"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il gioco geopolitico di Putin in Ucraina

Putin Binocolo

di Juan Aguilar

Dopo la sconfitta delle forze lanciate dai golpisti di Kiev, sostenute dalla NATO contro le milizie Novorrosia, un disastro militare che ha provocato gli accordi di Minsk, e dopo le elezioni nel Donbass, riconosciute dalla Russia e dai paesi che sostengono Mosca, è il momento di fare il punto della situazione di come il Cremlino ha gestito il pericoloso conflitto geopolitico provocato sui confini della Russia dalle stesse potenze atlantiste.

Pochi mesi fa, alcuni analisti hanno disegnato un possibile scenario incentrato su tre punti:
– gli USA cercherebbero di acutizzare la crisi in Ucraina, per indebolire la Russia, e portare sotto controllo l’intero mercato europeo prima che siano costretti a interrompere la stampa di dollari e prevenire il collasso della propria economia ;
– Il Cremlino cercherà di portare la crisi in Ucraina da una fase acuta ad una fase cronica, sapendo che arriverà l’inverno, con dei lenti negoziati con la prospettiva del crollo economico dell’Ucraina. Allo stesso tempo, il Cremlino userebbe quel tempo per creare condizioni adeguate nel caso si raggiungesse una fase di confronto acuto con gli Stati Uniti: L’abbandono del dollaro, l’alleanza con la Cina e l’Iran, la creazione dell’Unione Eurasiatica, ecc..

Finalizzazione completa della crisi nel mese di dicembre 2014 o prima se gli Stati Uniti cesseranno le loro provocazioni.
Questa previsione sembra molto simile alla realtà che vediamo oggi. L’Ucraina è vittima di un terribile triade: il freddo, la fame e l’inflazione, che finiranno per impoverire l’economia ucraina e distruggere quel che resta dello stato ucraino. Ora stiamo solo a guardare l’azione di questa triade.

Negli ultimi mesi, il Cremlino ha ottenuto le seguenti condizioni:
– L’Ucraina non entrerà NATO, cosa di cui i rappresentanti dell’Alleanza avevano parlato apertamente più di una volta;
– L’Ucraina non ha raggiunto i suoi obiettivi negli accordi di associazione con l’UE. L’Ucraina inoltre non ha ottenuto di abbandonare la CSI;
– La Russia ha interrotto la fornitura di gas gratuito all’Ucraina. Il recente accordo sul gas che Putin ha forzato Kiev e l’Unione europea mette tutti i puntini sulle i;
– Il genocidio della popolazione russa sud-est dell’Ucraina è stato evitato. Sì, si continua a sparare, ci sono ancora le vittime, ma rispetto a quello che avrebbe potuto essere (diventare la regione un campo di concentramento Filatov / Kolomoysky) il successo è stato evidente. Donetsk e Lugansk non sono cadute, e si lavora per mantenere adeguate condizioni di vita durante l’inverno,cosa che è impossibile nel resto del Paese;

– L’economia dell’Ucraina ha subito lesioni incompatibili con la vita normale del paese. L’obiettivo finale è che l’opinione degli abitanti del paese inizi a prendere coscienza che la cosa più importante è quella di sopravvivere, di alimentarsi e stare al caldo e non un delirio di grandezza su una Ucraina non esiste.

A livello macroeconomico:

