"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il ministro britannico Boris Johnson alza i toni con la Russia: restituite la Crimea

Il Ministro degli Esteri del Regno Unito, Boris Johnson, ha richiamato la Russia a mettere fine alla sua annessione “illegale” della penisola di Crimea.
“Siamo convinti che la annessione della Crimea da parte della Russia sia stata illegale e richiediamo alla Russia di restituire la penisola”, questa la dichiarazione fatta il Mercoledì dal capo della diplomazia britannica in visita ufficiale in Ucraina.

Nelle dichiarazioni, rilascate durante una conferenza stampa congiunta con i suoi omologohi dell’Ucraina e della Polonia, Pavlo Klimkin e Witold Waszczykowski, rispettivamente, Johnson ha assicurato che la sua visita rafforza l’appoggio “incrollabile” di Londra a Kiev.

“Il Regno Unito contina ad esere impegnato nel difendere la sovranità dell’Ucraina davanti alla continua aggressione russa”, ha sottolineato il titolare britannico, come riferito dal giornale Daily Mail nella sua edizione digitale.
Nell’indicare che la Polonia è un socio molto vicino al Regno Unito, Johnson ha affermato che entrambi i paesi lavoreranno strettamente su una serie di questioni di politica estera, inclusa la crisi dell’Ucraina.

In conformità a quanto promesso dal cancelliere britannico, Londra svolgerà un ruolo a pieno impegno sulle questioni di sicurezza dell’Europa mentre si prepara per uscire dall’Unione Europea, secondo il piano del Brexit.

In risposta alle dichiarazioni di Johnson il cancelliere Russo Lavrov ha dichiarato che “la Crimea è parte integrante della Russia e invita i turisti europei a visitarla”.
Inoltre lavrov ha dicharato che la Crimea non è un problema attuale ma è un territorio che fa parte della Russia da secoli, ed ha chiesto una valutazione imparziale rispetto alla situazine della penisola.

Le dichiarazioni di Johnson arrivano dopo una nuova escalation del conflitto nel paese slavo e dopo che si sono accresciute le tensioni nelle relazioni tra Kiev e Mosca.

Nota: Una volta apprese queste dichiarazioni del cancelliere britannico, dall’Argentina il commentatore Alejandro Ramirez ha scritto sul suo giornale Web che il Regno Unito dovrebbe dare il buon esempio al mondo restituendo per primo le isole Malvinas (Falkland in inglese) che la Gran Bretagna ha sottratto all’Argentina e che mantiene sotto occupazione militare. Inoltre Ramirez ha ricordato che il Regno Unito continua nell’epoca attuale a mantenere proprie colonie come Gibilterra e le Malvinas e non è in condizione di criticare altri paesi.

In aggiunta  altri commentatori hanno rilevato come si sia manifestata l’ingerenza britannica in molti conflitti che hanno prodotto la destabilizzazione di interi paesi del Medio Oriente e del Nord Africa e di conseguenza il Regno Unito è l’ultimo paese che possa dare lezioni agli altri.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code

  1. Tania 5 mesi fa

    Il ministro britannico Boris Johnson alza i toni con la Russia: restituite la Crimea

    Le pernacchie valgono? Prrrrrrr

    Mi adeguo al livello del ministro britannico, quando diventerà un uomo adulto allora anch’io mi comporterò da adulta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Christian 5 mesi fa

      Ahahah, grande Tania, è la stessa cosa che ho pensato anch’io mentre leggevo! Restituite la Crimea, come se non sapessero che i crimeani hanno votato con percentuali altissime per il ricongiungimento con la Russia, e che la Crimea è a tutti gli effetti Russia! Restituite la Crimea?? Ceeeeeerto johnson, vallo a dire a Putin!

      Comunque si, visto il personaggio, valgono pernacchie anche in coro!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. paolo calvo 5 mesi fa

    Il solito inglese alcolizzato…
    😉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. PieroValleregia 5 mesi fa

    salve
    ma la Crimea è russia da SEMPRE, fu ceduta all’Ucraina da Krusciov come risarcimento per le mettanze che i sovietici fecero in quelle terre.
    La Crimea è RUSSIA !!!
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Christian 5 mesi fa

      Diciamo che la sovranità sulla Crimea fu ceduta all’Ucraina da Krusciov in un momento di ubriachezza acuto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Christian 5 mesi fa

        Anche se comunque è vero che la bellissima Crimea era parte sia territorialmente che culturalmente dell’Impero Russo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. PieroValleregia 5 mesi fa

        …Nikita quindi era il papà di Eltisn ? 🙂
        saluti
        Piero e famiglia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Christian 5 mesi fa

          Peggio del l’alcolizzato Eltsin non c’è nessuno. Eltsin è stato, insieme a Gorbaciov, una disgrazia per l’URSS e la Russia, due veri propri traditori… Da coorte marziale.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Citodacal 5 mesi fa

        Dipendesse dall’alcol, sarebbero imparentati anche a Juncker.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nicola 5 mesi fa

    Questo tipo di “richiesta”, del tutto ingiustificata, ha una portata puramente offensiva… finora la Russia ha dimostrato la sua Grandezza anche nella Pazienza!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. dolphin 5 mesi fa

    Come ha fatto a essere eletto un soggetto simile, a me sembra un clown, per cui non va preso in considerazione !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 5 mesi fa

      Sarà perché i clown intrattengono meglio le folle…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giorgio 5 mesi fa

    C’è qualcuno che è interessato alle convinzioni di Boris Johnson? Io no!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paolo 5 mesi fa

    A parte l’alcool sembra che vadano cercando rogna in tutti i modi. Nel passato le provocazioni sono sempre state usate per creare i pretesti che hanno dato il via a conseguenze nefaste. Speriamo che questa escalation non oltrepassi i limiti e che Putin sia un uomo all’altezza di ciò che ha dimostrato finora di essere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mardunolbo 5 mesi fa

    Le provocazioni contro la Russia sono quotidiane. Si spera che la demenza acuta che affligge i politici europei non arrivi a suggerire l’omicidio di Putin ! Perchè ?
    E’presto detto. L’omicidio di Putin provocherebbe una risposta del popolo russo e dei politici russi, ben diversa dalla mollezza occidentale…Arriverebbe al potere un militare tipo Andropov che ordinerebbe immediatamente una risposta militare prima in Ucraina, debole e vincibile presto, poi alle altre nazioni europee che ospitano missili Nato-Usa. Da qui un’escalation fino al nucleare e saremmo tutti fritti ed atomizzati !
    Auguriamoci e preghiamo appunto che la demenza di questi personaggi/pupazzi manovrati dalle solite lobbies del potere, non arrivino a tanto ma salvaguardino i popoli europei, anche se finora il cervello è stato nel cesso…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 5 mesi fa

      E si sono dimenticati d’azionare lo sciacquone, c’è un tanfo insopportabile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace