"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il Partito di opposizione tedesco mette in guardia, la Nazione si trova “sul bordo dell’anarchia, avviata verso la guerra civile”

Profughi arrivano in Germani

La Germania ora si trova da qualche parte al bordo dell’anarchia e sta scivolando verso una guerra civile, o sta per trasformarsi in una repubblica delle banane, senza alcun governo”,   lo dichiara Hansjoerg Mueller,  leader del partito di opposizione, “Alternative for Germany”.

Nel corso di un’intervista conla RT.com, Hansjoerg Mueller mette in evidenza quanto sia diviso la nazione e come stia diventando una situazione di caos.

RT: Qualche esponente politico dice che sta per inviare gli immigrati a Berlino, ma egli ha il potere?

Hansjoerg Mueller:  La persona che vuole mandarli a Berlino è il Sig. Dreier. Egli è il capo del distretto di Landshut, una cittadina nei pressi di Monaco di Baviera. Generalmente non ha il potere, ma non stiamo vivendo in tempi normali. Quello che stiamo cercando è sempre più che la Germania scivoli verso l’anarchia. Questa situazione credo che sempre meno sia determinata dalla legge, sempre più è determinata da chi agisce. E la persona che agisce infatti ha il potere. Quindi, se dice di inviare … i rifugiati a Berlino, li manderà!

Il funzionario bavarese Peter Dreier, aveva chiamato la cancelliera tedesco Angela Merkel per dirle di persona che se la Germania accoglie un milione di profughi, la sua città di Landshut ne accetterà soltanto circa 1,800.
Qualsiasi altro in più sarà messo su autobus e inviato ala sua Cancelleria a Berlino.

RT: Minacce come queste saranno in grado di influenzare la politica della Merkel ?

HM: lo spero, perché la Germania attualmente  si trova da qualche parte scivolando verso l’anarchia e la guerra civile, o sta per diventare una repubblica delle banane, senza alcun governo. Mi auguro che questa minaccia avrà qualche effetto, ma conoscendo le azioni psicopatiche che la Merkel sta attuando in tutti questi giorni – non ci credo, purtroppo.
RT: Pensi che la Baviera sarà l’unica regione che dice qualcosa di simile, o si aspetta che altre regioni ne seguiranno l’esempio?

HM: Sì, naturalmente, La Baviera è la prima regione perché è dove siamo direttamente colpiti – visto che stiamo vivendo al confine con l’Austria , da dove deriva l’afflusso di rifugiati . Ma le altre regioni della Germania  dove questo accade sono la Sassonia e la Turingia. Prima di tutto, hanno confini anche con la Repubblica ceca, questa è il primo motivo. Il seconda motivo sta nel fatto che, nella ex Germania orientale, le persone sono ancora consapevoli di come si vive in una dittatura. Essi si sentono abbastanza bene che la nostra cosiddetta democrazia sta scivolando sempre più verso uno stato totalitario. Questa è la mia spiegazione personale perché … le manifestazioni in Turingia e in Sassonia sono così feroci nei loro atteggiamenti.

RT: Permettere soltanto a 1,800 profughi disperati di rimanere quando più di un milione sono previsti a livello nazionale, non sembra del tutto giusto . Sicuramente la regione potrebbe fare la sua parte?

HM: No, questo numero di 1,800 rifugiati non influisce solo per la Baviera. La Baviera può prenderne molti di più. Interessa solo la zona attorno alla città di Landshut, e la città di Landshut ha più o meno 50,000 abitanti e avendo quasi 2,000 rifugiati che si mescolano con la popolazione originaria – questo è piuttosto una grande onere. Così che la Baviera può prenderne di più, ma non città come Landshut.

* * *
Tra le osservazioni di cui sopra e di  recente .

Nel frattempo in una città tedesca si sviluppa la “Islamofobia” , queste  le ripercussioni dell’impero del caos voluto da Obama in Medio Oriente e sono appena iniziate.   Come ha recentemente osservato Raul Ilargi Meier:

“L’ignoranza e la negazione della realtà minacciano di portare ad un aumento inutile di nazionalismo, di neonazismo, di violenza, di miseria, e con esse la violenza, la morte e la guerra. Se dovessimo riconoscere che il cambiamento è inevitabile, di conseguenza potremmo prepararci, ma molto di questo potrebbe essere evitato.
Ci sono due motivi principali del cambiamento che ha iniziato a trasformare l’Europa e che pensiamo di individuare . Il primo, una migrazione di massa guidata dall’arrivo di profughi provenienti da regioni del mondo, che gli europei hanno attivamente contribuito a far precipitare nel caos letale. Secondo, una recessione economica del tenore di cui non si era mai vista in 80 anni o giù di lì .

Le Idee negative circa i rifugiati sono già ad influenzare l’opinione pubblica tutti i giorni e la politica in molti luoghi, e questo sarà notevolmente aggravato dall’enorme depressione economica che per ora rimane in gran parte nascosta dietro i giochi di prestigio disperati promossi dai banchieri centrali, dai politici e dai media”. (Raul Ilargi Meier).

Fonte: Zero Hedge

Traduzione: Luciano Lago

 

*

code

  1. giannetto 1 anno fa

    La germania sulla strada di una repubblica delle banane? Ma no… è contro natura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Redazione 1 anno fa

      Sarà contronatura ma se questo è il livello di polemica presente in Germania, qualche cosa di essenziale sta avvenendo anche in quel paese. Certo se la Germania è destinata a divenire una “Repubblica delle banane”, per noi in Italia diventa difficile trovare una definizione appropriata: forse “Repubblica di Pulcinella”, “Repubblica di figuranti”? Troviamone una al più presto…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. giannetto 1 anno fa

        Etichette per l’Italia come “repubblica delle banane”, o “…di Pulcinella”… e florilegio vario, appartengono GIA’ a consolidata tradizione, e da ben prima dell’euroera. Nihil novi, ma la tradizione, s’intende, è sempre aperta a perfezionamenti.- Quanto alla Germania, piuttosto che avviarsi a destino di repubblica bananiera, è mia supposizione che riscoprirebbe, al limite, un redivivo Fuehrer.

        Rispondi Mi piace Non mi piace