– E’ stato firmato il contratto del secolo per il gas con la Cina e l’apertura della cosiddetta East Road, permettendo lo spostamento a lungo termine verso i mercati asiatici del gas che attualmente viene fornito per l’Europa
– E’ stato firmato il contratto per “il petrolio contro l’energia elettrica” ​​e “merci per il petrolio-” con l’Iran (che ha fatto riempire di rabbia assoluta i dirigenti di Washington). Inoltre, Mosca e Teheran hanno ottenuto successo nel vertice degli Stati del Caspio che prevede due importanti decisioni strategiche: nel Mar Caspio non ci saranno basi NATO, e il Mar Caspio è stato suddiviso, in modo che il Turkmenistan e il Kazakistan non potranno posare senza permesso dei russi e degli iraniani i tubi di gas in Azerbaigian per le esportazioni di gas verso l’Europa. Il presidente Rohani ha affossato il morale degli Yankees e tutto internet si è reso isterico, urlando che l’Iran si era piegato agli Stati Uniti per farsi levare le sanzioni . Il leader iraniano ha anche dichiarato che l’Iran non può sostituire la Russia nel mercato europeo del gas, anche se tutte le sanzioni fossero rimosse da domani.
– La Russia ha ottenuto di passare alla fase successiva di integrazione dello spazio eurasiatico, con la firma dei documenti della Unione economica eurasiatica ;
– Accelerare il processo di “de-dollarizzazione”. Petrolio contro Gas: Si è firmato un accordo di scambio tra rublo-yuan con la Banca centrale cinese con un contributo iniziale di 150 miliardi di yuan per poter iniziare ad eliminare il dollaro nel commercio reciproco, avendo iniziato con le partite di energia: petrolio e gas. . In Iran verrà creata una banca russo-iraniana, per il commercio normale tra le due economie, senza la necessità del dollaro come moneta per lo scambio finanziario;

Il ritiro degli investimenti dai paesi occidentali. Si tratta di una dichiarazione chiarificatrice del ministro Siluanov , a cui pochi hanno prestato attenzione, “smettiamo di investire in paesi che introducono sanzioni contro di noi. La riunificazione del nostro capitale sarà eseguita gradualmente”.

– Il presidente Putin ha firmato una legge che permette dal 1 ° gennaio di inviare i proventi del petrolio e del gas aggiuntivo al Fondo di riserva per coprire il deficit di bilancio. Ciò significa che le entrate supplementari, derivanti dal petrolio e il gas saranno disponibili per la pianificazione e l’esecuzione del bilancio. In precedenza le entrate extra da petrolio e gas erano destinate al Fondo monetario internazionale e da lì per gli Stati Uniti e per le obbligazioni europee per il finanziamento di mega progetti poi come la nuova Trans. Ora, nella fase di esecuzione del bilancio, il denaro verrà inviato direttamente al Tesoro. In realtà, si ottiene uno dei meccanismi della antica Unione russa per porre fine all’imposizione occidentale.

– La Banca Centrale ha aderito, infine, alla lotta contro la fuga di capitali. Gli oligarchi non potranno più di esportare i capitali dal paese attraverso le importazioni (il modo abituale e più efficace)come operazioni fittizie, e le banche commerciali non possono dare le licenze per il finanziamento di tali operazioni.

Inoltre, bisogna segnalare tre principali sviluppi della politica estera:
1. L’Unione europea non ha ancora firmato il Trattato per il commercio e gli investimenti di partenariato transatlantico (TTIP) -Il patto commerciale, che trasforma l’UE in appendice per l’economia americana. Nessuno mette in dubbio che i negoziati per il patto erano stati accelerati con l’ingresso dell’esercito della Federazione russa in Ucraina, che era stato un grande regalo per le pretese americane. Le sanzioni contro la Russia sono pregiudizievoli per le imprese europee, e l’abolizione delle barriere commerciali per gli Stati Uniti le danneggia. Era una situazione di cui avrebbero beneficiato solo gli Stati Uniti.
2. Stati Uniti non hanno separato l’Europa dal gas russo per patire il freddo in attesa di passare al gas americano. Al contrario, l’Europa ha cercato di risolvere il problema del transito ucraino e fino a quando il commissario Ettinger ha già riconosciuto che il prezzo del gas russo – $ 385 per 1000 м3 – è giusto.
3. Gli americani hanno fatto, però, un grande regalo ai russi. Dopo aver organizzato un Maidan (rivoluzione colorata) a Hong Kong, questa mossa ha definitivamente convinto la Cina della necessità di attivare con urgenza la cooperazione economica con la Russia.

Se qualcuno in questo contesto pensa che tutto va male per la Russia, che tutto è perduto, che “Putin è stato piegato e gli si è preparato un destino come quello di Milosevic”, o è cieco, o stupido, stipendiato per provocare. Non di più.
Ad un certo punto, tutti noi abbiamo avuto paura (chi scrive, anche). Sembrava che Minsk fosse un armistizio, che alcuni hanno visto con l’orrore come un tradimento per i russi del Donbass. Ma l’armistizio è questo: uno strumento per non far pagare alle milizie e risparmiare le vite dei civili per l’indebolimento dello Stato ucraino. Che il freddo, la fame e anche l’inflazione entrino nel combattimento. Almeno fino a primavera. Sì, lo abbiamo visto.
Ma dobbiamo essere consapevoli del fatto che migliaia di tonnellate di carburante, munizioni, armi, i volontari che andavano in “vacanza” e altre risorse necessarie per la guerra, la milizia le ha ricevuto dalla “società civile” russa o “acquistato con le donazioni” , che sono arrivate da qualche parte … L’ingresso delle colonne di materiale militare russo nei giorni precedenti alle elezioni nel Donbass sono stati la prova più eloquente (vedi: Gli aiuti umanitari e militari russi sono entrati di massa Novorrosia per proteggere le elezioni ed impedire a Kiev qualsiasi avventura militare ).

In effetti, è stata Mosca che ha deciso che una pausa nelle operazioni militari era necessaria, . Chi fornisce le risorse per la guerra, ha la conoscenza e il diritto di dirigere il processo.
C’era stato un altro argomento che ci incalzava gli impazienti. “Se non prendiamo adesso Kiev, in una Ucraina nazisionista lo Stato USA fornirà denaro, che creerà un esercito potente e moderno per attaccare Crimea e la Russia continentale.” I fautori di questa versione vedevano solo l’azione militare come l’unico modo per fermare questo scenario catastrofico. Sembrava essenziale far entrare l’esercito e prendere Kiev, l’Occidente avrebbe fatto altrimenti dell’Ucraina una potente ariete per la distruzione della Russia …
Ma sarebbe stato sufficiente fare alcune semplici domande a cui sicuramente l’intelligenza russa si sarebbe data una risposta: Perché l’Ucraina fino ad ora non ha ricevuto i 160.000.000.000 € per la ricostruzione della sua economia e per il riarmo dell’esercito, né la altrettanto deplorevole cifra di 17 miliardi che gli ha promesso il Fondo monetario internazionale? Ricordiamoci che l’Ucraina ha ricevuto solo due voci ridicole per un totale di 5 miliardi, per tirare avanti. L’ultima dichiarazione dell’UE è chiara al rispetto, e Bruxelles non darà a Kiev neppure i 2 miliardi di euro di cui si parlava in estate.
Molte volte pensiamo di vivere in un mondo magico dove gli Stati Uniti dispongono di una fonte infinita di denaro con la stampa dei dollari. La valuta di riserva del mondo è un’arma veramente terribile, ma anche questa è limitata nelle sue possibilità. Il dollaro non è possibile stamparlo all’infinito, neppure si possono avere all’infinito tassi di rifinanziamento pari a zero e non possibile riscattare all’ infinito i bonus di credito del debito pubblico degli Stati Uniti. Washington si è già avvicinato al limite delle sue possibilità: se butta ferocemente dollari freschi in riscatto dei suoi titolo, il NASDAQ crollerà e con esso, l’intero sistema delle pensioni e delle assicurazioni negli Stati Uniti, insieme al sistema di garanzie sociali che vive dei emissioni. Così Washington deve ridurre dollari iniettano nel sistema.

Il tempo corre a favore di Putin e contro gli americani e l’Occidente in generale. L’era della “stampa dei dollari” sta volgendo al termine. Gli americani dovranno disabilitare il meccanismo, allora saranno costretti ad aumentare i tassi di interesse per il rifinanziamento. Ciò significa che la magia della stampa di dollari è terminata. Ora l’America può mantenere la sua economia a galla solo mettendo al lavoro l “aspirapolvere”, vale a dire, orientando i flussi di capitale globale verso gli Stati Uniti. Ma come convincere i detentori di capitali a far acquistare obbligazioni di un paese con una economia che sta morendo? C’è solo un modo: provocare un panico totale che si diffonda in tutto il mondo, e che sembrino gli Stati Uniti l’unico luogo di rifugio . Da qui il desiderio di separare la UE dai suoi fornitori di energia Russi, imponendo sanzioni, incendiare tutto il possibile e in tutte le parti del mondo. Agli USA è necessaria la guerra, che il sangue sgorghi dagli schermi televisivi ed è necessario, a tutti i costi far vedere a tutti in tutto il mondo che è indispensabile correre (con i soldi) verso gli Stati Uniti. Fino ad ora, l’intrigo principale è se l’economia americana morirà in silenzio, o avrà il tempo prima di morire di scatenare una terza guerra mondiale …
E ora riflettiamo: chi ha beneficiato nell’immediato dal peggioramento della crisi in Ucraina?

Vi invito a riflettere alla seguente domanda: perché in Ucraina, fino ad ora, non c’è alcun materiale bellico di precisione americano? Perché il Donbass non è percorso dai moderni carri Leopard tedeschi? Perché Kiev ha ricevuto alcun aiuto reale, ovvero di alto valore militare?
Per due ragioni. In primo luogo, Vladimir Vladimirovich Putin. In secondo luogo, Sergey Lavrov. E per questi due motivi, sia per la diplomazia che per l’immagine di Putin, sono serviti a proteggere le milizie Novorossia dai bombardamenti di armi americane ad alta precisione.
Ricordate di una foto della riunione di Milano, alla presenza dei leader dell’Unione europea, con i rappresentanti russi ed il golpista Poroshenko . Trovate in questa fotografia di Milano, il presidente di un paese che riceverà rapidamente enormi quantità di denaro americano e un sacco di armi ad alta precisione, con cui strappare la Crimea alla Russia?

Poroshenko a Milano

In questa foto si vede una persona spaventata, alla quale si rivolge rudemente il presidente della compagnia energetica statale russo, Gazprom .
Ucraina sprofonderà, si rovinerà de andrà in decomposizione, e Mosca le fornirà aiuto per per non disturbare altri impegni geopolitici, come ad esempio evitare che l’Europa diventi un mercato aperto per gli interessi degli Stati Uniti. Quando gli ucraini sono sopraffatti dai problemi e non si aspetteranno alcun aiuto reale e dopo la crisi economica, il governo e l’apparato militare sarà definitivamente rovinato, allora sarà possibile affrontare la riformattazione politica di questo territorio.
La vita reale è simile ad una partita a scacchi, ma anche i migliori analisti non vedono l’intera tabella, e le figure possono cambiare colore ed avere interessi propri. Lo studio dei processi più complessi ci deve abituare a diffidare delle decisioni semplici ed emozionali.

Lo studio della complessità del mondo reale,dell’economia reale, della reale politica si deve fare evitando il gioco dalle emozioni e tirando fuori dalla manica semplici ricette: perdere peso in 15 minuti, imparare l’inglese in un ora, fare un milione in un giorno rigenerare l’impero russo e l’URSS da tre reggimenti di carri armati e due dozzine di fucilate . Per chi vuole sopravvivere e vincere la lotta geopolitica del XXI secolo deve imparare a capire le complessità e non guardare in modo semplice, ma deve fare scelte efficaci per i problemi difficili. In Russia hanno la fortuna di disporre di un insegnante che ha giocato su una grande scacchiera. Putin, il grande maestro della geopolitica.

Direttore de  El espiadigital.com

Fonte: El Espía Digital

Traduzione: Luciano Lago

 

 

 

 

 

*

code