativo peso che in controbilancia parzialmente il dislivello sul piano politico. A conferma di ciò, il fatto che quasi simultaneamente anche l’ Iran ha fatto sentire la suo voce, che per quanto possa essere ininfluente sulla carta, nella pratica spinge ulteriormente l’ onda del disappunto di Praga. In Europa, si vuol fare presente, non tutti sono allineati e pronti al sacrificio in nome del potere sionista e perdipiù senza alcuna contropartita che non sia ulteriormente autodistruttiva.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mimmo 1 anno fa

      mi hai preceduto…concordo con te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Eugenio Orso 1 anno fa

    Miloš Zeman denuncia i danni provocati dai bombardamenti americani alle infrastrutture in Siria. Centro. Uno degli obbiettivi dei bombardamenti Usa in Siria, fin dall’inizio, è quello di distruggere le infrastrutture civili e produttive nel paese.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Umberto 1 anno fa

      Certo, è quello uno degli obiettivi più significativi della campagna: distruggere tutto ciò che consenta di vivere in quel determinato luogo affinchè le genti fuggano in un posto più sicuro, attraverso il Nordafrica e il Canale di Sicilia, possibilmente. E nel frattempo ci si ripaga con gli interesi il costo dell’ operazione e ancora si prolunga la linea di accerchiamento della Russia. Eccetera, eccetera…

      Rispondi Mi piace Non mi piace