"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il presidente Al-Assad ispeziona a sorpresa un campo di rifugiati nella città di Adra, vicino Damasco

Assad con desplazados

Il presidente della Siria, Bashar al-Assad, ha effettuato una visita in un campo di rifugiati di Al Dwer, nella città di Adra, nelle vicinanze di Damasco.
Il presidente ha realizzato un giro per tutti gli ambienti del campo dove si è interessato delle condizioni dei rifugiati, persone e famiglie e delle loro necessità in attesa di rientrare nelle loro case.
Il presidente al-Assad ha assicurato che lo Stato siriano seguirà da vicino ed assicurerà ogni assistenza ai profughi per le loro necessità fino al rientro di questi nelle loro case ad Adra e nelle altre località di provenienza.
Allo stesso tempo Assad ha fatto un discorso nel quale ha riaffermato la ferma volontà sua e dello Stato siriano nel combattere il terrorismo ed i terroristi che deportano i cittadini dalle loro abitazioni e che commettono i crimini più atroci contro le persone civili. Inoltre ha sottolineato, rivolgendosi alla gente, che la città di Adra, prima che entrassero i terroristi, era nonostante le sue dimensioni, una miniatura della Siria poiché in essa convivevano pacificamente tutti i gruppi provenienti da vari paesi e le confessioni religiose ed è per questo che è stata attaccata.

Il giorno precedente, incontrando una delegazione parlamentare russa, Assad ha affermato che la Russia aveva ristabilito l’equilibrio nelle relazioni internazionali dopo lunghi anni di egemonia degli Stati Uniti, ed aveva qualificato il ruolo di Mosca come essenziale e vitale, aggiungendo che la Siria manifesta il suo appoggio e stima alle posizione Russe sull’attuale crisi in Ucraina. Il presidente al-Assad d’altra parte ha accusato gli Stati Uniti ed i paesi occidentali di voler destabilizzare quei paesi la cui politica non coincide con i propri interessi. “La Russia, ha detto Assad, è un alleato importante del governo siriano nella sua lotta contro il terrorismo. Gli USA e i paesi occidentali appoggiano i gruppi armati che cercano di rovesciare il governo siriano con le azioni terroristiche”. La delegazione Russa ha informato il presidente che si era deciso di attribuirgli il riconoscimento di membro della Accademia di Scienze Pietro il Grande, per aver rinforzato le relazioni sirio Russe.

Assad curvo su bambini

Nella sua visita al campo di Dwer, il presidente al-Assad ha sottolineato di come le Forze armate siriane abbiano sostenuto, in questi 3 anni di guerra, enormi sacrifici ed hanno offerto migliaia di martiri per ristabilire la sicurezza e la stabilità nel paese e per fare in modo che ogni rifugiato ritorni alla propria casa ed ogni sequestrato venga liberato e ritorni alla propria famiglia. L’Esercito Nazionale Siriano continuerà a difendere la popolazione siriana contro ogni attacco terroristico da qualunque parte provenga, ha affermato il presidente Assad.
Il Presidente ha dichiarato che il popolo siriano è un popolo vivo e forte e che si è dimostrato capace di unità e di coesione nella difesa contro l’aggressione esterna ed il terrorismo e si adopererà per la ricostruzione del paese.
Il popolo e l’Esercito siriano, con la loro lotta, stanno fornendo una lezione morale di dignità e coraggio, rispetto a tutto il mondo ed in particolare rispetto a quelle potenze straniere che avevano scommesso di poter piegare in poco tempo e destabilizzare la Siria, un paese che può vantare 2.500 anni di Storia e di civiltà.

Traduzione di Luciano Lago

Fonti:

Al Manar

Sana.sy

*

code