"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il fallimento di Israele nel Sud della Siria

Le ulltime dichiarazioni di Israele che vorrebbero esprimere una opinione ottimista per causa di un cessate il fuoco, in realtà cercano di mascherare il fatto che l’entità sionista non ha ottenuto gli obiettivi che erano nei suoi programmi fin dagli anni precedenti, il primo dei quali era quello di realizzare una zona cuscinetto sul  limite delle Alture del Golan siriano occupate.

La zona controllata dai miliziani armati sul limite del Golan non oltrepassa i 10 Km, di profondità, da Beit Yan, ai piedi del Monte Hermon, fino alla città di Yann, fad di Rafid, nel sud di Quneitra.
Questa area include il minore numero di residenti della provincia di Quneitra. Da parte sua le città di Jan Arnaba e Al Baaz appoggiano lo Stato siriano e le Forze Armate siriane.

In questo senso Israele e i regimi dell’Arabia Saudita e del Qatar hanno fallito il loro obiettivo di suscitare il settarismo ed un sentimento contro il governo medianto l’invio di finanziamenti e aiuti logistici a piccole fazioni. La popolazione siriana continua ad essere ostile ad Israele e vede le Alture del Golan come territorio siriano, inclusi quelli che vivono sotto l’occupazione.

Persino nei sermoni delle moschee della zona, viene sensibilizzata la popolazione contro i tentativi  di Israele di creare una zona cuscinetto per poi annettersela, come ha cercato di fare negli anni ottanta nel Sud del Libano.

Il fallimento nel momento di creare un ambiente ostile al governo siriano, a cui bisogna aggiungere i rovesci militari dei terroristi alleati di Israele. Il Fronte Al Nusra ha cercato di lanciare un attacco contro la città di Al Baaz e prenderla sotto il suo controllo, in varie occasiuoni nelle ultime settimane, tuttavia i suoi tentativi sono andati a vuoto ed il gruppo ha perso almeno duecento miliziani negli attacchi.
In terzo luogo gli israeliani hanno fallito nel tentativo di eliminare la presenza iraniana in Siria, un obiettivo chiaramente ricercato da Israele. “L’attuale cessate il fuoco in Siria non cambierà grandi cose in questo paese che è sotto l’influenza accentuata di Teheran e delle milizie alleate di Damasco”, ha segnalato il giuornale israeliano Israel Hayom.

“L’instaurazione della tregua sulle Alture del Golan e la creazione di zone di sicurezza sorvegliate dai russi che mantengono l’Iran lontano dalle frontiere israeliane e giordane, sono conquiste provvisorie considerevoli ma sono soltanto “, ha consideratro il giornale.

Fonte: Al Manar

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code

  1. Max Tuanton 5 mesi fa

    L’ex premier olandese ha definito Nethaniau un criminale di guerra e si e’ rifiutato di strigergli LA mano,il rabbino Feldaman pure gli ha dato del criminale di guerra ,e I nostri politici vanno LA’ a trovare una persona del genere! Renzi Salvini,Berlusca ,ormai non esiste piu il senso dello schifo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. annibale55 5 mesi fa

      La cosa atroce è che quel criminale di guerra ha ottenuto democraticamente la maggioranza del voto dei cittadini israeliani. In pratica è come se fossero tutti dei criminali di guerra! Aggiungo anche sull’ articolo che questa guerra costa alla Siria la distruzione totale del paese, case, fabbriche, strade…tutto!!! nonchè l’ emigrazione del 50% del NOBILE popolo siriano + 500.000 morti!!! Cosa vorrebbero gli Israeliani con i loro alleati? Il Golan? Devono scordarsi il Golan e pagare per prima cosa i danni di guerra. Sono il popolo più ricco del mondo…caccino i soldi! poi per il futuro della sicurezza della Siria armi atomiche tattiche da subito!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tania 5 mesi fa

    Ci hanno sempre detto che il povero gattino Israele è armato perché deve difendersi dai cattivi islamici mastini cattivissimi che lo vogliono sbranare, qui mi sembra che la storia sia ben altra, cioè qui si parla di una super mega potenza ebraica che controlla tutto il denaro del pianeta, TUTTO, capace di un esercito colossale, quello USA ed europeo, che non è affatto odiata da tutto il mondo islamico dato riesce a sobillare islamici alla rivolta, e certo non odiano Israele…
    Così come non tutti gli indiani odiavano il governo americano che, senza i traditori indiani, starebbe ancora a cercarli…
    La storia è fin noiosa, conquistatori, predatori, e vittime.
    ISRAELE=IMPERIALISMO
    La smetta di fare il povero agnello, che ormai non ci credono nemmeno più quelli di Marte…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Max Tuanton 5 mesi fa

    Concordo con la Tania ,brava! Sapere e’ potere , adesso che sa diffonda il verbo cosi’ da svegliare il gregge che altrimenti e’ destinato al macello in guerre e invasioni ,quando un popolo viene invaso e’ nel sul pieno diritto difendersi o no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fabio 5 mesi fa

    Io sono nato negli anni 50 e ho visto e sentito tutti: reduci d’ogni tipo, e ciascuno aveva la sua verità da raccontarmi. Una cosa temo, e nasce dall’avere visto come uomini e nazioni spesso finiscano trascinati da forze che loro stessi hanno messo in moto. L’atomica temo che verrà usata, che alla fine la tentazione di usarla avrà seguito, che mai un’arma nella storia è stata lasciata a fare le ragnatele quando forniva l’idea di sopravanzare il nemico o di difendersi. E così sarà per l’atomica, quanto più va impallidendo il ricordo di Hiroshima e più sale la brama di prevalere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 5 mesi fa

      Anche tu ora ci stai dicendo la tua verità, che potrebbe essere non veritiera come tutte le altre, ma guarda il caso a questa verità che dici io ci credo, è molto plausibile succeda quello che hai scritto, perché qualunque cosa prodotta da un capitalista è stata fatta perché deve rendere profitto e potere, deve rendere la garanzia che ogni guadagno deve superare il precedente, follia pura… paura folle della morte da esorcizzare, poveri pazzi… e droga e armi sono merce di profitto di prima qualità per fare profitto, gli Stati potrebbero perfino per assurdo smettere di produrre droga e armi, ma uno stato a gestione capitalistica non potrà mai, mai, mai, mai, fare cose che non rendono profitto, succedesse, allora vorrebbe dire che è come il PD che non è quello che dice di essere, elementare Watson.
      A me piace Internet perché imparo tante cose velocemente, in fondo voi siete Internet, no?
      Un ultima cosa, se uno stato a gestione capitalistica viene anche la paturnia di governare tutto il mondo, come agirebbe? Semplice, la cuspide del capitalisti si appropria del denaro, unica merce di scambio oltre la prostituzione, si inventa un paese dove fare pianta stabile, farne la sua base operativa, e sceglie quello più debole, non può farlo in Europa dove la cultura è radicata da millenni, meglio uno stato vergine in tutto, come gli USA, Marte era un po troppo scomodo, e da lì inizia con la collaborazione dei traditori che ogni paese ha i suoi, piaga mondiale, c’è poco da fare, non c’è paese al mondo che non abbia traditori, noi ad esempio in questo abbiamo il podio più alto, la medaglia d’oro, fa della sua base d’appoggio una sorta di mito, bugiardo quanto loro, ovvio, che altro, ma la gente è attratta dalle luci e dai rumori, si sa, e piano piano penetra dove nessuno avrebbe mai pensato potesse penetrare, arrivati a quello che ritengono un momento buono, favorevole, finalmente questa oscena, perfida, criminale, cancro dell’umanità, cuspide cosca mafiosa, può perfino prendersi, quale palese dimostrazione della sua forza, un pezzo di terra a doppio scopo simbolico, la Palestina, dove gli ebrei non hanno mai nel corso dell’intera storia di quella terra abitato da soli ma sempre con altre genti, alla fine dei conti sono la popolazione che ci ha abitato di meno, e quindi prenderla è un atto di potere troppo forte, una dichiarazione ufficiale del proprio potere al mondo… e in più penetra dove mai in altro modo avrebbe potuto penetrare, mette 4 alberi per fare ombra per i cretini che diranno “accidenti che bravi sti ebrei, che cialtroni gli arabi che non lo sanno fare o non lo vogliono fare”…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Max Tuanton 5 mesi fa

    Non bisogna mai credere a nessun blog ,diffidare di tutte le teorie giuste o sbagliate ,bisogna solo credere a una cosa : I Nomi ai nomi non c’e’ Madonna che tenga e quando si ha un Nome si fa lo sforzo di guardare su wikipedia e da li si comprende chi c’e’ dietro a tutto Esempio digitate : borsa italiana. Chi e’ il boss? Mah !! e’ cosi ovunque ,lasciano LA traccia il marchio ovunque sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mario Rossi 5 mesi fa

    E si che di sicuro questo popolo piccolo e praticamente insignificante ha cercato di mettere sotto un mondo intero. Il problema è che ci sono cose che non si possono comprare!! La cultura millenaria non si può comprare e non si può tantomeno cancellare e quando questa cultura è propria di un polpolo che conta miliardi di individui ordinati e coscienti di essere parte di un tutto allora il gioco diventa impossibile.
    Si può anche provare a sbattere e a strillare, ad agitare beduini nel deserto e a creare finti miti terroristici, ma quando vuoi sollevare un monolite con uno stecchino da denti alla prova dei fatti il risultato è scontato. Oramai il mondo ha cambiato radicalmente rotta e questi piccoli capitalisti, come si definiscono loro , non hanno ancora capito che possono comprarsi tutto ma non quella coscienza e quella identità e alla fine dovranno farci affari. Solo che stavolta ci dovranno giocare alla pari e le mosse scorrette non saranno consentite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace