"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il Kaganato di Kiev ed altre storie

Kiev proteste

di Rafael Poch

Questo Kagan è sposato con Victoria Nuland, il vice segretario di Stato e “stratega” del cambio di regime a Kiev.  Assistita dai loro peones polacchi e dall’ottusa acquiescenza tedesca, la Nuland ha finalmente collocato i suoi uomini nel governo di Kiev,  come ha detto lei stessa il 25 gennaio in una conversazione telefonica registrata, da cui trascendeva quel magnifico “Si fotta la l’UE “.

Il desiderio di costringere l’Ucraina a aderire alla NATO ed estendere le basi USA fino alla stessa barba della Russia, si è concluso con un colpo all’orso moscovita. Il risultato: un chiaro pericolo di  guerra civile in Ucraina, l’annessione della Crimea con la violazione dell’integrità territoriale ucraina, e una tensione inusitata con la Russia. Il Kaganato Kiev è, senza mezzi termini, un grand “cagata”, dice Escobar. Nel frattempo, i media occidentali continuano ad ignorare il problema e presentarlo come una mera cattiveria di “incendiario” Vladimir Putin.

– Audrius Butkevicius . Nel 1990 un giovane fisioterapista di 31 anni di nome Audrius Butkevicius fu  nominato dal governo lituano “, Direttore del Dipartimento della Difesa del Paese”, una sorta di ministro della difesa. BUTKEVIČIUS laureato alla “Albert Einstein Institution”, gestito da un guru americano di nome Gene Sharp è specializzato in “resistenza non violenta”. I libri e gli insegnamenti di Sharp sono stati applicati da BUTKEVIČIUS in Lituania ed  in seguito da organizzazioni come Kmara (Georgia) Pora (Ucraina), Kelkel (Kirghizistan) o Zubr (Bielorussia) in varie “rivoluzioni colorate”.

der-spiegel_2014

La copertina di Der Spiegel questa settimana, “L’incendiario, Chi fermerà Putin?” Ancora una volta il ruolo irresponsabile dei media occidentali, installato nei cartoni animati e tale da incoraggiare il conflitto.

Nel 1991 in Lituania esisteva una spinta molto seria per raggiungere l’indipendenza dall’URSS. Si aspettavano misure di forza da parte di Mosca. Era la battaglia tra Davide e Golia. “Ho deciso di non creare un piccolo esercito, ma di utilizzare guerra psicologica”, dice BUTKEVIČIUS anni dopo. “Sapevamo molto bene ciò che l’avversario sta per fare e rovinare l’intero scenario” . “Le nozioni tradizionali di difesa non avrebbero funzionato”, diceva nell’autunno 1990. “Creeremo un gruppo paramilitare di circa 500 uomini in grado di rispondere rapidamente alle crisi e alle diverse unità addestrate in guerra psicologica”. (Einstein Institute Bulletin, Autunno 1990).

In Lituania ci fu un vero e proprio movimento popolare. Mosca aveva puntato a mobilitare la minoranza russa. Voleva provocare scontri e poi intervenire militarmente come “mediatore”. Fu così che si arrivò alla “Domenica di sangue”, il 13 gennaio 1991. Le truppe russe giunsero fino alla torre della televisione per far sloggiare, ma invece furono bloccati dalla cittadinanza. Agirono poi dei cecchini. Più di una dozzina di persone furono uccise per l’impatto di  armi da fuoco e molti altri furono feriti. Furono colpiti dai tetti e balconi dei palazzi circostanti. Chi ha sparato colpi in mezzo alla folla? «I miei uomini non erano piazzati lì”, “Le Special Troop del KGB non portavano munizioni nelle loro armi ma solo in tasche in riserva, il nostro obiettivo era quello di entrare nella sede della televisione”, spiega il capo del sistema operativo russo Mikhail Golovatov (Die Presse, 3 settembre 2011). Subito dopo l’incidente e tutto ciò che è stato detto, ma chi avrebbe creduto che Golia non aveva sparato alcun colpo  contro Davide e che non era stato un “massacro del KGB? Si è dovuto  aspettare oltre dieci anni per avere la versione di Butkevicius il quale ha spiegato che i suoi uomini erano armati di fucili da caccia e capire chi aveva sparato sulla folla dai tetti. Egli ha detto questo  in un’intervista con la rivista “Obzor”, pubblicato nel 2000:

“Non posso giustificare la mia azione per le famiglie delle vittime, ma alla storia, perché quelle morti violente inflissero un doppio colpo a due bastioni principali del potere sovietico: l’esercito e il KGB. Fu così che fu gettato loro il discredito. Lo dico chiaramente: io ero quello che ha pianificato tutto quello che è successo. Aveva lavorato abbastanza a lungo in Albert Einstein Institution con il professor Gene Sharp, che poi si prese cura di ciò che è stato definito come “difesa civile”, in altre parole guerra psicologica. Sì, ho programmato il modo di mettere in difficoltà l’esercito russo in una situazione imbarazzante che ha costretto ogni ufficiale russo a provare  vergogna. Era guerra psicologica. In quel conflitto non avevamo potuto vincere con l’uso della forza, questo lo avevamo molto chiaro, quindi abbiamo spostato la battaglia ad un altro livello, il conflitto psicologico, e ho vinto. ”

“Altrimenti molte più persone sarebbero morte in quella situazione e sono rimasti uccisi solo coloro che sono morti”, dice nel video Butkevicius gennaio 2013.

Alla luce di quanto accaduto a Kiev, con oltre venti uccisi da cecchini, il 20 febbraio, il giorno che ha determinato l’ascesa al potere del governo filo-occidentale attuale, la questione di chi fosse il Butkevicius di Kiev non è una cosa da poco. Va notato che non si vuole indagare su quei fatti, per non riflettere su chi ne ha tratto beneficio.

– Prospettiva di caccia alle streghe nell’Est ed  il caos a Kiev . Il nuovo regime di Kiev ha cominciato la caccia dei “separatisti” nella parte orientale e meridionale dell’ Ucraina, dove la sua legittimità è contestata. A Kharkiv il Martedì è finito in carcere l’ex governatore Mikhail Dubkin un politico con agganci che aveva appena annunciato da presentarsi alle elezioni presidenziali. Reinat Akhmetov, l’uomo più ricco in Ucraina ha cercato di mantenere l’equilibrio tra le due parti in questa crisi, ha detto che la detenzione di Dubkin (nel frattempo agli arresti domiciliari) può “destabilizzare la situazione nella parte orientale del Paese.” Ci sono molti altri arresti di opposizione hanno accusato il nuovo governo di essere “agenti della Russia.” Gli arresti sono eseguiti da gruppi piuttosto inquietanti. Bisogna ricordare che sia il procuratore generale (il suo capo è Oleg Majnitski di “Svoboda”), come il Consiglio di Sicurezza Nazionale (Andri Parubi) è il suo capo e sta controllando i Ministeri dell’Interno, della Difesa e dei servizi di intelligence, sono nelle mani della estrema destra, che offre una pronostico  infausto. Parubi, che ha annunciato una mobilitazione di riservisti che tutti hanno ignorato, al momento da Mosca è ritenuto come responsabile per i l’assassinio effettuato dai cecchini che hanno sparato , dicono, dalla sede della Filarmonica e dall’hotel “Ukraina”. Questo nuovo uomo forte dei Ministeri  armate del kaganato, è stato fondatore negli anni novanta del partito neonazista e vuole integrare “gruppi di autodifesa” del Maidan nei ranghi di una nuova “guardia nazionale”. Parubi dice anche che “la Russia ha speso un sacco di soldi per mobilitare agitatori nelle regioni di Lugansk, Donetsk, Odessa e Kherson”, cosa che è perfettamente plausibile.

