"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il “collaborazionista” Van Der Bellen, propone alle austriache di portare il velo per combattere l’islamofobia. L’Occidente sempre al fianco dei F.lli Mussulmani

In reazione alla recente legge che vieta il burqa (velo integrale), il presidente austriaco Alexander Van der Bellen, qualche giorno fa, ha espresso l’augurio “che tutte le donne austriache manifestino contro l’islamofobia indossando, in un determinato giorno, il velo islamico, per soliarietà con le donne mussulmane”.

Questo ha detto Van der Bellen durante una discussione con un gruppo di studenti organizzata presso la rappresentanza delle istituzione europee a Vienna. La frase risale al 24 marzo, ma è diventata solo ora oggetto di dibattito, dopo che la tv pubblica Orf l’ha trasmessa all’interno di un servizio sui primi 100 giorni del nuovo capo dello Stato.
Il leader del partito populista della Fpoe, Heinz-Christian Strache, si è detto “esterrefatto” e ha chiesto delle pubbliche scuse. E la polemica si è estesa anche alla Germania.

Le critiche hanno sommerso der Bellen ad alcuni commentatori hanno stigmatizzato che, al contrario di quanto crede il presidente Van der Bellen, il velo non appartiene alla tradizione dell’islam delle origini: nessuna donna del Profeta lo portava. La consuetudine del velo è nata a Bagdad nel secolo VIII, con i califfi abbasidi. Con il tempo è stata progressivamente assorbita da diverse scuole di giurisprudenza.

Alexander Van der Bellen proviene dal gruppo di politici ecologisti, nato a metà degli anni ’90 attorno al tedesco Joseph Fischer, che diede il proprio sostegno all’intervento illegale della NATO in Jugoslavia, a fianco della minoranza mussulmana.

A partire dalla seconda guerra mondiale, i Fratelli Mussulmani hanno fatto del velo islamico imposto alle donne il simbolo del progetto politico che vogliono imporre nelle società mussulmane. Questo significa che l’indossare il velo non è un precetto religioso in senso proprio, bensì una scelta politica. In Egitto, negli anni ’60, il presidente Nasser, sostenitore di un socialismo nazionale,  volle imporre il divieto del velo alle donne, mettendosi contro tutto lo schieramento radicale islamico. Nasser fu fortemente osteggiato dai governi occidentali ma aveva una fortissima popolarità fra gli egiziani di tutte le estrazioni sociali.

F.lli Mussulmani filo USA

Il presidente austriaco non è il primo e non sarà l’ultimo dei politici occidentali a svolgere il ruolo di collaborazionista con le fazioni radicali islamiche. Guarda caso esiste una lunga tradizione in questo senso.
Da notare per inciso che la setta dei Fratelli Mussulmani, in Egitto come in Siria, è stata nettamente appoggiata dagli USA e dalla Gran Bretagna da molti anni e questo risulta anche da indagini svolte e da un articolo del 2007 del New Yorker, intitolato “The Redirection” di Seymour Hersh, secondo cui la Fratellanza era direttamente sostenuta da Stati Uniti e Israele, che stavano incanalando aiuti attraverso i sauditi, in modo da non compromettere la “credibilità” del cosiddetto movimento “islamico”. Hersh ha rivelato che i membri della cricca libanese di Saad Hariri, allora guidata da Fouad Siniora, era stata l’intermediaria tra gli strateghi statunitensi e la Fratellanza musulmana siriana.

Hersh aveva riferito che la fazione libanese di Hariri aveva incontrato Dick Cheney a Washington e gli aveva riferito personalmente dell’importanza di utilizzare i Fratelli musulmani siriani in ogni mossa contro il governo in carica:
“[Walid] Jumblatt poi mi ha detto che aveva incontrato il vicepresidente Cheney a Washington, lo scorso autunno, per discutere, tra l’altro, della possibilità di minare Assad. Lui e i suoi colleghi avevano consigliato Cheney che, se gli Stati Uniti tentavano di agire contro la Siria, i membri della Fratellanza musulmana siriana sarebbero stati “quelli con cui parlare”, aveva detto Jumblatt.”- The Redirection, Seymour Hersh

Velo islamico e costumi tradizionali

L’articolo avrebbe continuato spiegando come già nel 2007, il sostegno da Stati Uniti e Arabia aveva cominciato a dare benefici alla Confraternita:
“Ci sono prove che la strategia di reindirizzamento dell’Amministrazione ha già dato dei frutti alla Fratellanza. Il Fronte di Salvezza Nazionale siriano è una coalizione di gruppi di opposizione, i cui principali soci sono una fazione guidata da Abdul Halim Khaddam, ex vicepresidente siriano che disertò nel 2005, e la Fratellanza. Un ex alto ufficiale della CIA mi ha detto: “Gli americani hanno fornito sostegno politico e finanziario”……..Vedi: I Fratelli mussulmani d’Egitto, fantoci dell’occidente, invocano la guerra in Siria.

Niente di nuovo quindi, un altro politico occidentale della sinistra mondialista che si inchina all’islamizzazione delle società europee.

 

Luciano Lago

*

code

  1. PieroValleregia 3 settimane fa

    … la mamma dei badoglio è sempre incinta …
    saluti e buon sabato sera a tutti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Animaligebbia 3 settimane fa

    Se non ci sono stati brogli sono proprio fessi gli austriaci.Li facevo piu’ intelligenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. la tv è gestita su scala planetaria, quindi, il cretinismo dilagante non è solo una peculiarità Italiana
      elementare, Watson
      U_U

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alby 3 settimane fa

        Specie se è cretinismo dilagante di stampo gesuita.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Citodacal 3 settimane fa

    Che colossale idiozia! Per essere solidale con chi abbia perduto una mano sotto la pressa dovrei amputarmi un’estremità per un giorno? Invero è la solita retorica, questa davvero populista, per assimilare le diversità nel modo il più superficiale e dozzinale possibile.
    In merito alle donne nell’Islam poi, vale citare l’esempio, di certo poco frequente ma significativo, di Rābi‘a al-‘Adawiyya di Bassora, tuttora ricordata come santa presso le confraternite sufi; durante la sua vita, benché si dice fosse stata in precedenza suonatrice di flauto e schiava, ovvero condizione riprovevole, e scelse di non prendere mai marito, circostanza anch’essa poco gradita nella comunità islamica ortodossa, veniva egualmente visitata e consultata da saggi e dotti per avere delucidazioni e chiarimenti sulla vita spirituale. Condusse vita povera e appartata, dedicata alla contemplazione divina, al punto che ‘Aṭṭār la definisce “…gradita agli uomini come una seconda Maria, pura di purezza cristallina”. Hasan al-Basri lasciò detto: “Restai un giorno e una notte presso Rabi’a, conversando con tale ardore sul cammino spirituale e sui misteri del Verace, che dimenticammo che io ero un uomo e lei una donna. Quando terminammo questa discussione sentii che io non ero che un povero e che lei, invece, era ricca di purezza.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Silvia 3 settimane fa

    Proporrei che tutte le donne cristiane indossino SEMPRE il velo islamico (che non c’entra niente con I nostri veli), almeno quando usciranno dai ghetti, dove i cristiani europei saranno confinati quando gli islamici prenderanno il potere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giorgio 3 settimane fa

    Alexander Van der Bellen dovrebbe essere processato per alto tradimento.

    @ Animaligebbia, dovrebbe farsi un giro per l’Austria prima di esporsi in apprezzamenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo 3 settimane fa

      Buttarlo dentro un tritarifiuti, credo sia la soluzione piu’ appropriata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mardunolbo 3 settimane fa

    Un altro essere meritevole di essere infilato da islamici, tipo “marocchini in Italia” ma forse…gli piacerebbe ,dato il soggetto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. maboba 3 settimane fa

    Secondo me un altro politico europeo sensibile al fiume carsico di petrodollari che arriva in Occidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. emilio 3 settimane fa

    E questi ubriaconi continuano a prendere voti!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace