"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

I Poteri Forti spingono per sostituire Renzi a Letta

Firenze, Matteo Renzi ed Enrico Letta a Palazzo Vecchio

di GPG

C’e qualche sottilissimo e lievissimo indizio, che i Poteri forti spingano per Renzi premier al posto di Letta…..
Nei giorni scorsi s’era notato qualcosina: gli attacchi a Napolitano sferrati a mezzo Corriere, le interviste pubblicate di Alan Friedman di De Benedetti, Monti e Prodi, l’attacco frontale di Confindustria a Letta, …..
E’ cosi’, rischiamo di essere al sesto Premier senza investitura popolare (Dini, D’Alema, Amato, Monti, Letta e… Renzi) in 20 anni.
Ma perche’ i Poteri Forti spingono per Renzi premier?


Evidentemente perche’ ritengono che un governo con Renzi premier possa garantire meglio i “loro” interessi:
– sarebbe un governo piu’ stabile (e’ questo e’ un mantra dei poteri forti) ed allontanerebbe le elezioni
– potrebbe fare l’operazione Bad Bank (creare una banca dove mettere i crediti in sofferenza delle Banche) via CDP (coi soldi pubblici)
– potrebbe abbassare la tassazione sul cuneo fiscale, ergo su Imprese e Lavoro (finanziandola con incremento tassazione sulle rendite ed immobili)
– potrebbe rendere piu’ flessibile il Lavoro
– potrebbe fare qualche operazione straordinaria di riduzione del Debito Pubblico, finanziandola con una Patrimoniale, con Privatizzazioni e con l’accordo con la Svizzera.

Stampa commenti

 

 

 

 

Il Film s’e’ gia’ visto. Storico il Sole 24 del 10 Novembre 2011: di li’ a poco, Berlusconi cadde ed arrivo’…. il peggior governo della seconda repubblica, quello Monti

sole24ore_10nov2011-478x229
…. ovviamente, costoro, non esistano un secondo a gettare fango e cambiare cavallo, spesso in modo coordinato.
Il punto e’ che Renzi pare, incredibilmente, che possa stare al gioco, smentando se’ stesso. Se cosi’ facesse, legherebbe il proprio destino alla propria maggioranza parlamentare, ai vari Alfano, Casini, Monti, nonche’ alle varie correnti delle minoranze del PD, a lui ostili, tra l’altro.

Fonte: Scenari Economici

*

code