"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il “Piano B” degli USA in Siria consiste in un attacco terrestre ed esclude la Russia

L’Ammiraglio statunitense James G. Stavridis spiega i dettagli di un eventuale “Piano B” degli USA per la Siria che esclude la Russia nel caso di un possibile fallimento della tregua in Siria.
“Probabilmente l’alternativa conosciuta come “Piano B” , pianificata in precedenza dal segretario di Stato, John Kerry, include l’invio di forze terrestri in Siria, di conseguenza non include la Russia”, ha spiegato questa Domenica Stavridis.
Di seguito lo stesso ammiraglio ha esposto nei dettagli il piano, spiegando che questo intervento terrestre in Siria conta su diverse fasi e le prime consistono nel creare una zona di esclusione aerea (no fly zone) e garantire la sicurezza delle truppe di terra.

Secondo Stavridis, ex comandante Supremo Alleato dell’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO), tale situazione permetterebbe anche “l’organizzazione di gruppi oppositori moderati”.
“Molto probabilmente in questo piano sarà prioritaria la Giordania e le sue forze terrestri; sono sicuro che il presidente degli USA Barack Obama, ed il re giordano, Abdolà II, ha conversato rispetto a questo”, ha aggiunto.
Secondo Stavridis, senza dubbio, sarà una campagna complessa e caotica, “speriamo di poter porre la Russia dalla nostra parte, ma non sono sicuro di questo”, ha concluso.

Lo scorso Martedì il segretario di Stato degli USA ha annunciato che Washington ha l’opzione di un “piano B” se fallisce la cessazione delle ostilità e la nuova tregua concordata fra la Russia e gli USA.
Il giorno seguente il Ministero russo degli Esteri ha reagito nella seguente maniera : “la Russia non sa nulla di un “Piano B” di cui parlano gli USA. Si è realizzato un intenso lavoro per ottenere l’accordo sulla Siria ed è necessario investire tutti gli sforzi per implementarlo”.
Il giovedì, il cancelliere russo, Serguei Lavrov, ha rigettato le dichiarazioni del titolare statunitense ed ha assicurato che non c’è , nè ci sarà alcun “piano B” secondo l’accordo di tregua in Siria.

Anche il vice ministro degli Esteri della Russia, Mijail Bogdanov, a sua volta, ha manifestato nello stesso giorno del Giovedì che i russi sono  preoccupati per  gli annunci degli USA e per il  fatto che gli USA parlino di un “piano B”. Non sappiamo niente di questo”.
Nelle prime ore del Sabato è entrato in vigore un cessate il fuoco in Siria, annunciato dagli USA e dalla Russia, da cui sono esclusi i gruppi considerati terroristi dalle Nazioni Unite e fra quelli l’ISIS ed il fronte Al Nusra, ramo di Al Qaeda.

Anche il Governo di Damasco ha accettato la tregua con il fine di fermare lo spargimento di sangue dei siriani e restaurare la stabilità, al tempo stesso  ha ha assicurato che continuerà combattendo il gruppo terorrista dell’ISIS e di Al Qaeda.
Tuttavia il primo ministro turco Ahmet Davutoglu ha messo in chiaro che il suo Esercito “non si sente obbligato a rispettare la tregua, se si crea una situazione che minaccia la sicurezza della Turchia”, alludendo ai gruppi di autodifesa curdi-siriani.

Fonte: Hispan TV

Traduzione: Manuel De Silva

*

code

  1. nessuno 1 anno fa

    Ee questo ha detto veramente una cosa del genere, è completamente scemo ma nel
    vero senso della parola, questo o è pagato e recita un copione per fare confusione e
    sparare cazzate, oppure vive i suoi fantasmi, i suoi sogni, la sua realtà immaginaria e
    i suoi desideri, mi chiedo se gli ufficiali ameriCANI vengono scelti perla loro intelligenza
    o per la loro ignoranza, dati alla mano la seconda….
    Comunque non hanno il controllo aereo nei cieli di quel tormentato Paese.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mimmo 1 anno fa

      possibile che ancora non hai capito che genere di psicopatologia affligge gli americani?
      Eppure è dai tempi del forum libero dei radicali che commenti i web…

      Rispondi Mi piace Non mi piace