"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il Governo Renzi-Boschi – al servizio dei banchieri- ha predisposto la legge che permette alle banche di prendersi le case senza pignoramento e aste

Riceviamo e pubblichiamo:

Lo abbiamo scritto settimane fa e ora la questione è diventata stringente.
Da una parte le banche, dall’altra i cittadini.

Mentre le cronache si arricchivano di particolari sullo scandalo di Banca Etruria & Partners ed i media “scoprivano”, i contratti capestro delle banche e l’inefficacia dei sistemi di vigilanza, in commissione Finanze alla Camera arrivava la bozza di decreto legislativo per recepire la direttiva Ue 17 del 2014 (Mortgage Credit Directive, cioè «direttiva sul credito ipotecario»).

Una legge da approvare entro il 21 marzo 2016. E’ una norma che, stando a quanto riportato da diversi siti e denunciato da alcuni parlamentari, permetterebbe alle banche di prendersi la casa senza precetto e pignoramento, saltando a piè pari tutte le fasi di un procedimento Giudiziario, nel caso in cui il consumatore salti delle rate del mutuo o finanziamento.

Intendiamoci: nessuno ama le estenuanti procedure esecutive o le famigerate aste, ma una cosa è fare leggi per opporsi all’uso strumentale del Tribunale o per rendere efficienti le procedure, altra cosa è fare leggi per TOGLIERE DIRITTI AI CITTADINI.

Molto spesso è stato solo in seno ad un procedimento giudiziario, ovvero con opposizioni fondate, che sono emerse nefandezze di ogni tipo in danno ai consumatori: costi occulti, tassi usurai, anatocismo, contratti capestro ed altre. Al punto che, in alcuni casi, si è scoperto che il presunto “debitore” aveva già pagato tutto il dovuto al presunto “creditore” ed il residuo era solo una sommatoria di costi occulti, penali e tassi illegittimi: Vedi: delittodiusura.it/b/risultati-raggiunti/sentenze

Una legge così, in Italia, rischia di essere molto pericolosa, ma i grandi giornali non ne parlano (tranne, appunto, pochi).

La norma prevede anche obblighi di trasparenza, informazioni al consumatore etc, ma a parte che molti di tali obblighi sarebbero già previsti – e sono semplicemente poco rispettati – come al solito la nuova bozza di legge non prevede sanzioni pecuniarie automatiche in caso di illecito da parte delle banche. Per punire le violazioni si limita a rinviare agli organi di…. vigilanza (Si! Proprio quelli che dovevano vigilare su banca Etruria & Partners).

Banche e banchieri
Banche e banchieri

Inoltre, nonostante la Corte di giustizia Europea con sentenza n 34/13 del 10/9/14 avesse già vietato la pignorabilità della prima casa in presenza di clausole vessatorie, non si tratta di un divieto automatico. Tanto per capirci: le banche procedono comunque e spetta all’esecutato far valere i propri diritti in sede di opposizione. Ma se viene “abolito” il ricorso al tribunale, quale sarà la sede ove far valere i propri diritti? Il tema è decisamente da approfondire, riguarda migliaia di famiglie. Il tempo stringe.

Le recenti news sono:

Qui Finanza: nuovo regalo alle banche

Banche, nuovo regalo del governo: strada spianata per esproprio case

Fermiamo la legge che permette alle banche di prendersi le case senza pignoramento e aste!

Entro il 21 marzo, il Parlamento italiano dovrà recepire una direttiva europea che consentirà alle banche di divenire proprietaria automaticamente di un immobile per cui non è stato pagato il mutuo.

La direttiva europea si chiama “Mortgage credit directive”, e consente agli istituti di credito di espropriare direttamente gli immobili senza dover passare prima attraverso il precetto, il pignoramento e l’asta giudiziaria.

E’ l’ennesimo regalo fatto dall’Europa alle banche, soprattutto alla luce delle difficoltà che hanno tantissime famiglie a tener fede ai pagamenti delle rate del mutuo in un periodo di crisi così profonda.

DECIBA, il Dipartimento Europeo di controllo sugli illeciti Bancari, che verifica quotidianamente come le banche commettano sistematicamente illeciti e reati, non ultimo lo scandalo delle quattro grandi banche che hanno “truccato al rialzo” i tassi Euribor ai danni di milioni di famiglie non solo italiane ma in tutta Europa, lancia un appello agli italiani,

PER CHIEDERE AL PARLAMENTO DI NON RECEPIRE LA DIRETTIVA “MORTGAGE CREDIT” E MANTENERE IN ESSERE IL DIVIETO DI PATTO COMMISSORIO.

