"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il magistrato Varone pubblica tutta la verità sulla truffa del debito pubblico!

Gennaro Varone PM Pescara

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di questo interessante convegno tenutosi a Pescara.

Il pubblico ministero di Pescara, Gennaro Varone, è stato uno dei relatori del convegno che si è tenuto l’8 marzo al palazzo della Provincia di Pescara.
La conferenza, dal titolo “La povertà dell’Italia, tra Euro e incostituzionalità dei trattati europei“, organizzata dalla Scuola Giacinto Auriti, ha ottenuto un grande successo: sala gremita, con persone anche in piedi, e più di tremila utenti che seguivano la diretta streaming di AbruzzoLive. Presto sarà disponibile un DVD con tutti i filmati della giornata .
Anche se i media nazionali hanno ignorato l’evento, di fatto censurandolo, televisioni locali come Teleponte ne hanno aiutato la pubblicizzazione, contribuendo al successo della giornata. Di seguito l’intervista a Mauro Di Sabatino, presidente della scuola.  Mercato libero testimonianze

– In attesa del filmato del convegno, impegnamoci a diffondere ciò che scrive il magistrato Varone sul suo Facebook, con la speranza che anche altri PM si schierino dalla parte della verità. Cito:
Dobbiamo capire che cosa sia la moneta… se capiamo questo e comprendiamo che cosa sia il debito pubblico, abbiamo capito come va il mondo. Il punto è che di una cosa così ovvia non si interessa nessuno. E (quasi) nessuno sa che cosa sia e come nasca una banconota da 10 €. …Eppure, la moneta paga il nostro lavoro e sulla moneta riposa il nostro futuro: scuola, cure mediche, figli, tempo libero… vita.
La cosa essenziale che occorre sapere della Moneta è che essa è creata… dal NULLA e senza alcun valore intrinseco (che non sia il costo della filigrana e degli operai che stampano) dall’Istituto Centrale di Emissione: nel nostro caso la Banca Centrale Europea.
La BCE (tramite le Banche Commerciali) ‘presta’ questa moneta, creata dal nulla, agli Stati. Che devono restituirla.
Mi chiedo, ingenuamente:
a) se la moneta è creata dal nulla… perché deve essere restituita?
b) Perché, pur essendo indispensabile alla vita degli esseri umani ed ai progetti dei governi, è creata da un ente (la BCE) che non risponde a nessuno, in particolare a nessun governo e a nessun elettorato?
La Banca Centrale deve battere moneta in modo corrispondente alla ricchezza (a tutta la ricchezza), in beni e servizi, che una nazione (che ognuno di noi) è in grado di produrre.
Questo è l’unico “pareggio di bilancio” che dobbiamo accettare.
Quindi, riprendiamoci la Banca Centrale.
Apriamo gli occhi! Nessuno può guadagnare la moneta che non viene stampata.
E, a decidere quanta moneta debba essere stampata, deve essere la Nostra Banca Centrale, d’intesa con il nostro Governo; secondo il bisogno degli italiani e secondo la ricchezza che NOI, con la nostra intelligenza, lavoro, passione, impegno, immaginazione, voglia, fantasia: possiamo produrre.
RIPRENDIAMOCI ciò che DEVE essere nostro.
Parole forti e vere, che acquistano ancora più potenza perché scritte da un sostituto procuratore della Repubblica.
Adesso che il re è nudo, dobbiamo solo farlo notare a chi ci sta intorno.

Di Daniele di Luciano

Fonte: Mercato libero Testimonianze

*

code

  1. FABIO EHSANI 3 anni fa

    ma no si potrebbe favorire un alleanza tra giulietto chiesa, questo varone, blondet, lidiaundiemi e alfonso marra ? ??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Piero61 3 anni fa

    salve
    Giulietto Chiesa ha, piu di una volta, offeso Blondet con la solita solfa dell’antiesemita, omofobo, negazionista eccetera…
    Personalmente, chiunque contribuisca ad abbattere la ue/urss e la sua amichetta nato, va bene…
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. roland claude 3 anni fa

    se guardate una banconota in € nesuno deve nulla c’ e’ solo la firma di M Draghi. il circolente e’ passivita’ delle BNC ma nn all’ attivo di BCE

    Rispondi Mi piace Non mi piace