"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il nuovo istituto giuridico fiscale dei governi Monti e Letta

Palazzo Chigi - Insediamento del Presidente del Consiglio Enrico Letta

Di Paolo Franceschetti

Poche settimane fa leggevo la ridicola notizia relativa alla discussione parlamentare sull’aumento della fascia esente dall’IRPEF. Qualche parlamentare di sinistra, per far finta di essere dalla parte del popolo, si chiedeva se fosse giusto portare a 12.000 euro la fascia esente; altri parlamentari a destra rispondevano che il governo avrebbe perso troppi soldi e che le casse dello stato non potevano permettersi di subire una simile perdita. La querelle, ovviamente, è falsa e rappresenta una delle tante discussioni ipocrite fatte solo per gettare fumo negli occhi della gente, per indurre nel cittadino l’idea che le tasse servano a coprire le spese statali, e per riempire i giornali con qualche notizia che sembri tale.
In realtà le tasse non servono affatto allo stato per coprire le spese, specialmente se prelevate da redditi sotto ai 20.000 euro.


Chi ha un reddito basso, infatti, qualora risparmiasse un po’ di soldi in tasse, non si terrebbe certamente quei soldi per sé, ma li utilizzerebbe per comprare beni o servizi, cioè darebbe quei soldi ad imprenditori, i quali li reimmetterebbero nel circuito produttivo per farli finire di nuovo nelle tasche dello stato. Se io acquovo istituto giuridico e fiscale dei governi Monti e Lettaisto un bene da 100 euro, infatti, il 21% finisce immediatamente nelle tasche dello stato con l’IVA; un altro 20% circa costituisce il guadagno dell’imprenditore che su quel 20% pagherà le tasse; il restante 60% costituisce il costo della materia prima su cui l’imprenditore che l’ha prodotta pagherà le sue tasse, dedotti i costi (che sono le paghe degli operai e di tutti coloro che partecipano alla produzione, i quali a loro volta pagano le tasse e acquistano beni). In altre parole, le tasse hanno un senso solo se colpiscono i capitali immobilizzati, perché tutto il denaro immesso nel circuito economico regolare, prima o poi finisce sempre nelle tasche dello stato.
Aumentare la fascia esente, quindi, avrebbe solo due importanti obiettivi: aumentare il benessere della classe a basso reddito, e rinvigorire il tessuto economico aumentando le entrate delle imprese.
La verità invece è che il fine dell’attuale governo, come quello del precedente, era quello di affossare definitivamente l’economia italiana. Lo dimostrano, dati alla mano, i conti di alcuni provvedimenti fiscali del governo Monti. Per fare alcuni esempi… La demenziale sovrattassa del governo Monti sulle auto di lusso che ha colpito tutti i modelli con potenza superiore a 185 KW ha portato come conseguenza l’abbattimento delle vendite nel settore delle auto di lusso. Il che si traduce nelle seguenti conseguenze: 1) minore entrata fiscale per lo stato di 140 milioni di euro; 2) 30.000 auto di lusso trasferite all’estero; 3) fallimento di oltre il 30% dei concessionari di auto di lusso in due anni; 4) drastico abbattimento dei costi delle auto di lusso usate, tanto che oggi si può acquistare una Ferrari 612 a 50.000 euro e una Ferrari Maranello a 40.000 (il che si traduce in ulteriori perdite fiscali per lo stato).
L’IMU sugli immobili ha portato ad una perdita di liquidità per molti imprenditori, causando una sorta di accelerazione verso il fallimento; molti imprenditori, infatti, si sono trovati a dover pagare l’IMU su immobili da cui, a causa della crisi, non percepivano alcun reddito perché gli affittuari erano in crisi, quindi sostanzialmente si sono trovati a non percepire alcun reddito su degli immobili per i quali in compenso erano aumentate le tasse; l’IMU ha insomma gettato benzina sul fuoco di una crisi già in atto. Il risultato è stato calcolato in un aumento del 15% delle aziende che hanno chiuso i battenti a causa dell’IMU, calcolato sul numero di aziende medie che chiudono i battenti ogni giorno. In altre parole, se nel 2012 avevano chiuso i battenti 10.000 aziende, il numero è salito a 12 nel 2013. Non per niente il viceministro delle Infrastrutture De Luca ha definito l’IMU “un monumento alla demenzialità e un truffa ai cittadini”.
Ma da ultimo la trovata veramente geniale è stata quella dell’aumento degli acconti sul reddito saliti al 102%.
Spieghiamo che significa. Non tutti sanno che le tasse che imprenditori e professionisti pagano ogni anno non sono solo quelle relative all’anno precedente. Nossignore. Sono anni che è in vigore una legge demenziale per cui queste categorie devono pagare IN ANTICIPO le tasse dell’anno venturo. In altre parole, è come se lo stato dicesse: “Guarda, siccome ho bisogno di soldi, per cortesia versami in anticipo le tasse anche per l’anno prossimo”. Se poi il contribuente l’anno successivo guadagna di più del previsto, verserà un conguaglio (ovviamente immediato). Se invece guadagna meno del previsto sarà lo stato a versarlo (manco a dirlo, non immediatamente, ma negli anni successivi; in alcuni casi per avere i rimborsi occorrono anni). Nessuno fino ad oggi ha mai provveduto a impugnare questa assurda legge davanti alla Corte Costituzionale o alle Corti Europee, dove presumibilmente non reggerebbe il tempo di un minuto, tanto è demenziale, ingiusta e incostituzionale. Ma non è questo il punto che voglio sottolineare. Il problema invece adesso è un altro. Se negli anni precedenti l’acconto da versare sul reddito non guadagnato dell’anno futuro era del 99%, il governo Letta oggi l’ha portato al 102%. In altre parole, in periodo di crisi, il governo dà per scontato che professionisti e imprenditori l’anno prossimo guadagneranno di più, quindi possono tranquillamente versare in anticipo un importo per le tasse superiore a quello di quest’anno. Non c’è che dire, una trovata non solo geniale, ma soprattutto coerente con la crisi che stiamo attraversando. Considerando che questo provvedimento non farà altro che diminuire ancora la liquidità di imprese e professionisti, non è difficile prevedere le conseguenze di tale normativa: un aumento del 3% circa delle imprese costrette a chiudere; minori entrate fiscali per lo stato di circa il 12% rispetto all’anno precedente. Si calcola che passeranno dalle 12.000 del 2013 a 25/30.000 nel 2014 (con una previsione di 17.000 nei primi sei mesi) le aziende che, grazie a questo super geniale provvedimento, chiuderanno i battenti.
Una mossa da geni, non c’è che dire!
Berlusconi, tra tutti i politici di questi ultimi decenni, è stato l’unico che voleva veramente ridurre le tasse (ma gli fu impedito da altri poteri, più potenti di lui). E’ riuscito quindi unicamente a ridurre o togliere alcune tasse minori, come quella sui frigoriferi e quella sulle successioni, a ridurre le accise sui carburanti aerei, o le tasse di stazionamento delle barche di lusso, ma gli è stato impedito di effettuare una riforma fiscale realmente efficace (come il portare l’aliquota massima al 30%). La sinistra l’ha sempre accusato di conflitto di interessi, ma in realtà, da imprenditore capace qual è, più che un conflitto di interessi il suo era una “comunione di interessi” con altri imprenditori.
I governi di sinistra, nonché i recenti governi Monti e Letta, hanno invece introdotto una figura giuridica nuova e assolutamente innovativa, perché neanche all’estero sono così avanti: la demenzialità degli interessi (figura che ricorre giuridicamente quando il provvedimento è di una tale idiozia che anche un cerebroleso capisce che è voluto per perseguire un interesse esattamente opposto a quello che viene sbandierato).
Fonte: Paolo Franceschetti

*

code