"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

I Sauditi hanno già perso la guerra del petrolio

di F. William Engdahl *

“Poveri” sovrani dell’ Arabia Saudita. Non si rendono conto ancora, ma hanno perso la guerra del petrolio. La guerra nella sua fase attuale è iniziata nel settembre 2014, quando, l’agonizzante re Abdullah e il suo ministro del Petrolio, Ali Al-Naimi, chiesero al segretario di Stato Usa, John Kerry, che si sarebbero di buon grado uniti a Washington nel far crollare i prezzi mondiali del petrolio. E’ diventato chiaro che il principale motivo saudita era quello di eliminare la nuova sfida crescente per il loro controllo dei mercati mondiali del petrolio, costringendo a prezzi così bassi che l’industria del petrolio di scisto statunitense sarebbe presto dovuta andare in fallimento. Per Kerry e per Washington il motivo principale , ovviamente, è stato quello di paralizzare economicamente Russia (e l’Iran) sulla scia delle nuove sanzioni americane danneggiando le loro entrate da esportazione di petrolio. Non hanno raggiunto il loro scopo.

Ora, però, è chiaro che l‘Arabia Saudita, che insieme con la Russia è il più grande produttore di petrolio al mondo, sta andando giù verso una strada buia che porta alla rovina. Washington sembra più che felice di incoraggiarli.
La strategia di lungo termine di Washington, almeno dal 1992, ben prima dell’11 settembre 2001 e la dichiarazione della sua guerra al terrore di Washington, è stata, con le buone o con le cattive, con le rivoluzioni colorate o direttamente a mezzo invasione con gli Stati Uniti in operazioni di terra, per avere “militarmente il controllo a titolo definitivo delle vaste riserve del petrolio dei principali paesi petroliferi arabi dell’OPEC. Si tratta di un consenso istituzionale di lunga data, a prescindere da chi è Presidente.

Cheney: ‘il premio per le Bugie definitive’

Per apprezzare la pianificazione strategica a lungo termine dietro le attuali guerre caotiche per il Medio Oriente non c’è persona migliore da guardare che Dick Cheney e le sue dichiarazioni come amministratore delegato della più grande società di servizi petroliferi in tutto il mondo. Nel 1998, quattro anni dopo essere diventato capo della Halliburton, Cheney ha tenuto un discorso a un gruppo di petrolieri del Texas. Cheney dichiarò, nel corso della riunione annuale della Panhandle della “Owners Association” dei produttori e proprietari delle Royalty, in riferimento al fatto di trovare il petrolio all’estero, “Bisogna andare dove c’è il petrolio . Non credo molto a questo proposito [volatilità politica] se molto alta . ”

Durante i suoi primi cinque anni come amministratore delegato della Halliburton, Cheney fece passare la società dal fatturato annuo di $ 5.7 miliardi a $ 14,9 miliardi entro il 1999. La Halliburton, nelle operazioni di giacimenti petroliferi stranieri è passata dal 51% a quasi il 70% dei ricavi in quel momento . Dick Cheney verificò in modo chiaro il quadro globale del petrolio allora più di altri.

Nel settembre 1999 Cheney ha pronunciato un discorso alla riunione annuale di un gruppo elitario di petrolieri internazionali a Londra. Una sezione del discorso vale la pena di citarla per esteso:

“Secondo alcune stime ci sarà una media di due per cento di crescita annua della domanda globale di petrolio nel corso degli anni a venire insieme a presuntivamente un declino naturale del tre per cento della produzione dalle riserve esistenti. Ciò significa che entro il 2010 avremo bisogno sull’ordine di ulteriori cinquanta milioni di barili al giorno”. Allora, da dove andrà ad arrivare il petrolio ?

I governi e le compagnie petrolifere nazionali ovviamente controllano circa il novanta per cento del patrimonio. Il petrolio rimane fondamentalmente un business di governo. Mentre molte regioni del mondo offrono grandi opportunità di petrolio, il Medio Oriente, con i due terzi del petrolio mondiale ed il più basso costo, è ancora la zona in cui in ultima analisi, si trova il premio, anche se le società sono in ansia per un maggiore accesso lì, i progressi continuano ad essere lenti . ”

Il PNAC Warplan

Ora seguiamo la palla chiamata Dick Cheney che rimbalza a volte un po ‘più. Nel settembre 2000 Cheney ha firmato a suo nome prima della sua selezione come vice presidente di rodaggio come compagno di George W. Bush, a un rapporto di think-tank insolito che è diventato de facto il modello militare degli Stati Uniti e la presente politica estera . Un altro firmatario di tale rapporto era Don Rumsfeld, che sarebbe diventato il Segretario alla Difesa sotto la presidenza Cheney-Bush (l’ordine riflette la realtà-ci)

Il think-tank, Progetto per un Nuovo Secolo Americano (PNAC), è stato finanziato dal complesso militare-industriale degli Stati Uniti, sostenuta da un branco di altri neo-conservatori di Washington riuniti nel think tank conosciuto come la RAND. La scheda del PNAC comprendeva anche il neoconservatore Paul Wolfowitz, quello che in seguito divenne Vice Segretario della Difesa Rumsfeld; ‘Scooter Libby,’ in seguito capo del personale del vice presidente Cheney. E ‘incluso il marito di Victoria Nuland, Robert Kagan. (In particolare Victoria Nuland se stessa ha continuato nel 2001 a diventare principale consigliere di politica estera di Cheney). E ‘incluso Cheney-Bush ambasciatore degli Stati Uniti per l’Afghanistan occupato e l’Iraq, Zalmay Khalilzad, e lo sfortunato candidato presidenziale Jeb Bush .

Il rapporto del PNAC di Cheney esplicitamente aveva invitato il futuro presidente degli Stati Uniti a rimuovere Saddam Hussein in Iraq e prendere militarmente il controllo del Medio Oriente un anno intero prima del 911, l’asse Cheney-Bush ha dato la scusa di cui Cheney aveva bisogno per invadere l’Iraq.

Nel rapporto PNAC si afferma che le sue raccomandazioni sono basate sulla relazione del 1992 dell’allora Segretario della Difesa, Dick Cheney: “In termini generali, abbiamo visto il progetto sulla base di come costruire sulla strategia di difesa delineata dal Dipartimento di Difesa di Cheney negli ultimi giorni di l’amministrazione Bush. La direzone della Policy Guidance (DPG) redatta nei primi mesi del 1992 ha fornito un progetto per il mantenimento della preminenza degli USA, precludendo l’ascesa di una grande potenza rivale, e modellare l’ordine della sicurezza internazionale in linea con i principi e gli interessi gli americani . ”
Nel momento in cui l’Iran come un presunta “minaccia” nucleare non c’era nemmeno sulla mappa, il PNAC sosteneva la Ballistic Missile Defense: “sviluppare e implementare difese missilistiche globali per difendere il territorio americano e gli alleati americani, e di fornire una base sicura per il potere degli Stati Uniti da proiettare in tutto il mondo . (enfasi aggiunta)

Nel rapporto dei compari di Cheney inoltre si era osservato che, “Il lavoro dei militari durante la Guerra Fredda era di dissuadere l’espansionismo sovietico. Oggi il suo compito è quello di garantire e ampliare le “zone di pace democratica; (Sic) “per scoraggiare la nascita di una nuova grande potenza concorrente ; difendere regioni chiave di Europa, Asia orientale e il Medio Oriente; e per preservare la preminenza americana … ”

Il documento del PNAC di Cheney del 2000 continuava: “Gli Stati Uniti hanno per decenni hanno cercato di svolgere un ruolo più permanente nel Golfo per la sicurezza regionale. Mentre il conflitto irrisolto con l’Iraq fornisce la giustificazione immediata, la necessità di una sostanziale presenza americana nel Golfo trascende la questione del regime di Saddam Hussein. ”

La citazione vale la pena di leggerla almeno due volte.

Un anno dopo il rapporto del PNAC era stato emesso, allora il generale Wesley Clark, non un pacifista per essere sicuri che, in un discorso del marzo 2007 davanti al Commonwealth Club of California a San Francisco, parlò di una discussione al Pentagono che aveva avuto luogo dopo gli attacchi del 11 settembre 2001, presso il World Trade center e al Pentagono con qualcuno che conosceva nell’ufficio del segretario alla Difesa Rumsfeld.

Dieci giorni dopo gli attacchi 911, Clark fu informato dall’ex socio del Pentagono, un generale, che il Pentagono prevedeva di invadere l’Iraq. Questo avvenne quando Osama bin Laden, un nemico acerrimo della laica baathista socialista, repubblica di Saddam, era stato accusato di attacchi terroristici, e non c’era con l’11.9 un collegamento con il governo iracheno. Clark raccontò la sua conversazione di quel giorno con il generale:

“Abbiamo preso la decisione che andremo a guerra con l’Iraq.” Questo è stato il o intorno al 20 settembre. Ho detto: “Stiamo andando in guerra con l’Iraq? Perché? “Disse:” Non lo so. “Ha detto,” Credo che non sanno che altro fare. “Così ho detto:” Beh, hanno trovato alcune informazioni di un collegamento di Saddam con al-Qaeda? “Ha detto,” No, no. “, dice,” non c’è niente di nuovo in questo modo. Hanno appena preso la decisione di andare in guerra con l’Iraq “.