Inoltre, nel dicembre 2013 l’Antitrust europea ha multato per 1,7 miliardi di euro quattro grandi banche, Barclays, Deutsche Bank, Royal Bank of Scotland e Société Générale, per un accordo di cartello finalizzato a manipolare l’Euribor. Da allora quella sentenza è secretata. (Tutte le informazioni qui)

DECIBA CHIEDE CHE SIA IMMEDIATAMENTE RESA PUBBLICA LA SENTENZA, AFFINCHE’ LE MIGLIAIA DI FAMIGLIE E IMPRENDITORI CHE HANNO PAGATO MAGGIORI INTERESSI SUI MUTUI A CAUSA DI QUESTA TRUFFA POSSANO ESSERE RISARCITE.

FIRMA E DIFFONDI LA PETIZIONE

Fonte: Deciba

*

code

  1. michel 11 mesi fa

    Ma un parlamento che sforna leggi contro i cittadini è da considerarsi ancora legittimo e democratico?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Idea3online 11 mesi fa

    Ed ecco spiegata la precedente proposta di legge:

    Abitazione principale, leasing: la disciplina dopo la Legge di Stabilità 2016
    http://www.altalex.com/documents/news/2016/01/15/abitazione-principale-leasing-legge-di-stabilita-2016

    Sinergia perfetta………gioco delle parti, se la cantano e se la suonano, causa ed effetto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Andrea Di Cesare 8 mesi fa

    Arroganza e insipienza. Pigrizia da funzionario stipendiato. Nulla più del dovuto, anche quando il “dovuto” rientra pienamente nell’”orario” di servizio.

    Salvo far valere quella sorta di “amnesia”, di scaltra “faccia da punto interrogativo”, che dovrebbe far sorgere il dubbio – in chi chiede – sulla saldezza della propria memoria storica. In altre parole: sono io a sbagliarmi? Non è che sono fuori dall’orario di sportello?

    E’ la stessa tecnica usata oggi dai politici: che, malgrado le registrazioni delle trasmissioni, smentiscono quanto hanno pubblicamente affermato, lo smentiscono con tale arroganza e insistenza, da far sorgere il dubbio allo spettatore di avere “udito male”.

    Siamo nei TEMPI ULTIMI; tempi in cui impera LA RAZZA DELL’UOMO SFUGGENTE.

    Siamo in banca. Sono in banca, nella mia cara banca.

    Sono in orario di servizio “consulenze”, disponibile al pomeriggio. Ho bisogno di una consulenza.

    La filiale è vuota. Solo funzionari che parlano tra di loro, arroccati dietro sguardi abbassati, che fanno finta di non vederti. Mi piazzo davanti a uno sportello. Sono in orario pomeridiano “consulenze”. Sempre sguardi abbassati. Ma nella periferia del loro campo visivo, la mia ombra ormai la notano da una quindicina di minuti. Dovranno alzare la faccia prima o poi, mi dico, almeno per sgranchire i muscoli del collo.

    , è il funzionario che, quando vado a “depositare”, mi dà del “Tu” e ha toni sempre molto amichevoli. Ma ora sono in orario “consulenze”, e forse anche “lamentele”.

    Eccolo qui, la Razza dell’Uomo Sfuggente si innervosisce quando si sente con le spalle al muro, e nega ogni evidenza, spudoratamente si rimangia quanto ha affermato:

    Si rimangia tutti i momenti di affabilità, cortesia, amichevolezza, auguri e sorrisi che mi aveva elargito in orario “versamenti”.

    Altro funzionario. Lo guardo. Mi guarda con un sorriso a dir poco scostante, seduto dietro un muro invisibile di ostilità.

    , dico.

    Gli dico il numero, lo so a memoria.

    Si innervosisce:

    Lui allarga le mani, fa un sorriso tirato, come da mal di pancia.

    Arreso: , ecc… ecc…

    So che, nonostante sia in orario “consulenze”, questa consulenza gli sta costando molta fatica, ed è un favore che mi elargisce.

    Amen.

    Andrea Di Cesare

    Rispondi Mi piace Non mi piace