Il Partito ultra di “Svoboda”, che ha più di una mezza dozzina di importanti incarichi di governo, è stato condannato dal Parlamento europeo in una risoluzione del 13 dicembre 2012 denunciando i loro presupposti razzisti, i valori e citazioni antisemite e xenofobe contrari ai diritti fondamentali dell’Unione europea “. Ora sono nel governo, hanno cessato di essere una preoccupazione a Bruxelles.

A Kiev bande paramilitari hanno fatto irruzione questa settimana nell’ ufficio di almeno un procuratore distrettuale (il Kiv-Sviatoshinski), rapinato una banca e attaccato un autobus di oppositori del Maidan. Martedì scorso, sul Maidan, c’erano sparatorie notturne, con l’uso di pistole “Makarov” e fucili mitragliatori, tra le varie centurie che continuano a mantenere la piazza, tra cui il “pravý Sektor”. I media ucraini non hanno informato. Lo domando ad un nazionalista intellettuale locale se si sente minacciato e la tua risposta è “non ancora”. Tutto indica che questi gruppi incontrollati, liberati da una resa dei conti,dei rapimenti,  di incendi di case avversari (tutti quello che è successo a Kiev),sono  in grado di andare oltre.

Il pericolo di estrema destra non si limita al governo di Kiev. Il leader filo-russo dell’autonomia Crimea è quanto di più simile ad un bandito e le bande corazzate che avversano al governo di Kiev che sono state  in Odessa, Kharkov e Donetsk , con fasce blindate (manganello, casco e scudo) non differiscono molto da quelle di Kiev. L’affermazione elettorale che si agita in Crimea dalla propaganda russa, “la lotta tra la svastica e il tricolore russo”, è manifestamente grottesca: tra chi grida “Il fascismo non passerà” ci sono molte persone che presentano una caratterizzazione molto simile.

– . Ilpericolo russo e nazionalismo ucraino –il  nazionalismo sono forgiati in contrasto con l’esterno, in risposta a minacce e pericoli esterni. Con l’ Invadere Crimea, Putin ha offerto la nazione ucraina, che è in costruzione, una di quelle situazioni di formazione per la coscienza nazionale. Colpisce soprattutto le regioni più favorevoli dell’Ucraina alla Russia, dove la mia impressione è che l’annessione della Crimea si osserva con dispiacere. Questo paradosso ha una spiegazione semplice: l’ideologia con cui la Russia è entrata Crimea è il nazionalismo russo e che non conquista  il cuore degli ucraini , ma piuttosto la reazione opposta e la loro coscienza nazionale si rafforza. E il nazionalismo russo è l’unica ideologia del regime russo attuale. Non c’è altro. Con questa ideologia, Mosca non potrà mai consolidare il loro ambiente, anche tra i suoi più stretti alleati. Non più in Ucraina, ma in  Bielorussia e  Kazakhstan,  si assiste con estrema preoccupazione l’annessione della Crimea. Come la Crimea, bielorussi sono “quasi russi” e circa la metà della popolazione del Kazakistan sono  russi. Chi garantisce che Mosca non potrebbe invocare la forza maggiore un giorno per giustificare altre annessioni?

Questo è il piano che il Vice Ammiraglio Igor Kabanenko, ex manager e direttore della missione ucraina presso la NATO e attuale Vice Capo di Stato Maggiore dell’Esercito di Ucraina ha stanziato per la Russia questa settimana:

“Dopo la rapida annessione della Crimea, l’esercito russo avanza verso ventina di Donetsk, Lugansk Terza Armata e la divisione di 106 a Kiev. Dalla Crimea a Odessa incursione con l’uso delle forze Pridniestrovia sul lato opposto. In cinque o sei giorni, a Donetsk, Lugansk-Tiraspol-Odessa, si creato un corridoio. Cioè, per chi non ha familiarità con la mappa: prendere tutto il sud e ad est dell’Ucraina, privando il paese di tutto il suo sbocco al mare e trasformandola in una nazione continentale priva di significato geopolitico.

Questo scenario è, di propaganda naturalmente. Il Cremlino non è pazzo.  Kabanenko lo prevede per la prossima settimana. Ma a lungo termine è un’altra questione.

Non c’è dubbio che, in condizioni normali, un’invasione su vasta scala dell’ Ucraina da parte delle truppe russe,la cui ideologia non è il trionfo che si è concluso  nei primi anni del Novecento sullo stesso terreno (il “Druzhba narodov” l’amicizia tra i popoli, internazionalismo e la rivoluzione sociale), ma un nazionalismo russo arrogante e prepotente, potrebbe rafforzare il genuino orgoglio ucraino per una lotta di liberazione nazionale, ma molto dipende dal livello di caos da creare nella regione nei prossimi mesi.

– Un Maidan sociale in Ucraina orientale può discutere se l’economia ucraina è già in fallimento o sull’orlo del fallimento. In ogni caso, il loro stato è rovinosa. Il nuovo governo vuole attuare misure economiche drastiche in linea con ricette occidentali. Se è così, che distruggerà l’industria ucraina, concentrata nella parte orientale del paese e grande legame con la Russia (che era il motivo principale per respingere l’accordo Yanukovich “partenariato orientale” proposto a Bruxelles). Per quanto tempo può un governo che aumenta drasticamente le spese di alloggio, che taglia le sovvenzioni energetiche e deve tagliare i salari e le pensioni e non è sarà abbastanza  per sopravvivere oggi solo   mantenuto? Il livello di caos generato nei prossimi mesi dal kaganato di Kiev, con la sua ideologia nazionalista e dei suoi sponsor occidentali, se non hai fatto un “piano Marshall” per l’Europa meridionale, ancor meno lo farà per l’Ucraina, può essere notevole . Questo è dove si deve ri-ascoltare la conferenza stampa di Putin il 4 marzo, in cui ha detto che la Russia non vuole annettersi nulla se non necessario: “La Russia”, ha detto Putin, ” non rimarrà ai margini  se si comincia a perseguire la popolazione di lingua russa. ” Ma se questa scommessa si ritorce contro Putin, allora si deve pensare di una Mosca Maidan e sul palco dal 1905 evocato da queste pagine. L’intervento, Domenica scorsa, il magnate russo Mikhail Khodorkovsky, l’uomo che  l’Occidente vorrebbe  in  Russia, ha spiegato alla folla di Kiev che “esiste un altra Russia”, è molto sintomatico.

– . Smuta  L’Ucraina scivola verso quella parte del mondo conosciuta come “Smuta”. Si tratta di un concetto di storia russa che designa i “tempi turbolenti” (“smutnoye Vremya”) della fine del Seicento e gli inizi del XVI, ma molti autori fanno un uso più ampio del concetto e caratterizzato come “smuta” agli inizi del XX secolo e dalla rivoluzione del 1917 seguita dalla guerra civile (il “Krasnaya Smuta” Vladimir Buldakov, per esempio), ed è giornalisticamente anche il riferimento alla dissoluzione dell’URSS (1991), come “smuta” del secolo.

Antidoti: un rappresentante di tutte le regioni del paese, una dichiarazione di neutralità dell’Ucraina (stato finlandese) e il riconoscimento della sovranità dell’Ucraina e l’integrità territoriale a tutti gli effetti di Euroatlántici  e del governo russo. Purtroppo è improbabile che il kaganato occidentale di Kiev e gli sponsor irresponsabili che hanno portato le cose a questo punto, aprano apertamente a questo sbocco.

Perfino persone con caratteri peculiari come Henry Kissinger hanno avvertito che “qualsiasi tentativo di una parte di Ucraina di dominare l’altra a lungo termine, porta ad una guerra civile o una divisione. Trattare l’Ucraina come un capitolo del confronto  Est / Ovest, potrà distruggere per decenni  qualsiasi possibilità di integrare la Russia e l’Occidente, in particolare la Russia  in Europa,in  un sistema internazionale di cooperazione. ”

Traduzione: Luciano Lago

Fonte: La Vanguardia

*

code