“Sono tornato a vederlo un paio di settimane più tardi, e da quel momento stavamo bombardando in Afghanistan. Ho detto, “stiamo ancora andando in guerra con l’Iraq?” E lui mi ha detto: “Oh, è peggio di così.” Si allungò sulla sua scrivania. Prese un pezzo di carta. E lui disse: “Ho appena ricevuto questo giù dal piano di sopra” – cioè dalla Segreteria della Difesa – “. Oggi” Ed egli disse: “Questo è una nota che descrive come stiamo andando a conquistare sette paesi in cinque anni, a partire con l’Iraq, e poi la Siria, il Libano, la Libia, la Somalia, il Sudan e ha concluso con l’Iran “.

Queste erano tutte le guerre, o i tentativi di guerre degli Stati Uniti per il controllo militare delle regioni petrolifere più abbondanti e comprovate del mondo, ciò che Cheney nel 1999 ha descritto come, “in cui il premio in ultima analisi, si trova.”

Da quel momento, il Dipartimento di Stato e un gran numero di ONG collegate con il governo come la National Endowment for Democracy, Freedom House, Soros Open Society Foundations e altre, insieme con la CIA, hanno lanciato una serie di primavere arabe orchestrate dagli Stati Uniti (  “lead from behind”,   comandare da dietro “è lo slogan corrente) di” “colpi di regime democratico in tutto il Medio Oriente, compresa la guerra di Hillary Clinton contro Gheddafi in Libia, contro Bashar al Assad e la Siria, ricca di gas e di petrolio, in Iraq ancora una volta, l’Egitto e la altri stati con riserve di petrolio o di gas del Medio Oriente, tra cui una fallita Rivoluzione di Colore del 2009 , la cosiddetta “rivoluzione verde” in Iran.

L’Agenda degli Stati Uniti in Medio Oriente

Il programma di Washington, del Pentagono e del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti oggi in Medio Oriente non ha variato un po’ rispetto a quello descritto dal generale Clark circa le sue  conversazioni al Pentagono del  20 settembre 2001 . Si è  ampliato, ma l’obiettivo è lo stesso: il pieno controllo militare degli Stati Uniti del cuore dei flussi mondiali di petrolio, il Golfo Persico e più in là. Come  lo stesso Henry Kissinger  è sospettato di aver detto durante il primo shock petrolifero degli anni 1970 (che è stato determinante nel fare accadere), “Se controlli il petrolio, è possibile controllare intere nazioni o gruppi di nazioni”.

Qui veniamo all’accordo del settembre 2014 di  Kerry-Abdullah . Washington ha in ultima analisi, mantiene il suo occhio di  controllo sulla monarchia saudita e sulle sue vaste riserve di petrolio, insieme a quellie  del Kuwait e degli altri paesi  Consiglio di cooperazione del Golfo  “alleati” degli Stati Uniti .   La Gran Bretagna, che Charles de Gaulle aveva denominato “perfida Albione”, non è l’unica perfida potenza mondiale.

Dopo grandi sorprese avutesi  nella loro strategia del 2014 di voler affossare i proventi del petrolio della Russia con l’aiuto saudita, quando la propria  industria degli scisti bituminosi ha cominciato ad affrontare i maggiori fallimenti aziendali, Washington è stata costretta a rifare i calcoli. Quando la Russia ha fatto il suo ingresso a sorpresa in Siria su invito del suo presidente legittimamente eletto, Assad, il 30 settembre 2015, Washington è stato costretto ancora una volta a rifare i suoi calcoli.  Ora il nuovo piano sembra essere quello di dare l’Arabia Saudita “abbastanza corda per impiccarsi” come il boia sovietico Lenin , era solito dire .

Quando il principe Salman, di fatto il re saudita , ha licenziato  Abdullah,  l’architetto della strategia petrolifera   per distruggere lo scisto e riconquistare l’egemonia mondiale del  petrolio all’inizio di quest’anno e lo ha sostituito dal presidente di Aramco, Khalid Al-Falih, qualcuno ha detto che questo fosse in conformità con i 31 anni, una strategia erratica del principe Salman, Khalid ha subito annunciato la non esistenza di alcun piano per modificare il prezzo basso e la  strategia  alta produzione del Regno, al fine di affossare  i rivali dello scisto negli Stati Uniti. Che, nonostante le  prove  del mercato mondiale del petrolio, avevano subito profondi cambiamenti dal 2014.

Sembra, tuttavia, che i produttori di scisto degli Stati Uniti siano di gran lunga più resistenti di quanto l’astuto principe Salman ha calcolato. Il 26 aprile, in una testimonianza Audizione  davanti al Comitato  Energia e Risorse Naturali  del Senato degli Stati Uniti ” per esaminare le sfide e le opportunità per lo sviluppo di petrolio e gas in diversi ambienti di prezzo,” Suzanne Minter, Dirigente, Oil and Gas Consulting presso Analytics Platts ha ‘presentato i dettagli piuttosto interessanti che aiutano a spiegare perché il volume di olio di scisto degli Stati Uniti non è ancora crollato, nonostante un calo dei prezzi mondiali del petrolio da circa 103 $ al barile nel mese di settembre 2014 per una gamma di $ 40-50 al barile di oggi. La maggior parte dei progetti di scisto dovevano essere andati sotto i prezzi inferiori a $ 65 o giù di lì.

Nella sua testimonianza, Minter ha descritto i cambiamenti tecnologici straordinari che  hanno permesso ai produttori di petrolio di scisto di sopravvivere più a lungo. Ha notato che dal 2012 la produzione di petrolio degli Stati Uniti è cresciuta  del 57% rispetto a 6,1 milioni di barili al giorno (MMB / D) a un picco di 9,7 MMB / d nel mese di aprile del 2015 . Quasi tutto  era dovuto alla nuova produzione di petrolio di scisto. Questo è 3,6 milioni di barili di olio di scisto US al giorno, un enorme volume per il mercato mondiale del petrolio, tra cui l’Arabia Saudita, da affrontare.

Minter ha descritto gli effetti degli enormi miglioramenti tecnologici che utilizzano nella regione del  Texas Eagle Ford, un  bacino di estrazione  scisto  come un esempio: “rappresenta attualmente l’Aquila Ford per il 13% della produzione di greggio degli Stati Uniti. Nel mese di ottobre 2014 il numero di impianti  in Eagle Ford ha raggiunto la posizione di 209 impianti di perforazione. A quel tempo, il tasso medio di produzione iniziale (IP) per un pozzo in Eagle Ford era 436 barili di greggio al giorno e il tempo medio impiegato per perforare un pozzo è stato di 15 giorni. A quel tempo, i 209 impianti di perforazione, dovrebbero essere rimasti nel bacino, e ha continuato a perforare a quel tasso di cui uno ogni 15 giorni e, in ultima analisi, avrebbe prodotto 3,3 MMB / d di greggio nell’ Aquila Ford dal 2020 “.

Poi descrive i vantaggi della tecnologia di produzione così come il tempo per perforare  il terreno e quanti pozzi siano necessari per ottenere lo stesso risultato di petrolio di scisto.  I risultati ottenuti sono impressionanti.

Segue la descrizine tecnica dei nuovi sistemi di perforazione ed estrazione con relativi risultati. (………………………)

Così il povero principe Salman ei suoi Royals potrebbero presto dover affrontare una rivolta interna dei  gelosi ed arrabbiati  rivali al trono per aver distrutto  le finanze degli una volta -super-ricchi dell’Arabia Saudita. L’unica mosca nella minestra del petrolio di scisto degli Stati Uniti, tuttavia, è quanto a lungo la  bonanza di petrolio scisto possa durare. I  tassi di esaurimento dei serbatoio dello Shale petrolio sono significativamente più veloci che con i pozzi convenzionali. Alcuni stimano che i volumi di scisto negli Stati Uniti scenderanno  drasticamente, nonostante le nuove tecnologie, entro cinque anni o giù di lì. Ma a quel punto i folli pianificatori del Pentagono di Washington sperano di aver bloccato l’intero Golfo Persico con la loro presa militarie tra cui gli  sciocchi sauditi  . Entrambe le parti hanno un ordine del giorno demenziale.

*F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, si è laureato in politica dalla Princeton University ed è un autore di best-seller sul petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “Nuovo Outlook orientale”

Fonte: New Eastern Outlook

Traduzione: Manuel de Silva

*

code