"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

I nuovi “partigiani della Repubblica”

Bagarre alla Camera. vista

I cittadini italiani che hanno avuto l’opportunità di vedere le immagini televisive della seduta parlamentare di ieri hanno potuto scorgere, al di là dello spettacolo folcloristico della rissa scoppiata a seguito dell’occupazione fatta dai deputati del 5 Stelle dei banchi del governo, l’insolito spettacolo di un gruppo filo governativo di deputati del PD e Scelta Civica che fronteggiava l’assalto dei “grillini” intonando “bella ciao” la nota canzone dei partigiani.
In un paese vicino a Reggio Emilia, un sussulto ha scosso un vecchio signore in poltrona che, reduce vivente da quell’epoca, deve essersi risvegliato dal torpore ascoltando quelle note ed ha gridato (rivolto alla nipote) “Bettina, che succede? Sono tornati i fascisti? Che faccio vado a riprendere il mio vecchio fucile nascosto in cantina?”

“Ma no tranquillo nonno”, gli ha risposto la nipote, “sono soltanto quelli che difendono i banchieri attaccati dai fascisti.” “Ma come”, dice il nonno “i partigiani con le banche”ed i fascisti contro? Ma allora è cambiato tutto, lo sapevo io che ci avevano fregato fino da allora.”
Così dicendo il nonnetto ex partigiano è ripiombato sulla poltrona ricadendo nel suo torpore.

Questa scena, dicono realmente descritta ed avvenuta, dimostra lo sconcerto di chi, nel vedere come si sia ridotta la sinistra italiana, quella che doveva difendere il popolo, il proletariato, oggi schierata con gli interessi delle grandi banche e della finanza, come ha dimostrato la vicenda parlamentare avvenuta ieri. Il PD e Scelta Civica stavano difendendo la “legge truffa” pianificata da Saccomanni per regalare 7 miliardi di soldi pubblici alle banche private azioniste della Banca d’Italia, mediante la rivalutazione delle quote. La Banca d’Italia era stata privatizzata già nel 92 grazie ad un’altra legge truffa, quella di Andreatta e Ciampi per sottrarre l’Istituto pubblico dal controllo dello Stato.

In realtà la Storia ci insegna che quelli che cantavano “Bella ciao” negli anni 40, anche allora erano ben finanziati dalle banche, quelle anglosassoni in particolare, per rovesciare il regime fascista e portare l’Italia nell’orbita del protettorato /colonia anglo americano.
Non per nulla contigui al CLN vi erano figure come Raffaele Mattioli (ex amministratore COMIT), o come Alfredo Pizzoni (Credito Italiano) che erano il trade union con gli ambienti finanziari anglosassoni per far ottenere il finanziamento degli alleati e delle banche al CLN nella sua lotta clandestina, negli anni della guerra civile, contro le autorità fasciste della RSI che governavano nel Nord Italia assieme ai tedeschi.

Furono poi entrambi personaggi che divennero fondamentali nella ricostituzione del sistema bancario del dopoguerra e  di quello della nuova Repubblica Italiana.
Niente di nuovo quindi , banchieri e partigiani sempre dalla stessa parte. In realtà la maggior parte di quei partigiani, quelli per lo meno che salirono davvero in montagna per combattere (non i finti partigiani che si dichiararono tali per pretendere prebende e posti pubblici), non sapevano di essere strumento delle forze anglo americane ma ritenevano ingenuamente di combattere contro il fascismo per “la libertà e la democrazia” (o per il comunismo quelli delle Brigate Garibaldi).
Quei partigiani di allora vivevano con poco ed avevano le toppe ai pantaloni, questi di adesso vestono con dei gessati grigio scuro e dispongono di super stipendi e rimborsi spese che gli operai e disoccupati italiani possono solo sognare. Altra differenza: i tedeschi della Merkel questa volta sono dalla parte dei partigiani, sono proprio quelli dei potentati finanziari che dettano le direttive all’Italia, si è verificato un netto cambiamento di fronte.
A distanza di settanta anni si ripete la storia ma questa volta per fortuna più scoperta: si vede il PD (erede del vecchio PCI della resistenza) da quale parte si è schierato, dalla parte di coloro che, banche e lobby varie, vogliono fare il sacco del patrimonio dell’Italia.

Questo spiega il lamento del vecchietto: “ci hanno fregato fino da allora”.

*

code

  1. Truman 3 anni fa

    Credo l’autore abbia erroneamente scritto “trade union” (“sindacato” in inglese) quando voleva intendere “trait d’union” (“tratto d’unione”, o meglio “anello di congiunzione” in francese).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Redazione 3 anni fa

      Giusta precisazione. In effetti si voleva intendere “trait d’union”, anello di congiunzione. Grazie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace