"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il Debito conveniente

Non paghiamo il debito

di Paolo Cardenà

Che l’Italia riduca il debito non conviene a nessuno.
Pagare 85 miliardi di euro di interessi all’anno (con proiezioni in crescita) è un ottimo affare per chi ha soldi da investire, molti soldi. E quindi l’Italia, per loro, è un ottimo business.

Chi sono loro? Sono le banche italiane che detengono poco meno di un quarto del flottante dei titoli di stato. Sono le banche d’oltre confine, i fondi pensione italiani e esteri, i fondi comuni. Ai risparmiatori italiani, che detengono poco meno di 200 miliardi di euro, nella migliore delle ipotesi, vanno interessi marginali rispetto al totale della spesa sostenuta.


Tutti urlano che occorrerebbe diminuire il debito pubblico al fine di abbattere la spesa per interessi. Ma il debito, più è ampio, più aumenta l’affare.

Per prima cosa, più debito significa più interessi da incassare (e da pagare, per chi li paga). In secondo luogo, quanto più grande è il debito, tanto più ampia è la forma di ricatto che possono esercitare gli investitore che, minacciando di mandare deserte le aste di collocamento, possono veicolare le scelte di politica economica dei governi.
C’è poi da considerare il fattore rischio. A quanto pare inesistente (almeno apparentemente), per chi compra il debito italiano. Altrimenti non si spiegherebbero le ragioni per le quali l’Italia riesca a collocare debito pubblico con i tassi ai minimi storici, nonostante l’evidente distruzione economica intervenuta in questi anni di crisi che, in condizioni di normalità, avrebbe dovuto incidere significativamente anche sulla capacità di collocare debito da parte dell’Italia, oggi assai più vulnerabile rispetto a quanto lo fosse qualche anno fa.

Il motivo è semplicissimo da comprendere: l’Italia è ricca. E il risparmio degli italiani è la migliore garanzia posta a tutela delle regioni dei creditori.
E’ sufficiente disporre di governi “compiacenti”, e il gioco é fatto. Che piaccia o meno, loro (i governi) grazie all’autorità conferitagli da quelle regole che loro stessi usano chiamare leggi, possono imporre tasse, confische, espropri di ogni genere e sorta e ripagare i creditori. In questo modo, il risparmiatore sarà stato derubato e il creditore soddisfatto.

Proprio ieri, sulla stampa nazionale, si è letto di una proposta avanzata dal Fondo Monetario Internazionale, secondo la quale gli Stati fortemente indebitati (leggasi anche Italia) dovrebbero sospendere il pagamento degli interessi sui titoli di stato, in caso di aiuti da parte del FMI stesso. E’ una proposta che fa letteralmente sorridere, solo per usare un eufemismo. E ciò per diverse ragioni.

In primo luogo, come dicevamo, andrebbe ricordato che il pagamento degli interessi, in un certo qual modo, costituisce anche una forma di sussidio statale alle banche, che trovano conveniente investire in titoli di stato (apparentemente privi di rischio), anziché assumersi il rischio di dover finanziare imprese che operano in un contesto di crisi, che potrebbe portare ad aggravare le condizioni già precarie di un numero non del tutto indifferente di banche alle prese con elevatissimi volumi di sofferenze. In questo senso, incassare cospicue cedole è una componente (quasi essenziale) dei ricavi delle banche, che consente di mitigare l’impatto delle perdite che emergono per via dell’esplosione delle sofferenze.

Quindi, sospendere il pagamento delle cedole, rischierebbe anche di produrre uno shock sul segmento più fragile del comparto bancario che, a quel punto, vedrebbe scomparire una componente di reddito essenziale per mitigare le perdite.

In secondo luogo andrebbe anche ricordato che l’Italia, nonostante un robusto avanza primario, ogni anno si trova a dover rinnovare mediamente 350/370 miliardi di titoli di stato in scadenza, oltre che finanziare il deficit di bilancio. Chi mai acquisterebbe i bond pubblici di uno stato che non onora il debito? Chi lo facesse, pretenderebbe interessi di gran lunga maggiori a quelli odierni, annullando quasi subito i benefici derivanti dalla sospensione del pagamento delle cedole e facendo nuovamente aumentare il costo del debito in pochi anni. Senza poi trascurare il fatto che, per arrivare ad una soluzione del genere, andrebbero anche contrastate le resistenze di quei paesi che hanno (più o meno direttamente) un forte interesse a mantenere l’Italia schiava del suo debito.
Il debito italiano è un ottimo affare per tutti, insomma. Tranne che per gli italiani.

Fonte: Vincitori e vinti

*

code